A- A+
Questioni internazionali
Cosa chiedono gli Usa all'Iran

Mike Pompeo va giù duro con l’Iran. Il segretario di stato Usa ha fatto intendere che Washington non si ferma con l’uscita dal trattato nucleare del 2015 firmato con Teheran.

La Casa Bianca vuole andare avanti e impedire che il regime teocratico degli Ayatollah prosegua le sue attività nucleari. Per Pompeo il governo di Teheran deve cessare le interferenze in Medio Oriente e nella regione del Golfo. Stop quindi al sostegno a milizie come Hezzbollah o a Damasco. Gli iraniani devono anche fermare il proprio programma nucleare.

Sono alcune delle condizioni annunciate dall’ex-capo della Cia e ora segretario di stato americano durante un intervento all’istituto conservatore Heritage Foundation di Washington. Se l’Iran non le accetta, allora andrà incontro a “sanzioni senza precedenti nella storia”.

Pompeo però non ha detto quali misure intenda prendere contro l’Iran.

Per ora la conseguenza della linea dura americana sta mettendo in una posizione critica le imprese europee che avevano già stretto rapporti commerciali e investimenti economici in Iran. Queste adesso si trovano nella condizione di scegliere se proseguire con le attività economiche in Iran sacrificando quindi i loro commerci con aziende americane, o viceversa rinunciare al commercio con l’Iran preservando i rapporti con “l’amico americano”.

Cosa chiedono davvero gli Stati Uniti?

Il capo della diplomazia Usa ha chiesto 12 condizioni per fare un nuovo accordo con l’Iran. Tra queste c’è il ritiro delle forze iraniane dalla Siria e il sostegno ai ribelli in Yemen.

Le altre condizioni all’Iran possono così sintetizzarsi:

Fornire all’Agenzia Internazionale per l’energia atomica un resoconto dettagliato del precedente programma nucleare a uso militare iraniano. E poi dichiarare di rinunciarci per sempre;

Cessare il comportamento minaccioso verso i suoi vicini. Incluse le minacce di distruggere Israele e lanciare i missili su Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti;

Rilasciare tutti i cittadini americani, e dei Paesi alleati, detenuti o scomparsi in Iran;

Perché l’Iran è visto come una minaccia regionale

L’influenza iraniana si è diffusa in tutto il Medio Oriente dove ci sono comunità musulmane sciite. Dal Libano all’Iraq, quindi. Inoltre, lo storico sostegno di Teheran al movimento sciita di Hezzbollah in Libano preoccupa particolarmente Israele. L’Arabia Saudita accusa l’Iran di appoggiare i ribelli Houthi in Yemen, destabilizzando il Paese. in Siria, Teheran è uno dei pochi alleati del presidente Bachar al-Assad.

Commenti
    Tags:
    irannucleare irantrumpnucleare iran trump

    in evidenza
    Carlotta Maggiorana è Miss Italia Dal film con Brad Pitt alla corona

    Spettacoli

    Carlotta Maggiorana è Miss Italia
    Dal film con Brad Pitt alla corona

    i più visti
    in vetrina
    Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

    Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

    Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.