A- A+
Quelli che i numeri non dicono
Sorpresa: in Italia i matrimoni crescono (e così pure le spese)

In Italia il matrimonio come istituzione continua a resistere, ma soprattutto continua a essere un momento di celebrazione e di festa: leggendo le statistiche relative al numero di nozze registrate nel nostro Paese, infatti, si scopre che c'è stata un'inversione di tendenza rispetto al recente passato, con un nuovo segno più che riporta il totale a valori antecedenti la crisi economica. Mentre il dato che non cala è quello della spesa per l'organizzazione del giorno "più importante" della vita degli sposi.

Tornano a crescere le unioni

Iniziamo proprio con l'analisi delle unioni, prendendo come fonte l'Istat e la sua indagine (con dati aggiornati alla fine del 2015): in un intero anno solare nel nostro Paese sono state registrate 194.377 unioni, con un aumento di circa 4.600 unità rispetto all'anno precedente. Secondo l'istituto di ricerca nazionale, si "tratta dell’aumento annuo più consistente dal 2008" (seppur ancora lontani dai valori complessivi di quell'anno, ultimo prima della crisi, quando le nozze furono addirittura 246.613), e soprattutto una buona inversione di tendenza visto che, tra il 2009 e il 2014, "i matrimoni sono diminuiti in media al ritmo di quasi 10 mila all’anno".

Inversione di tendenza (anche rispetto al resto del Mondo)

Impossibile non ipotizzare, a questo punto, un legame diretto tra la congiuntura economica negativa e il calo delle nozze, su cui comunque influisce anche un cambiamento delle abitudini culturali che arriva anche nel nostro Paese. Allargando brevemente l'orizzonte dei numeri, anche le Nazioni Uniti hanno studiato le dinamiche del tasso matrimoniale in circa 100 nazioni, rivelando che la quantità di matrimoni è nettamente scesa dal 1970 al 2005 in quattro quinti dei Paesi esaminati. Ad esempio, in Australia si è passati da 9,3 sposalizi per 1.000 persone del 1970 ai 5,6 del 2005, in Egitto dal 9,3 al 7,2, in Polonia dall’8,6 al 6,5 e in Italia dal 7,3 al 4,3 del 2005.

Le statistiche sui matrimoni in Italia

Tornando allo Stivale, l'Istat evidenzia come la ripresa dei matrimoni, seppur lieve, riguarda in maniera preminente le prime nozze tra sposi di cittadinanza italiana: nel solo 2015 si sono tenute 144.819 celebrazioni, dato superiore di duemila unità rispetto all'anno precedente e, ancora una volta, in opposizione alla tendenza (che ha visto calare di oltre 40 mila registrazioni questa tipologia di nozze tra 2008 e 2014). Tra le altre notizie "curiose", gli sposi celibi hanno in media 35 anni e le spose nubili 32 (media in aumento di due anni rispetto al 2008), mentre gli sposi che scelgono il rito civile rappresentano ormai il 45 per cento del totale, sia per l'incidenza delle seconde nozze che per scelta precisa delle coppie.

Ma quanto costa un matrimonio in Italia?

Come dicevamo, questo quadro definisce un cambiamento in atto e non può essere slegato dall'analisi del "costo" del matrimonio: al di là delle difficoltà che le coppie hanno nell'immaginare, progettare e costruire la propria vita insieme, anche l'evento stesso ha un costo ben preciso e piuttosto pesante, come rivelano alcuni studi di settore. Per la precisione, una recente analisi di Compass e ProntoPro.it ha stimato che la media del prezzo di un ricevimento di nozze per circa 100 invitati (comprendente tutte le voci del caso, come abiti, catering, addobbi floreali e musica di accompagnamento) è di 15 mila euro, con notevoli differenze territoriali.

Un fattore rilevante per il sì

Ad esempio, il "sì" a Roma costa all'incirca 19 mila euro, mentre Campobasso è tra le province più economiche, con un conto che raggiunge "solo" i 13 mila euro. E a queste spese bisogna aggiungere ancora altri elementi, come l'eventuale noleggio della location, l'acquisto delle bomboniere e il viaggio di nozze, che fanno lievitare il tetto fin sopra ai 20 mila euro. Numeri che confermano la nostra tesi precedente, ma che evidentemente non rappresentano più un ostacolo insormontabile per le coppie; oppure, è lecito anche pensare che si stia diffondendo una certa tendenza al risparmio e alla preparazione fai da te per le nozze, seguendo alcuni dei trend del Web.

Come sposarsi risparmiando

A spiegare bene come è possibile vivere il grande giorno senza spendere tantissimo è una delle più famose wedding blogger italiane, Rebecca Riparbelli, che dalle pagine del suo blog di matrimonio sposiamocirisparmiando.it offre non solo spunti interessanti per chi si appresta alle nozze, ma anche testimonianze di chi effettivamente è riuscito a festeggiare l'evento in maniera economica, senza però rinunciare a nulla, all'insegna del motto "chic ma non cheap".

Commenti

    Tags:
    matrimoniobombonierelocationistatindagini istat

    in vetrina
    Royal Family News, Meghan Markle incinta? "Si vede dai capelli". Ecco perché

    Royal Family News, Meghan Markle incinta? "Si vede dai capelli". Ecco perché

    i più visti
    in evidenza
    Nadia Toffa: "Il cancro un dono? Mai detto di essere fortunata"

    Culture

    Nadia Toffa: "Il cancro un dono?
    Mai detto di essere fortunata"

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    DS 7 crossback E-Tense 4x4, il lusso diventa elettrico

    DS 7 crossback E-Tense 4x4, il lusso diventa elettrico

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.