A- A+
Under 30 e dintorni
Gli under 30 di Friendz, guadagnare divertendosi
Gli ideatori di Friendz

Chi di noi non ha l'abitudine, addirittura a volte la passione, di scattare foto e condividerle sui propri canali social, primi tra tutti Facebook e Instagram?

Tre giovanissimi under 30 hanno avuto l'intuizione di sviluppare questo trend creando un'app che permette agli utenti di guadagnare divertendosi e condividendo foto e azioni sui social, attraverso anche l'interazione con le aziende.

Sto parlando di Friendz, startup nata da poco più di anno ma che sta già raggiungendo importanti risultati, con più di duecentocinquantamila foto pubblicate, ottantacinque milioni di visualizzazioni e importanti accordi e finanziamenti ottenuti.

Ce ne parlano i tre fondatori, Alessandro Cadoni, Daniele Scaglia e Cecilia Nostro.

 

Per la prima domanda andiamo sul classico: chi sono Alessandro, Daniele e Cecilia?

Alessandro Cadoni, Daniele Scaglia e Cecilia Nostro sono i tre venticinquenni ideatori di Friendz, la piattaforma in grado di attivare una community targettizzata di utenti, disposti a promuovere attività social per conto delle aziende.

Ci siamo conosciuti poco più di un anno fa a un corso di imprenditoria per giovani studenti universitari, tutti e tre con la volontà di innovare e crearci un lavoro nel mondo del digitale. Io e Daniele siamo due ingegneri, Cecilia si è laureata in Economia e Management.

 

Come e quando è nata l'idea di Friendz?

L’idea di Friendz nasce a inizio 2015 da una semplice intuizione: l’attenzione e il tempo speso online dai consumatori si stanno spostando sempre di più sui social network, in particolare sui contenuti prodotti dagli stessi utenti dei social, ovvero i cosiddetti UGC (User Generated Content). I post, le fotografie e i video che ogni giorno pubblichiamo su Facebook, Instagram, Twitter, Snapchat rivelano un potenziale di marketing enorme ancora tutto da sfruttare. Friendz è un’app nata per permettere ai grandi brand di coinvolgere migliaia di persone comuni per portare sui social messaggi di comunicazione, attraverso fotografie e post ad alto contenuto creativo.

 

Che difficoltà avete incontrato nella sua realizzazione?

Abbiamo scoperto che tra il dire e il fare c’è di mezzo molto più del mare! Trasformare un’intuizione o un’idea in qualcosa di concreto, in grado di generare valore, è qualcosa di estremamente difficile e un cammino pieno di insidie.

La cosa più difficile è stata senz’altro trovare i giusti componenti del team, cosa che molti sottovalutano, ma che in realtà è l’unico fattore critico di successo di una startup. La seconda grande difficoltà coincide esattamente con la grande sfida del fare gli imprenditori e consiste nel trovare il product/market fit. Fare in modo che il proprio prodotto sia in grado di risolvere un problema e quindi di essere valorizzato economicamente da un cliente è qualcosa che i più danno per scontato, ma è meno facile di quello che sembra, anche se l’intuizione iniziale può risultare vincente. Le caratteristiche tecniche del prodotto, i KPI di valore per i clienti, le modalità di vendita, i canali e il pricing sono variabili da testare più e più volte prima di trovare la formula più profittevole.

 

Quali sono, secondo voi, i punti di forza della vostra startup e cosa, invece, vorreste ancora migliorare?

Tra i nostri principali punti di forza ci sono la velocità di esecuzione e la volontà di innovare continuamente tutti i processi. Abbiamo cercato di innovare anche il processo di selezione dei candidati, non limitandoci al semplice colloquio, ma identificando test e prove creative da superare che mettessero in luce le vere personalità e le attitudini dei candidati. Lavorare in questo modo ci ha permesso di essere molto efficaci nelle decisioni e ci ha permesso di essere apprezzati sin da subito da grandi realtà, nonostante la mancanza di esperienza. Infine ritengo che il nostro stesso team sia il nostro principale punto di forza; quando ci sono coesione, energia, la stessa vision e la voglia di competere ad alti livelli, raggiungere grandi risultati diventa possibile.

 

In cosa consiste e come funziona praticamente la vostra app e chi ne può diventare “utilizzatore”?

