A- A+
Zoom
A Roma i topi espugnano il Campidoglio. Che cosa farà il sindaco Raggi?

Per descrivere l’attacco "militare" dei topi al Campidoglio servirebbe forse Dino Buzzati, con le sue mitiche storie di animali invasori. Ma non occorre nemmeno troppa fantasia: perché è la stessa Ragioneria generale del Comune ad annunciare che i roditori, dopo avere penetrato ospedali, cinema, scuole, stazioni del metrò, sono riusciti a espugnare la sede del Municipio di Roma.

“La presenza dei topi espone i lavoratori a un rischio biologico", scrive l’ufficio in un documento datato 13 dicembre. E spiega che “presso la sede della Ragioneria (ospitata all’interno Campidoglio, ndr) e in particolare presso l’ufficio del Revisore dei conti, sono state riscontrate presenze di escrementi di roditori".

La Ragioneria stessa aggiunge che la scoperta espone il Comune al rischio di "una violazione del Testo unico in materia di sicurezza sul lavoro".

I topi a Roma sono un’emergenza da anni: si stima che la Capitale ne ospiti più di 10 milioni.

Però in piazza del Campidoglio, almeno stando alle cronache, non si erano mai visti. È vero che lo scorso giugno una piccola colonia di roditori era stata avvistata al piede della “Cordonata”, la spettacolare scalinata di marmo disegnata da Michelangelo Buonarroti che sale fino alla piazza con la grande statua equestre del Marco Aurelio.

Ed è vero anche che nei giorni scorsi le cronache locali del Messaggero hanno segnalato un’improvvisa eslosione del fenomeno, in mezza città: topi morti sono stati trovati all’interno del cinema Barberini, nel pieno centro di Roma, e anche nel bagno di un liceo del quartiere Prati Fiscali; una colonia di topi è stata filmata da un turista (e poi esposta sui social networdk) mentre passeggiava vicino alla fermata della metropolitana vicino Vaticano; e proprio ieri un folto gruppo di roditori è stato avvistato davanti all’ospedale Sant’Andrea, mentre scorrazzava alla fermata del bus tra i rifiuti gettati per terra.

Ora, però, la marea montante sfiora proprio la sede del Comune. Si vedrà che cosa intende fare il sindaco, Virginia Raggi, il cui ufficio sorge proprio a pochi metri da quello della Ragioneria che ha lanciato il grido d’allarme.

Nell’estate 2018, di fronte all'emergenza che cominciava a montare, la giunta aveva ipotizzato una campagna di sterilizzazione chimica, attraverso la diffusione di esche. Poi lo strumento, forse venato da un eccesso di ecologismo, era stato saggiamente accantonato. Ma della guerra ai topi non si erano più avute grandi notizie.

La Ragioneria, oggi, annuncia di avere già affidato a una società privata un’operazione “di derattizzazione, disinfestazione e disinfezione delle aree esterne e interne”.

 

Commenti
    Tags:
    topiromacampidogliosindacoraggi
    in evidenza
    Belen Rodriguez lecca il ghiacciolo Topless di lady Valentino Rossi e...

    GOSSIP E LE FOTO DELLE VIP

    Belen Rodriguez lecca il ghiacciolo
    Topless di lady Valentino Rossi e...

    i più visti
    in vetrina
    Juventus, con De Ligt arriva a Torino anche la fidanzata Annekee Molenaar

    Juventus, con De Ligt arriva a Torino anche la fidanzata Annekee Molenaar


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel Insignia Country Tourer, anima off-road

    Opel Insignia Country Tourer, anima off-road


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.