A- A+
Lo sguardo Rosa
Sarà l'Idrogeno il carburante pulito di domani

Mettetegli pure pressione. E’ l’uni- ca molecola che non teme lo stress. Parliamo dell’idrogeno, il carburante del futuro secondo Toyota, o il fedele compagno dell’elettrico. Sì, conoscia- mo tutti il «fuel cell» di un’auto come la «Mirai», con quel miracolo motori- stico: ad ogni accelerazione vien fuori solo vapore acqueo. Ma non si arriva a costruire la prima berlina del futuro (e Mirai, in giapponese, vuol dire proprio futuro) con celle a combusti- bile alimentata a idrogeno, senza anni di ricerca.

E’ dal 1992 che Toyota - leader del- l’ibrido benzina/elettrico - ha deciso di realizzare il primo progetto relativo alle tecnologie delle celle a combusti- bile. Comprendendo in tempi rapidi che, fare ricerca sull’idrogeno, voleva dire sviluppare in modo indipendente il pacco celle e i serbatoi. A proposito, l’idrogeno sarà pure il compagno fedele dell’elettrico, ma una vettura «Fuel cell» come la Mirai, a differenza delle elettriche, consente un utilizzo quotidiano più semplice: si rifornisce in cinque minuti e ha un’autonomia di più di 500 chilometri con un pieno.

Alberto Dossi: Normative restrittivee niente incentivi: l’idrogeno per l’Italia rischia di assomigliare a un’arma scarica

Il motore del futuro alla giappone- se, poi, è scritto nero su bianco sulla Magna Carta della sostenibilità: la «Environmental Challenge 2050». Lanciata da Toyota nel 2015, punta alla totale sostenibilità dell’auto: en- tro quella data, le emissioni di Co2 diminuiranno del 90 per cento. E per quelli che l’idrogeno - essendo un gas - non deve essere simpatico portarse- lo insieme in viaggio, basterebbe sentire come la pensano al reparto ricerca e sviluppo Toyota: «La struttura del pacco celle è stata realizzata in un nuovo materiale plastico rinforzato con fibra di carbonio: leggero, resistente, facilmente costruibile ed in grado di assorbire persino i movimenti causati dalle imperfezioni del manto stradale».

12 sono gli autobus a idrogeno che già circolano a Bolzano

Dal Giappone all’Italia, restando sulle tracce di chi l’idrogeno lo studia e lo produce. A Bolzano, all’Istituto per innovazioni tecnologiche, Walter Huber, per anni il direttore del Centro, non ha dubbi: «Nelle auto a trazione elettrica le batterie non vanno bene. Dobbiamo metterci l’idrogeno. E chi parla di difficoltà di stoccaggio (ormai può avvenire a 700 bar di pres- sione e non più a 350) sbaglia: baste- rebbe, infatti, pensare a una forma di stoccaggio intermedio, recuperando, per esempio, l’energia in eccesso del- le reti elettriche, quando sono sovrac- cariche, da stoccare e trasformare in idrogeno».

All’istituto per innovazioni tecnologiche altoatesino - capacità di produ- zione di 400 chili al giorno di idrogeno -, si riforniscono, tra gli altri, dodi- ci autobus di città. E anche un’auto dei Carabinieri, il cui compito non sarà quello di fermare il futuro del- l’idrogeno. Tantomeno in autostrada, dove sta nascendo un pezzetto tutto italiano del «Corridoio verde», che da Modena, lungo l’A22, arriva fino a Monaco.

Walter Huber: Si parla di difficoltà per lo stoccaggio, ma non è vero: basterebbe recuperare l’energia in eccesso delle reti elettriche

Oltre alle cinque stazioni di rifornimento della capitale bavarese, di Innsbruck e Bolzano, tra due anni do- vrebbe essere operativa quella di Mo- dena-Campogalliano, tra l’A1 per Milano e l’A22 del Brennero. Ma non ci sono solo buone notizie. «Così come è stato presentato, l’idrogeno per l’Italia rischia di assomiglia- re ad un’arma scarica», sostiene Alberto Dossi, presidente del Gruppo Sapio e di «H2It», sigla che racchiude i protagonisti della filiera italiana del gas per un futuro sostenibile. «Abbiamo preparato il Piano naionale per lo sviluppo della mobilità a idrogeno: 20 stazioni di rifornimento entro il 2020 e, 200, per il 2025. Ma per l’idrogeno ci sono norme restrittive e nessun incentivo», aggiunge Dossi, secondo il quale, la filiera dell’idrogeno sarebbe pronta, a patto che il Pubblico faccia la sua parte.

«Viviamo in una fase di transizione, nella quale il ruolo del metano è importante: lo buttiamo via o lo uti- lizziamo con parti di idrogeno?»: è la domanda provocatoria di Livio De Santoli, docente di ingegneria ener- getica alla Sapienza. Qui si sperimenta l’idro-metano, i cui vantaggi sono da rintracciare nella convenienza della densità energetica.

«La sua energia riesco a incapsularla in un chilo di massa. E se la benzina possiede 10Kw per chilo, con l’idrogeno ne raggiungiamo quasi trenta. Con un chilo di idro-metano, un’auto potrebbe fare cento chilome- tri», spiega De Santoli, la cui ricerca è diventato un progetto per le navette di collegamento tra gli aeroporti di Bari e Brindisi.

Commenti
    Tags:
    auto elettricaambiente

    in evidenza
    Da Picasso all'arte islamica in Iran Jaca Book, ecco i libri in uscita

    Novità editoriali

    Da Picasso all'arte islamica in Iran
    Jaca Book, ecco i libri in uscita

    i più visti
    in vetrina
    Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

    Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

    Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.