A- A+
Il Palazzo delle Meraviglie. Luoghi e genti della società
Nostra Signora dell'Islam: l'Europa dopo Bruxelles

 

Titolo provocatorio.

Però dobbiamo un attimo chiarirci su una questione fondamentale: i valori.

Siamo sicuri di voler rinunciare ai nostri valori per una generica visione  ipertollerante? Siamo sicuri di voler replicare errori che storicamente anche in un passato recente hanno prodotto nella storia dell’Europa terrore e distruzione di Stato?

Infatti, la reazione al lassismo è sempre un regime duro e puro che ristabilisce l’ ordine violato.

In effetti, questo secolo XXI, che potremmo definire “post-breve” riadattando  la definizione di Eric Hobsbawm per il XX, è stato caratterizzato antropologicamente e quindi politicamente da una concezione “iperbuonista”, una sorta di malattia della società; un eccesso le cui conseguenze si fanno sentire ora (in realtà dall’ 11 settembre).

I nostri programmi televisivi, ad esempio, sono uno sdolcinato susseguirsi di cuochi e cuochetti (pardon, ora nobilitati nella parola chef) oppure di orge sparate in TV senza ritegno che non sia quello di far alzare lo share.

Possiamo dire che questa concezione che si diffusa nella società è il portato di una degenerazione del concetto di democrazia e quindi di tolleranza.Questione difficile da trattare quella dei valori.Fino a dove si deve espandere la tolleranza culturale?

La logica vorrebbe che si trovi un equilibrio dinamico e virtuoso tra il “vecchio” rappresentato dalla società fondatrice e il “nuovo” rappresentato dalle forze fresche, provenienti da altri contesti culturali e geografici.

E’ quello che è successo dopo tutto alla più grande potenza economica del mondo, gli Stati Uniti d’America.

Tuttavia, gli Usa sono una società assai giovane rispetto alla vecchissima Europa e da noi le cose non è detto che funzionino allo stesso modo.

Chiariamo subito che per me l’accettazione di forze nuove è positiva se miscelata nella giusta misura; come ogni sostanza chimica può essere un prezioso farmaco o un pericoloso veleno occorre però maneggiare attentamente la mistura sociale anche perché in democrazia è facile che tale delicato equilibrio sia soggetto a continue modifiche e manipolazioni.

Il punto non è accettare il diverso ma bensì, cosa assai molto più difficile, capire dove fermarsi nell’accettazione perché non divenga conquista e poi egemonia culturale; ritengo questa considerazione fondamentale per dotarci di una arma critica che ci aiuti a controllare le degenerazioni della nostra società. Degenerazioni spesso semplicistiche perché è più facile, darwinianamente, assumere i valori estremi dell’agire sociale (esemplificabile nella dicotomia santo/delinquente) piuttosto che soffermarci nella difficile “regione del grigio”, tra gli estremi del bianco e  nero.

Ecco, gli Usa, bene o male, sono per me abitatori dell’equilibrio mentre l’Europa oscilla ancora tra gli “opposti estremismi” di un buonismo totalizzante e di un razzismo respingente.

Fin quando non sapremo gestire questo equilibrio non troveremo la giusta via di mezzo.

Una piccola considerazione di geopolitica: come mai il mondo attaccò subito l’Iraq, la Libia e i Paesi delle Primavera Araba (salvo poi pentirsene ora amaramente) mentre l’ Isis, che, ricordiamolo, è uno Stato con tanto di capitale, sta ancora al suo posto?

Questa è la domanda base da porci per capire qualcosa…

Commenti

    Tags:
    islam;bruxelles;isis

    in vetrina
    Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

    Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

    i più visti
    in evidenza
    Si ferma anche Calhanoglu Allarme infortuni, Gattuso in crisi

    Milan News

    Si ferma anche Calhanoglu
    Allarme infortuni, Gattuso in crisi

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes Classe E 300 de EQ Power, la prima diesel plug in hybrid

    Mercedes Classe E 300 de EQ Power, la prima diesel plug in hybrid

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.