A- A+
Politicamente scorretto
Show dei filo globalisti dalla Merlino. I sovranisti accusati di 'passatismo'

Che popolo scriteriato siamo noi italiani.
Siamo un popolo senza riconoscenza e pervasi da demenza senile e precoce.
Non riusciamo a comprendere quale fortuna sia vivere in questa epoca storica.
Ci pensano i giornalisti mainstream come il dott. Polito, eminente editorialista del Corsera, il dott. Rizzo, eminente editorilista del gruppo Repubblica,  o il dott. Barisoni "voce" di Radio 24, oppure emineti esponenti del popolo progressista (è ancora possibile accostare la dicitura popolo al mondo cosiddetto progressista del PD e di tutti i vari cespugli generati dalle scissioni, dalle fuoriuscite, ecc.), come il manager Chicco Testa ad ammonirci e a redarguirci per il nostro "amore" delle cose passate, a cercare di toglierci il nostro passastismo che ci porterà alla rovina.
E già, perchè la nuova linea della comunicazione dei filo globalisti per cercare di sgretolare il consenso maggioritario di cui nutrono i movimenti "sovranisti", definiti sprezzantemente populisti, dal mondo "radical chic", è incentrata sull'accusa di passatismo e di amore per il "mondo antico" che produrebbe un senso di sicurezza "materno" in un periodo storico tutt' altro che benefico e "sicuro".
La " nuova linea" è stata inaugurata la scorsa settimana da un editoriale a tutta pagina del Corsera, da Antonio Polito.
Oggi nuovo "affondo" durante la trasmissione di LA 7 "L'aria che tira" .
Lancia in resta e carica contro il filosofo Diego Fusaro, reo di sostenre le "aberranti tesi" anti globaliste del turbo capitalismo.
Gli ospiti di Mirta Merlino, Rizzo, Testa, e Barisoni cercano, con sarcasmo mal celato, di dimostrare l'infondatezza delle tesi del filosofo "post-marxista" presente in studio.
Tesi, di più, speranze e rimostranze, che il popolo italico ha mostrato di sostenre con il libero voto espresso a suffragio universale lo scorso 4 marzo.
Ma per i "lungimiranti" filo globalisti e progressisti siamo solo dei sogantori colpiti da demenza senile precoce con memoria ormai offuscata dall'arteriosclerosi.  
Noi che non riusciamo a comprendere la ricchezza della globalizzazione, la generosità della Unione "sovietica" Europea.
Due generazioni di cittadini hanno visto la distruzione della speranza e dei progetti di vita e ormai vivono alla giornata al di sotto della soglia di povertà o, per chi se la passa un po' meglio, compie salti mortali per sbarcare il lunario ?
Tutte bazzecole, o meglio solo un falsa rappresentazione della realtà e uno stato d'animo di milioni di cittadini bisognosi di una cura psicologica e psichiatrica.
Già, perchè non si comprende, secondo Polito & C., e non si ricorda, che schifo fossero gli anni del secolo scorso quando il lavoro era sicuro; le famiglie potevano pianificare una vita tranquilla e serena, acquistare casa o pagare l'affitto senza patemi; avere una assegno pensionistico che garantiva una vecchiaia dignitosa (ah, ma c'erano le tanto bistrattate lirette), ma  tutto ciò provocò alle casse dell'Inps una voragine profonda che ci stava conducendo al fallimento (?!?) risistemata dalla "fata turchese" prof.ssa Elsa Fornero che ci garantirà un futuro roseo; echisenefrega se il bilancio Inps sarebbe in attivo se si scorporasse l'assistenza dalla previdenza.
Che schifo era poter realizzare i propri sogni e progetti (che persone pretenziose eravamo...).
E poi, che schifo, ll campionato di serie A si disputava alle 14:30, alle 15 o alle 16 (e non solo alle 15, evidentemente Polito non frequentava gli stadi), i biglietti popolari costavano 10 mila lire (che schifo , così poco!), i giocatori non fatturavano quanto una multinazionale e amavano la maglia, il blasone e avevano rispetto per i tifosi, e le nostre squadre piene zeppe di italiani (non sia mai, volete mettere che meraviglia avere un "undici" di soli stranieri da ogni parte del mondo) dominavano in Europa e nel mondo, e con la chiusura delle frontiere decretata nel lontano 1966, la nostra nazionale disputava due finali dei mondiali, vincendone una (ovviamente per pura fortuna), ora, invece, che bello non qualificarci per i mondiali, e l'ultima coppa europea vinta da una squadra italiana risale al 2010. 
E poi, nel secolo scorso non c'erano i centri commerciali, nuova meravigliosa agorà, dove si esplica la socializzazione (mentre coi negozietti di quartiere era assente anche un minimo scambio di favella...!?!) tramite i supporti digitali.
Si doveva svolgere il servizio militare di leva o il servizio civile che fornivano quei dettami di educazione civica assolutamente inutili nella società "civile" di oggi.
E poi le aziende di Stato , carrozzoni mangiasoldi che per decenni ricostruirono il Paese dalle macerie della guerra e poi svendute da uno "statista" che amava tanto l'Europa e l'Euro, panacea di tutti i nostri mali e i nostri difetti.
Noi "passatisti che desideriamo un Leviatano pubblico come siamo stupidi.
Un Leviatano pubblico ?
In questo inizio di millennio abbiamo avuto un Leviatano multinazionale e globalista che ha distrutto la nostra vita il nostro futuro.
Ok, dott. Polito & C. uccidiamo il Leviatano, ma quello che esiste e che è esistito in questi due decenni, sì quello multinazionale, globalista, schiavista.
Così, egregio dott. Polito & C., potremo riappropriandoci del nostro passato, facendo della historia, la nostra magistra vitae, e riconquistando e difendendo il nostro futuro e poter realizzare le nostre speranze, progetti, sogni.
Già, ma noi siamo dei miseri passatisti....
 
Massimo Puricelli
Castellanza (VA)
Commenti
    Tags:
    sovranisti
    in evidenza
    L'Alta Velocità festeggia 10 anni Ecco lo spot Saatchi&Saatchi

    Costume

    L'Alta Velocità festeggia 10 anni
    Ecco lo spot Saatchi&Saatchi

    i più visti
    in vetrina
    Milan, sanzione Uefa: multa, rosa limitata e... IBRAHIMOVIC, SI RIAPRE

    Milan, sanzione Uefa: multa, rosa limitata e... IBRAHIMOVIC, SI RIAPRE

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Kia presenta la Niro-E 100% elettrica

    Kia presenta la Niro-E 100% elettrica

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.