A- A+
Società e politica
TEMPO DI DIRITTI E FORZA POLITICA

Nelle ultime settimane s’è assistito in Italia a fatti veramente significativi, che hanno suscitato stupore e preoccupazione insieme. Mentre, infatti, in due diverse piazze numerosi cittadini esprimevano le ragioni e rivendicavano i diritti di due diverse concezioni di famiglia e di matrimonio, e mentre nella propria Aula Legislativa i senatori della Repubblica discutevano per raggiungere un accordo e legiferare al meglio sul riconoscimento dei diritti delle unioni civili omo ed eterosessuali, i capi dei partiti politici moltiplicavano e diversificavano la propria posizione, mutandone spesso, e talora anche sostanzialmente, le conclusioni, palesemente più motivati da tatticismi di carattere elettorale che guidati da fedeltà a valori morali e coerenza con principi giuridici. Salomonicamente è intervenuto il Governo, il Potere Esecutivo. Forse s’allungavano i tempi, di certo c’era la dichiarata incomprensibile urgenza di “portare a casa” anche questa legge: e allora, con l’arma della questione della fiducia, estorceva ai legislatori l’approvazione della “sua buona legge”, che doveva leggersi come “fatto storico”, in quanto venivano finalmente “concessi diritti alle coppie omosessuali che prima non avevano”; si tagliava, quindi, un “traguardo importante”, dato che era una “legge molto complessa e difficile, perché tocca le sensibilità di ogni parlamentare e che viene approvata dopo due anni e mezzo di discussione”.

Premesso che venivano riconosciuti i diritti delle “unioni civili” e, quindi, non solo delle “coppie omosessuali”, ma anche di quelle eterosessuali, eliminando finalmente la discriminazione anticostituzionale fatta sull’orientamento sessuale, s’impongono almeno due osservazioni. In primo luogo: i “diritti” non vengono mai concessi da alcun potere democratico, ma debbono essere da esso solo riconosciuti e garantiti, soprattutto mediante l’eliminazione degli ostacoli, che ne impediscono la fruizione, com’è il caso delle unioni civili, stando ai pronunciamenti della Corte Costituzionale, della Corte di Cassazione e persino della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo. In secondo luogo: la politica governativa rivendica quotidianamente d’essere protagonista d’una luminosa e florida stagione di riforme e di diritti sociali e civili, con attenzione particolare alle classi più indifese e meno abbienti. La realtà, però, mostra un Esecutivo piuttosto timido, sempre disponibile ad accordi minimali, pur di poter sostenere di “aver fatto” qualcosa e di aver realizzato con i fatti riforme dai predecessori sempre annunciati e subito dimenticati.

Mancando di lungimiranza politica e non avendo la cultura del rispetto di tutte le minoranze (anche se scomode), il Governo in carica rischia di rimanere ostaggio di compromessi, che sfociano con certezza in controversie e rancori. Ed è il caso della legge sulle unioni civili da poco approvata. Infatti, lo stralcio dell’adozione dei figli del partner probabilmente dimostra capacità di mediazione politica, ma certamente testimonia mancanza di audacia ed energia governativa. I campi della scienza, della morale e della politica sono e debbono rimanere intrinsecamente separati. Ciò che scientificamente è possibile, non è automaticamente lecito in morale, né la politica deve rimanerne succube. L’adozione del figlio (ovviamente già in vita) del partner non ha nulla a che fare con altre pericolose immorali pratiche riproduttive che si chiamano in causa più o meno in buona fede. Tocca, quindi, alla politica mostrare il coraggio di definire con rigore ogni ambito, sbarrando ogni abuso e smascherando ogni furbizia. Il riconoscimento e l’affermazione di nuovi diritti pesano sull’ordine sociale esistente, ridistribuiscono poteri, rimodulano princìpi e norme. A chi governa il compito di produrre norme tempestive e chiare:  a ogni minore esistente deve garantirsi il diritto di una vita degna d’ogni uomo; è veramente doveroso, allora, svelare l’ipocrisia, con cui si giustifica lo stralcio concordato e accettato sulle adozioni del figlio del partner, chiamando in causa l’interesse dei minori, i quali, invece, resteranno vittime d’una sopraffazione, che è vera riesumazione della discriminazione tra figli legittimi e figli nati fuori dal matrimonio, civilmente e felicemente eliminata quarant’anno fa.

