A- A+
Zoom
Vitalizi dei parlamentari addio? Non sarà così facile
Foto LaPresse

Si fa sempre più difficile la battaglia per il drastico ridimensionamento dei vitalizi parlamentari. Oggi scadono i termini per presentare gli emendamenti alla proposta di riforma presentata dall’Ufficio di presidenza della Camera, l’organismo presieduto dal grillino Roberto Fico che una settimana fa ha annunciato l’approvazione del provvedimento entro il 13 luglio. Ma gli ex parlamentari minacciati dalla riforma a loro volta minacciano un’azione legale collettiva.

Con un duro documento in nove pagine l’Associazione degli ex parlamentari ha diffidato l’Ufficio di presidenza (e uno a uno tutti i suoi 18 membri, personalmente individuati) dal deliberare i tagli dei vitalizi degli ex deputati, in quanto “incostituzionali, illegittimi e illegali”. Nel documento si legge che, in caso contrario, “gli ex parlamentari, colpiti dai tagli retroattivi delle loro pensioni, potrebbero essere costretti ad agire con azioni legali anche a fini risarcitori nei loro confronti".

Il taglio dei 1.405 vitalizi attualmente erogati dalla Camera, progettato dal presidente Fico in collaborazione con l'Inps e con l'Istat, prevede un risparmio di circa 40 milioni di euro: se dobesse passare la delibera, 1.338 di quei vitalizi saranno infatti ricalcolati e ridotti, mentre i restanti 67 non subiranno modifiche ma non vedranno comunque aumentare l'importo degli assegni in quanto la delibera contiene una clausola di sterilizzazione che li congela al 31 ottobre 2018.

Ma l'operazione rischia di essere tutt'altro che facile. Nel loro documento, infatti, gli ex deputati ipotizzano perfino denunce penali per abuso d’ufficio, "in quanto l'Ufficio di presidenza esercita una funzione amministrativa", mentre "la materia dei vitalizi andrebbe trattata per via legislativa": insomma, secondo quanto sostengono gli ex deputati, una delibera “non può avere le caratteristiche di generalità proprie della legge”, e possiede anche il difetto, per chi la sottoscriverà, di “determinare una responsabilità personale e patrimoniale per danni”.

Secondo gli ex parlamentari, insomma, la delibera che l'Ufficio di presidenza della Camera sta per approvare è rischiosa soprattutto per chi la varerà. E comunque va bloccata in nome del principio della irretroattività della legge. Nessuna legge, sostengono, ha mai trasgredito a questa regola, e certo non dovrebbe farlo proprio l'Ufficio di presidenza di un ramo del Parlamento, “che è un organo organizzativo e amministrativo".

Sembra trovare una minacciosa conferma, quindi, la perplessità mostrata alcuni giorni fa nei confronti dell'iniziativa di Fico da parte della presidente del Senato, la forzista Maria Elisabetta Alberti Casellati, che aveva manifestato il suo sostegno politico all'iniziativa, ma da avvocato aveva anche segnalato la necessità di "trovare una soluzione che possa avere un equilibrio giuridico".

In realtà, gli ex deputati sono già sulle barricate, o meglio in trincea: "Nessuna legge approvata dal Parlamento di modifica della disciplina previdenziale" scrivono "ha mai messo in discussione retroattivamente diritti già maturati dei cittadini. Infatti, le riforme delle pensioni che si sono susseguite negli anni, da quella Dini del 1995 a quella Fornero del 2011, tutte hanno fatto salvi i diritti dei cittadini maturati prima della loro entrata vigore”. Al contrario, conclude il documento, "pretendere di farlo soltanto per gli ex parlamentari avrebbe un significato punitivo, di delegittimazione e umiliazione della funzione parlamentare, che al contrario deve essere libera e indipendente".

 

Tags:
vitalizi parlamentariroberto fico

in evidenza
"I miei abiti durano nel tempo Ecco la vera moda sostenibile"

Giorgio Armani si racconta

"I miei abiti durano nel tempo
Ecco la vera moda sostenibile"

i più visti
in vetrina
Micaela Ramazzotti al pub con Gabriele Muccino dopo l’addio a Virzì, . FOTO

Micaela Ramazzotti al pub con Gabriele Muccino dopo l’addio a Virzì, . FOTO

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Il circuito di Monza, riprodotto in scala 1:1 nel deserto del Sahara

Il circuito di Monza, riprodotto in scala 1:1 nel deserto del Sahara

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.