A- A+
Io Uomo tu Robot
I robot a Futuro Remoto 2018 : tre Generazioni a confronto

A Città della Scienza, Napoli (8-11 novembre), con uno straordinario successo di pubblico la 32esima edizione di Futuro Remoto 2018 Ri-generazioni, un’occasione per vivere le esperienze più significative nel campo dell'innovazione scientifica e tecnologica.

Conferenze, workshop, dibattiti, spettacolari science show, esposizioni e dimostrazioni, un evento che ha visto all’opera numerosi esperti delle diverse aree scientifiche, docenti universitari e giovani ricercatori che hanno risposto direttamente alle domande provenienti dal grande pubblico.

Attività hands on, basate sull’interattività e la sperimentazione diretta dei fenomeni naturali e delle tecnologie per scoprire le nuove frontiere della ricerca scientifica così come è nella tradizione del Science Centre di Città della Scienza, primo museo scientifico interattivo italiano.

Tema centrale di quest’anno è stato RIGENERAZIONI ispirato all’idea di ‘ri-generare’, ‘mettere in circolo’, tipica di un modello di economia circolare che creano innovazione in molteplici settori e ambiti di attività per uno sviluppo sostenibile e condiviso.

Prima giornata di Futuro Remoto all'insegna della Robotica. «Italia Robotica: Tre Generazioni a confronto»

La prima giornata di Futuro Remoto è stata all'insegna della Robotica che ha affrontato tematiche quali l’intelligenza artificiale, la Robotica cognitiva e la capacità dei robot di poter interagire con gli umani. Un futuro, non poi così lontano, dove gli androidi saranno parte della nostra vita ai quali l’ uomo potrà impartire comandi per chiedere azioni utili, soprattutto di ausilio al movimento, attraverso interazioni le più naturali possibili. Una scommessa per l’intelligenza artificiale per arrivare a realizzare robot sempre più autonomi che dovranno essere in grado di interagire in sicurezza con gli umani ed essere accettati.  

L’evento inaugurale si è tenuto nella Sala Newton di Città della Scienza l’8 novembre alle ore 9.30 con la conferenza  ‘Tre generazioni diverse si confrontano sugli aspetti più innovativi della robotica’ con l’intervento di : Bruno Siciliano – Dipartimento di Ingegneria elettrica e delle Tecnologie dell’Informazione alla Federico II di Napoli, professore ordinario di Automatica, Nicola Vitiello co-founder di IUVO e Professore associato presso l’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa dove guida il laboratorio di robotica indossabile e Valeria Cagnina , giovane studentessa. Fondatrice di una scuola di robotica e tecnologia. Un luogo non tradizionale di cattedra e banchi dove far emergere la capacità di incuriosire e far scoprire la scienza, la tecnologia e la robotica in modo diverso sentendosi coinvolti appieno.

Al termine dell’incontro un coinvolgente show dei robot realizzato in collaborazione con Comau.

Tre generazioni a confronto che hanno mostrato come la robotica, nelle sue molteplici applicazioni, diverrà sempre più parte integrante delle nostre attività, una reale risorsa per migliorare le la nostra vita.

Bruno Siciliano, che ha preso parte al convegno di apertura intitolato 'Tre generazioni diverse si confrontano sugli aspetti più innovativi della robotica’, ha sottolineato come "I robot stanno entrando decisamente nella nostra vita. Quello che sta cambiando nella percezione è il fatto di poter accettarli indipendentemente dall'aspetto esteriore".


"Abbiamo una scuola di robotica educativa dove abbiamo dai bambini di tre anni a insegnanti con corsi certificati dal Miur e aziende". In questo modo Valeria Cagnina, diciassettenne di Alessandria, presenta la sua proposta di approccio consapevole alla tecnologia in occasione dell'inaugurazione dell'edizione 2018 di Futuro Remoto alla Città della Scienza di Napoli.           
"Noi facciamo giocare e divertire i bambini - spiega Valeria - e tutte le nostre attività vengono fatte per terra in cerchio, senza scarpe e su tappeti per mettere tutti a proprio agio, e in poche tempo, anche tre ore, un bambino dell'asilo è in grado di costruire un robot funzionante".           