L’app è pensata per tutti ed è scaricabile gratuitamente da Apple store e Play Store. All’interno dell’app si trovano una serie di attività proposte dalle aziende o da noi a scopo di intrattenimento che consistono in spunti creativi per creare e pubblicare fotografie sui social.

 

Come vengono monetizzati i crediti realizzati postando foto sui social?

Partecipando a queste attività, oltre a divertirsi, si ottengono crediti accumulabili e convertibili in buoni e-commerce come Amazon.

 

L'applicazione è nata “in casa” o vi siete appoggiati a tecnici esterni?

Abbiamo sviluppato tutto internamente senza appoggiarci a partner esterni. Questo perché lo sviluppo della nostra app è trainato dai feedback dei nostri utenti, quindi avendo la necessità di cambiare e migliorare ogni giorno la cosa migliore è stata senza dubbio gestire tutto internamente grazie a un team tecnico molto preparato.

 

Come siete riusciti a pubblicizzare inizialmente la vostra iniziativa e che riscontri avete già avuto, in questo anno abbondante che è passato dalla nascita di Friendz?

L’applicazione è stata resa pubblica sugli store a novembre 2015 e grazie a qualche vittoria in competizioni per startup come il Web Marketing Festival 2015 o il Wind Business Factor 2015 abbiamo attirato i primissimi utenti. Dopodiché abbiamo avuto una crescita molto veloce senza fare attività di marketing, il passaparola fra gli stessi utenti è stato il driver principale che ci ha portato in questi pochi mesi a quasi quarantamila utenti.

Abbiamo superato da poco le trecentomila foto pubblicate con la nostra applicazione.

 

Quali sviluppi prevedete possa avere ancora la vostra attività?

Il bello di una startup è che ha un modello di business flessibile e dinamico che si adatta velocemente ai cambiamenti del mercato, quindi prevediamo e speriamo di avere sviluppi anche diversi da quelli preventivati all’inizio, se significa ottenere risultati sempre migliori. Probabilmente nei prossimi mesi ci sarà una richiesta ancora maggiore per quanto riguarda la produzione di video da parte degli utenti, quindi è uno dei prossimi passi sulla nostra roadmap, come lo è lo sviluppo all’estero della nostra community. Londra e Berlino sembrerebbero mete ideali sia per lo sviluppo business che per la raccolta di capitali a sostegno della crescita, ma come ci hanno confermato gli ultimi eventi, le cose possono cambiare in fretta.

 

Il sogno nel cassetto dei fondatori di Friendz?

Friendz non è solo il nome della nostra azienda, ma il termine con cui definiamo i nostri utenti e la parola che diciamo cento volte al giorno da ormai un anno. Abbiamo fin dal primo momento curato il contesto oltre che il prodotto, per esempio abbiamo deciso di abitare tutti insieme: founders, dipendenti e collaboratori. È venuto tutto spontaneo, sentivamo il bisogno di vivere in maniera totalizzante la nostra avventura. Il nostro più grande sogno, oggi, è quello di mantenere questo stile di vita lavorativo riuscendo ad adattarlo con naturalezza a quella che, si spera, continuerà a essere una realtà in forte crescita!

 

 

Gian Luca A. Lamborizio, alessandrino di nascita e milanese di adozione, ha frequentato il liceo classico e proseguito gli studi in ambito giuridico. È autore di “AAA Futuro cercasi. Essere giovani in tempo di crisi” e di “Penombra”, edito da Eretica Edizioni. Collabora come redattore con MilanoNera, diretta dallo scrittore Paolo Roversi, col settimanale La voce e altre testate.

Per esprimere i vostri commenti e pareri e se avete qualcosa di interessante da raccontare, non esitate a scrivere a: gla.lamborizio@gmail.com

Commenti

    Tags:
    under 30friendzappstartupfoto

    in vetrina
    Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

    Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

    i più visti
    in evidenza
    Gf Vip 3 cast, colpo di scena Annunciati 2 nuovi concorrenti

    Spettacoli

    Gf Vip 3 cast, colpo di scena
    Annunciati 2 nuovi concorrenti

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ferrari Monza SP1 e SP2, il nuovo concetto di serie speciale

    Ferrari Monza SP1 e SP2, il nuovo concetto di serie speciale

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.