A- A+
Prima serata
Ascolti tv, il dilemma di Matano: ecco perché il programma anti-giudici non va

Il programma di Alberto Matano su Rai Tre, concepito con le migliori intenzioni, vale a dire risarcire idealmente le numerosissime vittime della farraginosa macchina della giustizia, non funziona. I motivi potrebbero essere molteplici: la collocazione critica, la scelta delle storie che non sempre hanno lasciato traccia nell’immaginario collettivo, la debole declinazione autorale dei temi vagliati e, soprattutto, la mancata sintonia con il clima più colpevolista del paese.

Sicuramente, ‘Sono innocente’ – questo è il titolo del format in onda la domenica in prima serata e prodotto da NonPanic  (Gruppo Banijay) – riflette le incertezze e gli errori di programmazione di una rete che  da anni  non ha più una precisa identità se non quella, ormai scomoda, ereditata dai periodi  caldi della lotta ideologica contro Silvio Berlusconi.

Fu grazie alla  contrapposizione al Caimano che il terzo canale del servizio pubblico individuò  la sua ‘corporate identity’ più riuscita, consolidando prodotti molto innovativi messi poi in pista da Angelo Guglielmi e da altri talentuosi  dirigenti come Stefano Balassone, e creando brand che sopravvivono ancora oggi. Quelli del de-marketing antiberlusconiano erano gli anni di Paolo Ruffini e del 'ruffinismo', che portarono alle estreme conseguenze il ‘telekabulismo’ di Sandro Curzi quando essere ‘anti’ premiava a prescindere anche dalla qualità.

Ora che Silvio fa molta meno paura ed è quasi un alleato del Pd – che tecnostrutturalmente è ancora il padrone della Rai –  andare contro corrente  non paga più, di conseguenza  i nuovi prodotti stentano e Rai Tre rifrange tutti i problemi e le contraddizioni tipici dell'area politica cui fa riferimento. In questa crisi identitaria si inserisce  l’esperimento di Alberto Matano. Il conduttore catanzarese preso in prestito dal TG1, va detto, ha dalla sua una forte notorietà, uno stile garbato e pulito  e un’indubbia capacità di bucare lo schermo, qualità che lo ha trasformato in un ‘testimonial’ del telegiornale diretto da Andrea Montanari.

Il marketing della Rai ha pensato che abbinare queste caratteristiche antropologiche a un programma dalle tesi ipergarantiste quali quelle portate avanti da ‘Sono Innocente’ fosse una ricetta che avrebbe potuto funzionare. La credibilità di Matano serviva a far passare inchieste che, di fatto, mettevano sotto accusa gli errori della magistratura  e le conseguenze spesso drammatiche che hanno determinato in  chi li ha dovuti subire.

Un’operazione mediaticamente  non priva di rischi, e la funzione  di Matano sarebbe  dovuta servire  – si pensava –- proprio ad attutirne  il messaggio per certi aspetti dirompente visto che era il servizio pubblico ad irradiarlo. Stato contro Stato. Non è proprio poco. Ma il cocktail si è rivelato di difficile digeribilità.  Anche ieri sera il programma non è andato oltre il 3.4 di share,  con 840.000 spettatori.

L’immagine è curata e lo studio è funzionale a concentrare l’attenzione sulle storie, ma il racconto procede lento e il processo di identificazione del telespettatore annaspa. Le storie scelte non sempre hanno lasciato traccia nella mente dei fan di Rai Tre.  Si pensi all’ultima puntata, in cui sono stati trattati i casi  di Domenico Morrone, pescatore tarantino di 27 anni che nel 1991 venne accusato dell’omicidio di due ragazzi minorenni all’uscita da scuola;  di Stefano Messore, ritenuto – a torto-  colpevole di essersi appropriato  di cibi e vestiti destinati ai terremotati del Centro Italia;  nonché  di Aldo Scardella, nel mirino  a soli 25 anni per  aver ucciso il titolare di un negozio di liquori durante una rapina.

Nulla da dire sul rigore delle schede che valorizzano il formidabile archivio Rai e sulle ricostruzioni stile ‘Chi l’ha Visto’ , il punto più debole è proprio lo studio. Il pubblico assente   (comprensibile, visto che sarebbero state imprevedibili le reazioni della ‘gente’  ) e la mancanza  di un talk conclusivo sulla giustizia che non va,  si fanno sentire.

Tra le motivazioni che possono spiegare le difficoltà del format ad affermarsi nei palinsesti Rai,  ve ne è una più sociologica: il clima del paese non è cosi garantista,  e forse non lo è mai stato. Gli italiani più che della giustizia penale si sentono vittime di quella civile, basti vedere i numeri impressionanti  delle cause  pendenti. Rai Tre, nel tipico solco dell'autoreferenzialità della sinistra, ha invece pensato che il 'popolo' si sarebbe potuto identificare più facilmente nei  pur gravi errori giudiziari commessi dai PM, dalle  Corti d'Appello, dai Giudici della Cassazione e quant’altro. Una visione legittima, sensata, ma pur sempre  élitaria. La stessa, per capirci, che alimenta la convinzione fra gli addetti ai lavori che il dibattito sulle intercettazioni sia percepito come centrale dal ‘popolo’ per il futuro della democrazia. Un tema che, invece ,  interessa esclusivamente le  classi dirigenti perché coinvolte nelle vicende e i giornalisti che dipendono da esse per pubblicare le notizie.

Il ‘sentiment’ del Paese (crudele finché vogliamo) va nella direzione opposta a quella indicata da Rai Tre. È vero che esistono molti errori giudiziari e che la popolarità dei magistrati sta andando a picco, come sottolineano numerose indagini. Tuttavia  saltano più all'occhio i casi di impunità conclamata che riguardano i   privilegiati e la upper class   (vedi banche, vedi politica, banche salvate dalla politica,  vitalizi, corruzione eccetera eccetera ) in cui si saldano le complicità  fra le varie élite a scapito dei cittadini 'comuni'.

A discolpa del direttore di rete , Stefano Coletta, dobbiamo però dire che molti dei prodotti che si è trovato a programmare non sono  frutto della sua linea editoriale e  che,dipendesse da lui, forse in alcuni casi  sarebbero andati in onda con tagli diversi. E , per dirla tutta, non è  facile per nessuno doversi misurare con la noiosissima e irraccontabile ‘era del Nazareno’, distintasi solo per aver dato una pessima  prova di   gestione del potere da parte delle classi dirigenti, in primis il Partito Democratico.
 

Tags:
ascolti tvprogramma anti-giudici antonio matano

in vetrina
Diletta Leotta lascia Sky Sport e passa a Dazn. Ecco cosa farà

Diletta Leotta lascia Sky Sport e passa a Dazn. Ecco cosa farà

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana I piccoli calciatori visti dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
I piccoli calciatori visti dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Peugeot presenta la limited edition della 208 Black Line

Peugeot presenta la limited edition della 208 Black Line

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.