"Nella nostra scuola - sottolinea Francesco Baldassarre, socio della 17enne - abbiamo 10 regole basilari. La prima è che niente è impossibile, vogliamo insegnare a tutti che tutto si può costruire giorno dopo giorno con tanta fatica, impegno, e che solo sul dizionario successo viene prima di sudore".

Tecnologia collaborativa ed innovazione tecnologica con l’esoscheletro MATE ed e.DO robot  

Comau , azienda italiana con sede a Torino, è sponsor tecnico di Futuro Remoto 2018 ed ha presentato al pubblico due tra i suoi prodotti più innovativi: l’esoscheletro MATE ed e.DO robot. Una conferma dell’ impegno  Comau verso lo sviluppo di tecnologie innovative, agili e di facile utilizzo.

Nicola Vitiello durante la conferenza ‘Tre generazioni diverse si confrontano sugli aspetti più innovativi della robotica’,  ha descritto come è stato sviluppato MATE: un innovativo esoscheletro indossabile  per gli arti superiori. Progettato per usi industriali e dal design ergonomico  facilita i movimenti ripetitivi ed ha l’obiettivo di alleviare la fatica muscolare dell’operatore e  migliorare la qualità del lavoro.

Una struttura compatta e posturale naturalmente comoda che consente di respirare senza fatica, è in grado di replicare accuratamente qualsiasi movimento della spalla, ed aderisce al corpo come una “seconda pelle”. Tecnologie robotizzate indossabili che Comau   sviluppa in partnership con IUVO e Össur, un'azienda islandese leader nel settore dei dispositivi ortopedici non invasivi, in un’ottica di evoluzione della collaborazione tra l’uomo e la macchina.

Al centro della scena, anche e.DO, il robot modulare e open-source di Comau, in compagnia del quale, durante l’evento, è possibile scoprire alcune tra le sue più recenti applicazioni didattiche, sviluppate per studenti e insegnanti.                    

“e.DO è un robot antropomorfo a 6 assi, assemblabile secondo una logica "fai-da-te": dotato di una struttura modulare e flessibile, di un’interfaccia di programmazione user friendly e di hardware e software al 100% open source, può essere costruito e programmato facilmente, senza specifiche competenze di Robotica. Grazie alla sua versatilità e alla semplicità d’utilizzo, e.DO può essere impiegato in molteplici settori e per una vasta gamma di attività, dall’ambito domestico a quello professionale, per simulare e testare specifiche operazioni di lavoro. In particolare e.DO è stato sviluppato con finalità educational, come supporto per l’apprendimento innovativo di materie curricolari, oltre che di Robotica e coding. e.DO è stato già al centro di  diversi learning program che hanno coinvolto studenti di tutte le età e indirizzi scolastici, così come i loro insegnanti “. (Fonte Comau)

L'azienda Deltacon, ente di formazione leader in Campania nella progettazione di laboratori didattici nel settore della robotica, ha presentato un robot umanoide che può essere utilizzato per l'assistenza a bambini con disabilità motorie e linguistiche. Una macchina dotata di telecamere 3D che gli permettono di riconoscere l'interlocutore e, oltre a parlargli, può scegliere le attività più adatte tra quelle caricate nella sua memoria. 

Sempre a cura di Deltacon, per l’area tematica Fabbrica intelligente, l’evento Umanoidi un Workshop di tecnologia sulla robotica e le tecnologie IOT. Robot umanoidi che interagiscono con il pubblico come NAO, Pepper, droni, rover, e robot sottomarini; il tutto coadiuvato da laboratori interattivi con l’obiettivo di sensibilizzare i fruitori circa la robotica e l’internet delle cose, la scienza del futuro.

(Fonte delle foto e video: Comau) 

 

 

Commenti
    Tags:
    intelligenza artificialeinterazione uomo-robot
    in evidenza
    Juve, regina degli stipendi in A CR7 davanti a Higuain. Classifica

    Sport

    Juve, regina degli stipendi in A
    CR7 davanti a Higuain. Classifica

    i più visti
    in vetrina
    Milan, Batshuayi alternativa di Quagliarella. Ecco perchè l'affare si può fare

    Milan, Batshuayi alternativa di Quagliarella. Ecco perchè l'affare si può fare

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ford presenta la Edge di nuova generazione

    Ford presenta la Edge di nuova generazione

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.