A- A+
Prima serata
Serena Bortone, la ‘docile tigre’ che ha reso commestibili le morning news
SERENA BORTONE

di Klaus Davi

 

Invece di scannarsi per le prime serate, i big della politica dovrebbero farlo per le morning news. Motivo? Il bacino d’utenza della fascia mattutina è tra i più articolati (e pregiati) dei segmenti televisivi. Guardiamo “Agorà”, in onda dal lunedì al venerdì alle 8.00: nella prima mezz'ora a seguirlo è la classe dirigente, di fascia economica medio-alta e con un buon livello d’istruzione; con l’incedere della puntata, poi, il bacino subisce una trasformazione e si allarga lambendo un target più pop e attento ai messaggi destinati alla cosiddetta pancia.

Non è un caso che Rai Tre in questi spazi abbia collocato in passato format più leggeri come “Cominciamo bene” – in onda dal 1999 al 2012 – e i suoi spin-off, come quello condotto da Licia Colò dal 2003 al 2009 dedicato al regno animale. Poi, forse un po’ spinti dagli alti ascolti di “Uno Mattina” e un po’ dall’esigenza di rendere più autorevole la rete in quel frangente, il marketing Rai e l’allora direttore dell’emittente, Antonio Di Bella, diedero vita ad “Agorà”. La conduzione fu affidata inizialmente ad Andrea Vianello che, nominato direttore di Rai Tre nel2013, ha ceduto lo scettro a Gerardo Greco, affidando a Serena Bortone la guida delle versione estiva del programma.

Da settembre dello scorso anno, però, anche la parte invernale è in mano a Serena, risorsa Rai arrivata a un’importante sfida dopo anni di gavetta. In seguito a esperienze iniziali presso tv private anche affermate come Stream, è proprio in Rai che Serena ha completato il suo percorso, prendendo parte a programmi - in ruoli differenziati - come “Alla ricerca dell’Arca”, “Avanzi” e “Mi manda Raitre”, per poi debuttare - inizialmente come inviata ed autrice -  nella trasmissione che attualmente conduce, “Agorà”. La Bortone  e’ sempre stata attenta alla politica italiana ma non solo, tant’è che tra il  2012 e il 2014 seguì come inviata alcune tappe fondamentali della politica internazionale quali le elezioni in Francia e negli Stati Uniti.

serena bortone ape 2Foto LaPresse
 

Da settembre 2017, quindi, “Agorà” è interamente nelle sue mani e la conduttrice romana  ha subito impresso il proprio timbro. Cerchiamo di capire come. Questo è il Leit Motiv seguito dal format, che però può essere soggetto a variazioni:  la conduttrice apre la puntata con una breve sintesi dei fatti del giorno (in stile tg) che di rado oltrepassa  i 90 secondi, con un  linguaggio semplice, lineare, diretto e che arriva al dunque. Chi usa termini tecnici viene subito messo al suo posto. Spesso una prima – breve – infarinatura di politica mediata attraverso un’iniziale discussione in studio viene inframezzata da servizi tratti da programmi andati in onda la sera precedente, utili a scaldare il dibattito. Gli RVM – quando non strettamente legati a fatti politici - ripropongono talvolta pieces di comici come Crozza e Littizzetto, i quali hanno lo scopo di  colorire  con umorismo quanto emerso il giorno prima dall’agenda politica.

La squadra degli inviati è composta, tra gli altri, da nomi come Irene Benassi ed Enzo Miglino, totalmente allenati a rispettare i ritmi e i rapidi claims imposti dalla conduttrice: i collegamenti sono asciutti; dai toni mai drammatizzanti, prediligendo uno stile di analisi puntuto e, quando  necessario, un tantino irriverente. Non mancano vere e proprie inchieste di buona fattura, con lo scopo di costringere i politici in studio a misurarsi con le esigenze sociali.

In studio la conduttrice interpreta il ruolo di  una docile tigre che azzanna l’ospite quando si compiace nel linguaggio algoritmico e politichese, al fine di riportarlo a terra. E non importa se l’interlocutore  sia più o meno importante o autorevole. È accaduto con tanti politici, di recente l’esponente di punta del PD Matteo Colaninno è stato benevolmente interrotto con diversi «scusi, non ho capito» che, tradotti, stanno per «a casa non hanno capito, si spieghi meglio». E, bisogna dire, che i politici recepiscono lo stimolo dialettico senza poi  ribellarsi più di tanto.

Il risultato è un cocktail riuscito che fa convivere la tradizione di una rete ‘impegnata’ con i linguaggi e i fenomeni politici legati alle tendenze  più moderne. Utili in tal senso si rivelano  Senio Bonini al moviolone e Marco Carrara ai social: due lucide finestre su un racconto alternativo della realtà.

