A- A+
Il suono dei soldi
Bolloré rifà la convergenza a Telecom Italia

Parliamo con Francois Godard, analista di Enders Analys, del nuovo cambio al vertice di Telecom Italia, il secondo in poco meno di due anni. 

Vivendi ha chiarito che la dirigenza dell'operatore telefonico deve badare agli interessi del primo socio, non è gradito un amministratore delegato che porti avanti solo gli interessi dell'azienda. 


Era già successo con Marco Patuano, sostituito con Flavio Cattaneo, ora accompagnato all'uscita per non essersi adeguato. Oggi il gruppo francese si sente abbastanza forte da insediare un capo azienda che neanche parla italiano, l'israeliano Amos Genish. Il confondatore della brasiliana GVT dovrebbe essere nominato chief convergence officer, una qualifica che lascia intendere prossime interazioni tra telefonia e televisione.  Proprio oggi Les Echoes riferisce che Telecom Italia e Vivendi si preparano a lanciare una nuova televisione a pagamento in Italia, il nome c'è già, Canale +. 

Possibile che Vivendi abbia mobilitato tutte queste risorse, speso tutte queste energie, per resuscitare dopo 10 anni la vecchia Tele +, chiusa nel 2003 dopo anni di perdite colossali? Godard ci crede poco: avrebbe avuto poco senso industriale qualche anno fa e lo ha ancora meno ora, ai temi di Netflix. Se l'obiettivo era il lancio di un canale a pagamento in Italia, che bisogno c'era di investire miliardi di euro nella scalata al primo operatore italiano delle tlc? Sarebbe bastato un accordo commerciale e si sarebbe potuto procedere. Telecom Italia, zavorrata come è dal debito, non ha risorse da destinare ad un progetto di ampio respiro, in più non ha fino ad oggi combinato molto in ambito media. "Televisione e telefonia sono due merci molto diverse, si vendono in modi differenti", spiega l'analista.

Canale + sembra in questo momento un progetto industriale debole, ma assomiglia molto a quello che Vivendi dice di volere: un polo mediatico nel Sud Europa. Anche in questo caso il progetto industriale non convince, a meno che il genio della convergenza Genish riesca a concretizzare questa infrastruttura per ora solo della fantasia. Siccome Bolloré non pare affatto un visionario, il suo obiettivo potrebbe essere quello di una vendita della sua quota in Telecom Italia. Un possibile acquirente c'è già, ed è Orange, ma per far salire i prezzi, ne serve almeno un altro. E' necessario inoltre che la politica non ci metta troppo il becco e che ci sia un progetto industriale in corso, anche se vago, per tacitare le accuse di speculazione finanziaria che potrebbero arrivare.

Bolloré ha mostrato di essere abile, di non aver fretta, di essere determinato e non impulsivo, saprà probabilmente aspettare che ci siano le condizioni per avviare l'asta. Intanto, con lo stop al piano di posa della fibra ottica voluto da Cattaneo, ha accontantato la politica italiana. La notizia di oggi dell'aggregazione in Germania tra i numero quattro ed il numero cinque della telefonia, mostra che forse non ci sarà molto da aspettare.

 

Commenti

    Tags:
    telecombollorévivendi

    in vetrina
    Cristiano Ronaldo, proposta di matrimonio a Georgina Rodriguez: ecco l'anello

    Cristiano Ronaldo, proposta di matrimonio a Georgina Rodriguez: ecco l'anello

    i più visti
    in evidenza
    Nuovo testo per il "Padre Nostro" Cambia il passo sulla tentazione

    Chiesa

    Nuovo testo per il "Padre Nostro"
    Cambia il passo sulla tentazione

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

    Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.