A- A+
Prima serata
Il Pd è morto ma non il popolo di sinistra. Lo dimostra il Tg3

Il Tg Tre a guida Luca Mazzà continua a crescere negli ascolti. Quando il giornalista romano, con alle spalle una robusta formazione economica, successe a Bianca Berlinguer, molti parlarono di normalizzazione e prefigurarono un consequenziale crollo di consensi Auditel della sua testata. Invece – zitto zitto – Mazzà è riuscito a realizzare un piccolo miracolo mediatico. Consolidare e migliorare gli ascolti di chi l’ha preceduto, senza snaturare l’identità genetica dell’ex Tele Kabul, intercettando invece esigenze e mutazioni del target.

Non era facile perché l’autorevolezza e la presa sul popolo della sinistra di “Bianca Nazionale” non deve essere certo spiegata… Per capirci, il non rimpianto D’Alema soffriva molto la popolarità della Berlinguer: si racconta che alle feste dell’Unità i compagni acclamassero molto più lei di lui, spesso ignorandolo del tutto o non riconoscendolo neanche, il che è pure peggio. Succedere a un’icona vivente non è una passeggiata, considerando che il neodirettore veniva indicato come renziano e, storicamente, i tg “governativi” scontano in termini di impatto sul pubblico parecchio consenso. Invece gli ascolti hanno ricominciato a crescere, il Tg Tre è tra i generalisti quello che aumenta  di più: nelle principali edizioni delle 14.20 e 19.00 registra rispettivamente +0,7% +0.6% nei confronti dei primi 8 mesi del 2017 che erano già in forte crescita rispetto allo stesso periodo 2016. In valore assoluto sono oltre 200.000 telespettatori in più alle 19.00 e circa 130.000 alle 14.20. L’ultimo incremento è avvenuto quest’estate con un secco +2% di share nelle edizioni di punta.

bianca berlinguer
 

Come si spiega un simile risultato? Intanto la tecnostruttura “comunista” della Rai vanta ancora professionalità solidissime e di alto livello. Solo per citarne alcuni, ai vertici della testata si distinguono per serietà e ottimi pedigrees professionali vice direttori come Maurizio Ambrogi, Giorgio Saba, Pierluca Terzulli e , naturalmente, Carmen Santoro. Un sostrato  che si riconosce anche nei programmi di Rai Tre che – per quanto Rete in perdita di identità e con una crisi di ascolti dovuta all’uscita di Fazio ma non solo – resta il canale che fa sempre gli esperimenti più interessanti con programmi qualitativi e di inchiesta di assoluto valore. Per Affari Italiani ne abbiamo recensiti diversi, pleonastico rielencarli qui.

Ma per spiegare il fenomeno Tg Tre e il non scontato incremento degli ascolti negli ultimi due anni, la sociologia ancorché spicciola può aiutare. In fondo, il popolo di sinistra è cambiato: non crede più nella demagogia, si sente minacciato dal qualunquismo ideologico dei Cinque Stelle, cerca soluzioni che non trova rappresentate in un partito avviluppato nelle proprie pastoie e staccato dalla realtà. Ridurre al minimo il tasso di ideologismo e di slogan parolai anche nel taglio dei servizi non ha significato per le indubbiamente valide maestranze di “Tele Kabul” perdere in termini di incisività. Le inchieste sono toste e a firmarle sono inviati agguerriti come Fabrizio Feo, Valentina Antonello del politico e Francesca Sancin, un mastino della cronaca.

Carmen santoro
 

E se vogliamo infierire: metaforicamente le rubriche del Tg che fu di Sandro Curzi rispondono alle richieste di un target che invece nei politici “amici” non trovano riscontri. Fuori tg si occupa della gente e del popolo vessato da burocrazia, multinazionali e mala politica, con l’umiltà e lo sforzo di capire e spiegare  il disagio tentando anche di risolvere i problemi. Linea Notte, vale a dire la messa cantata notturna del giornale di sinistra della Rai, è  recitata da un volto storico come Maurizio Mannoni, il quale palleggia la materia politica con sagacia e contribuendo a decodificare gli algoritmi del Palazzo. Forse a volte in modo troppo soft, ma il pubblico comunque sembra gradire. Un plauso va a Tg Tre Mondo curato da Roberto Balducci e Maria Cuffaro, l’unico spazio televisivo in cui la finestra sugli esteri offre chiavi di lettura inedite, precise, costanti. Che si occupi di Nicaragua o della crisi turca, lo sforzo della redazione è quello di far comprendere perché tutto riguarda anche noi, che l’interdipendenza è una realtà.

Qualcuno potrebbe parlare di riserva indiana, può essere, ma il microcosmo è corposo e ha voglia di battersi e, soprattutto, è in cerca di un luogo della politica. Il Partito Democratico è morto il giorno in cui non ha avuto il coraggio di chiedere conto ai boss delle autostrade dei soldi rubati agli italiani… Ripartiamo dalla gente, dice Maurizio Martina, peraltro un politico serio e che merita massimo rispetto: allora, caro segretario, cominciamo da milioni di italiani che hanno pagato l’autostrada a peso d’oro e ingiustamente! La “tua” gente è quella che ha dovuto – e deve, perché anche questo governo dorme… – sborsare 80 euro per la tratta Napoli-Milano e scopre che la triade Prodi-D’Alema-Renzi ha “patrocinato” il furto legalizzato senza fiatare. Il Pd è morto col crollo del ponte di Genova, ma il popolo di sinistra, no. Quello c’è ancora in attesa di un soggetto credibile che possa ridare orgoglio e combattività. E Luca Mazzà – numeri alla mano – dimostra che questa gente ancora c’è, eccome. Quello che manca, tristemente, è la politica.

Commenti
    Tags:
    tg3pdklaus daviluca mazzarosanna santorobianca berlinguer

    in evidenza
    Ascolti: Gruber batte Palombelli Balivo giù, boom Sciarelli

    Spettacoli

    Ascolti: Gruber batte Palombelli
    Balivo giù, boom Sciarelli

    i più visti
    in vetrina
    Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

    Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Audi E-tron, nasce la gamma elettrica

    Audi E-tron, nasce la gamma elettrica

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.