Di Bella 1
 

Amante del confronto anche aspro ma nemica delle sovrapposizioni in studio, Serena tira  le orecchie a chiunque sgarri. Il suo mantra è “mettere in discussione tutto ed esercitare il pensiero critico; imporre il rispetto reciproco a cominciare da un codice di rispetto in primis  linguistico, con un’attenzione particolare verso chi è portatore sano di diversità”.

Teorica della disobbedienza civile, Serena Bortone è una grande conoscitrice di Don Milani, come ha rivelato lei stessa a Famiglia Cristiana, indicando come snodo fondamentale della sua vita i suoi scritti «che mia mamma mi faceva leggere da bambina». La ricetta sembra funzionare e la nostra ormai è pronta per un balzo in prime time.

Stagione d’oro per gli ascolti di Agorà

La trasmissione è in onda su Rai 3 ogni mattina dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 10 circa. A partire da settembre 2017 la trasmissione ha ottenuto fino ad oggi un’audience media di 434 mila spettatori e il 7,7% di share. Negli ultimi tre mesi (considerando quindi solo l’audience dei mesi di marzo, aprile, maggio e dei primi giorni di giugno 2018) la media di ascolto della trasmissione è salita a circa 509 mila spettatori e 8,9% di share, cavalcando  molto bene l’ondata di scossoni politici dell’ultimo periodo.

Il pubblico di Agorà è leggermente più femminile (in media il 53% del totale) e collocato in una fascia d’età matura (circa l’85% dell’audience ha più di 55 anni e il 65% più di 65;  gli under 45 sono in media appena il 7% del totale): sul target degli over 65 la trasmissione ottiene circa l’11% di share.

Il target in possesso di un titolo di studio alto (laurea) è maggiormente affine al programma e segna in media il 10% di share, così come gli appartenenti alle classi socio-economiche medio alte.

A livello territoriale Agorà risulta più seguito nelle regioni del Centro Italia: in Toscana, Sardegna e Lazio realizza mediamente il 10% di share; sotto la media le regioni del Sud, con Sicilia, Puglie e Campania al di sotto del 6%; sotto la media anche la Lombardia (6,8% di share). Lo rivela l’analisi a cura di Anthony Cardamone, a capo del dipartimento ricerche di Omnicom Media Group, in collaborazione con l’agenzia Klaus Davi & Company.

 

barbara d'urso grande fratello 2018
 

SPIGOLATURE

 

Il prime time è stato dominato dalla sfida nazional-popolare tra Rai Uno (rete di Angelo Teodoli) e Canale 5 (emittente diretta da Giancarlo Scheri): il primo canale della tv di Stato ha trasmesso l’amichevole della Nazionale italiana contro l’Olanda, raggiungendo il 24,2% di share grazie a poco più di 6 milioni di spettatori, mentre la rete ammiraglia di Mediaset ha mandato in onda la puntata finale del Grande Fratello 15 condotto da Barbara D’Urso, registrando il 23,6% di share e 3,8 milioni di telespettatori.

 

Si mantengono sui loro standard “Omnibus” e “Coffee Break” su La7, rete diretta da Andrea Salerno: i due programmi d’informazione mattutina segnano rispettivamente il 5,3 e il 5,57% di share.

 

Continua a crescere “Stasera Italia” su Rete 4 (emittente sotto la guida di Sebastiano Lombardi): in access prime time, la trasmissione condotta il lunedì da Giuseppe Brindisi e Veronica Gentili segna il 4,91% di share e 1.131.000 telespettatori nella prima parte, mentre nella seconda ha intrattenuto 1.216.000 spettatori con il 4,85% di share.    

 

Ottimi risultati per Rainews 24 di Antonio Di Bella che, in un momento così importante per la politica italiana, ha visto il proprio “Telegram” ottenere l’1,7% di share e 181.000 spettatori. E, a proposito dell’importanza dei social per la rete di Di Bella, la diretta facebook del giuramento del nuovo Governo Conte sulla pagina di Rainews24 ha avuto ben 44.500 contatti e 20.000 visualizzazioni uniche.

 

Tra i canali non generalisti si segnalano la performance di Rai 4 e Rai Premium, emittenti digitali più viste della prima serata grazie rispettivamente ai film “Lo chiamavano Jeeg Robot” (486 mila spettatori, share 2,1%) e “Nozze romane” (481 mila spettatori, share 2,0%).

 

 

Tags:
serena bortonebarbara d'urso
in evidenza
Pif, ecco il suo primo romanzo "...che Dio perdona a tutti"

Novità editoriali

Pif, ecco il suo primo romanzo
"...che Dio perdona a tutti"

i più visti
in vetrina
Juventus, Cristiano Ronaldo clamoroso: fuori dal podio del Pallone d'Oro 2018

Juventus, Cristiano Ronaldo clamoroso: fuori dal podio del Pallone d'Oro 2018

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Citroen Berlingo vent'anni di successi

Citroen Berlingo vent'anni di successi

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.