Indubbiamente la società è una struttura complessa e articolata, nella quale i singoli individui, inserendosi in sistemi relazionali già preesistenti e consolidati, operano ciascuno secondo la propria posizione e il proprio ruolo, al fine di perseguire il soddisfacimento di ben definiti bisogni comuni, pianificati nelle istituzioni. Tuttavia, la società umana non è qualcosa di astratto e ideale, ma una realtà storica concreta, costituita da generazioni umane diverse che convivono, si susseguono e si rinnovano; per questo essa si pone e si realizza come un organismo vivente e in continuo divenire, che si modifica perennemente, progredisce con gradualità sia materialmente che moralmente, salvaguardando ciò che in essa è e resta oggettivamente valido per tutti e acquisendo, nello stesso tempo, ogni novità utile e positiva per l’intera comunità. Considerare la società diversamente, come un insieme di strutture stabilite una volta per tutte e immutabili, significherebbe mitizzarla o addirittura deificarla, illudendosi di poter contenere e costringere nei suoi archetipi i sempre nuovi insorgenti dinamismi della vita sociale. La solidità e la stabilità d’una società si fondano, pertanto, sulla sua reale capacità di operare con rinnovata efficacia e con continuità, al fine di produrre risultati apprezzabili e vantaggiosi per tutti.

Questo dinamismo intrinseco d’ogni società provoca continui movimenti per il riconoscimento di nuovi diritti richiesti per la soddisfazione di  nuovi bisogni o di singoli o di gruppi. E non è un’operazione sempre facile e indolore. Talora, infatti, è un processo che richiede la demolizione di modelli culturali saldamente consolidati oppure esige l’ammissione almeno giuridica di istituti, che contrastano col senso comune dominante. In questo caso c’è bisogno di una prudente negoziazione socio-culturale, con cui si armonizzi gradualmente l’esistente con il nuovo, giustificando ragionevolmente e adattando cautamente le rispettive categorie mentali e morali.

E’ l’odierno caso italiano del riconoscimento dei diritti delle cosiddette unioni civili, che coinvolgono la visione degli istituti della famiglia e del matrimonio, oltretutto già acquisiti nostra Carta costituzionale del 1946 con i mutamenti sostanziali e rivoluzionari per quei tempi. Infatti, con il dettato dell’articolo 29, concordato dopo un lungo confronto e serrate discussioni tra i costituenti, fu eliminato il ruolo assolutamente maschilista ed egemone del padre di famiglia e riconosciuta la pari dignità morale e giuridica della madre di famiglia, rendendo la comune genitorialità unica responsabile del rispetto verso l’eventuale figliolanza. Ovviamente l’istituto del matrimonio e la concezione di famiglia  ne rimasero talmente coinvolti e trasformati che tuttora non è agevole stabilire chi e che cosa ne fondano la legittimità: se la filiazione legittima o la fedeltà reciproca o l’indissolubilità del legame o gli aspetti patrimoniali, considerato che l’adozione del divorzio e della separazione dei beni hanno svuotato il contenuto di queste categorie. Da ciò consegue chiaramente che l’istituto socio-giuridico del matrimonio non corrisponde più a una categoria ben definita, per cui non è impossibile, ma si può e si deve trovare la soluzione giusta ed equilibrata che consenta anche la legittimazione giuridica d’un legame socio-affettivo tra due persone, che ne facciano richiesta, nel rispetto del dettato dell’articolo 3 della Costituzionale, cioè nel rispetto della “pari dignità sociale e l’uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”.

 

Commenti

    Tags:
    unioni civiliadozionidiritti e politicamediazione culturale

    in vetrina
    Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

    Milan, Alessio Romagnoli: lesione al polpaccio. Out almeno 4 settimane

    i più visti
    in evidenza
    Il fatto della settimana Toninelli visto dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Toninelli visto dall'artista

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

    Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.