A- A+
Il Palazzo delle Meraviglie. Luoghi e genti della società
Referendum Trivelle e cattolici

 

Papa Francesco ha pubblicato, per la prima volta nella storia della Chiesa cattolica, una intera enciclica, la “Laudato sì”, sull’ambiente e sulla sua salvaguardia.Per certi versi si è trattato di un evento storico ed assolutamente rilevante dopo che per anni una certa parte della Chiesa ha fatto molta fatica a riaccostarsi alle tematiche del Creato e della Natura intese e declinate, ad esempio, in senso di un francescanesimo filosofico.

Anche questo è stato un segno dei tempi di cambiamento nel solco conciliare di Giovanni XXIII che Francesco ha portato e con cui sta segnando con impronta indelebile il tragitto della Chiesa di Cristo.

E, a ben pensarci, non poteva essere che così.Infatti l’ambiente, per il cattolico ma per il cristiano in generale, è segno operante della presenza divina.

Questo ci serve però per fare un discorso sui cattolici e la politica.E’ vero che occorre essere laici nelle istituzioni ma in politica?

Come fa ad esempio un ministro dell’Ambiente cattolico praticante come Gianluca Galletti a lodare a esaltare giustamente la “Laudato sì” ai fini della Conferenza Onu di Parigi sul clima e poi disconoscerne di fatto il valore per quanto riguarda invece il referendum sulle trivelle? Non è forse legato proprio il discorso dei cambiamenti climatici con quello di un utilizzo sempre più spinto di quelle energie rinnovabili e di quella Green Economy che sono le prime nemiche dei combustibili fossili inquinanti?

Eppure Galletti ha sorpreso molti, data la sua origine politica, in campo ambientale dando luogo a speranze di cambiamento duraturo di strategia.

Ora invece assistiamo a un inaspettato dietrofront su un tema che fa proprio a impattare la natura stessa del Creato declinato in senso cattolico.Cosa c’è di più violento che rubare i tesori della Natura nascosti nelle sue viscere. E come può, il cattolico Primo Ministro Renzi, avversare la salvaguardia del Creato? E come lo può fare anche un altro cattolico praticante come Romano Prodi?

Anche la Cei, cioè i vescovi italiani e Monsignor Galantino in particolare si sono espressi per portare attenzione al referendum e a non considerarlo come un fatto secondario.Sabato prossimo a San Pietro ottanta diocesi e i rispettivi vescovi pregheranno e digiuneranno per dire di votare “sì”, contro le trivelle, al referendum del 17 aprile.

Un segno importante da cogliere per ogni cristiano e laico.

Tags:
referendum;cattolici;papa francesco

in vetrina
Alessandro Cattelan porta EPCC a teatro: Ratajkowski, Chiara Ferragni e... ECCO I SUPER-OSPITI

Alessandro Cattelan porta EPCC a teatro: Ratajkowski, Chiara Ferragni e... ECCO I SUPER-OSPITI

i più visti
in evidenza
Fashion Week, nuove tendenze Paillettes, biker shorts e...

Costume

Fashion Week, nuove tendenze
Paillettes, biker shorts e...

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Porsche: addio al Diesel

Porsche: addio al Diesel

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.