Parmigiano reggiano, storie e curiosità in una guida di Slow Food - Il video su Affaritaliani.it -

Cronache

Parmigiano reggiano, storie e curiosità in una guida di Slow Food

 

Torino (askanews) - Nel paese di Bengodi descritto in una novella del Decamerone di Boccaccio c'è una montagna di Parmigiano reggiano grattugiato. Lo ricorda la prima guida dedicata al re dei formaggi che debutterà in libreria il 5 ottobre grazie a Slow Food Editore. Si tratta di "Guida al Parmigiano Reggiano. Storie, tipologie e degustazioni", presentata al Salone del Gusto di Torino dal Consorzio del Parmigiano Reggiano.Ogni anno si producono 3 milioni di forme del celebre formaggio, grazie al lavoro di 340 caseifici, ognuno con le sue specificità. Nella guida di Slow Food sono censiti i 132 top, con le 22 migliori forme stagionate in 24 mesi, oltre a indirizzi, curiosità e anche storie delle famiglie che si tramandano una tradizione casearia dal Medioevo. Carlo Bogliotti, direttore editoriale di Slow Food: "Ci piaceva l'idea di raccontare il Parmigiano in una guida, col nostro stile, come abbiamo fatto in passato con i vini. Non avevamo mai fatto una guida per un'unica dop".Nato 80 anni fa, il Consorzio Parmigiano Reggiano raggruppa tutti i produttori di Emilia Romagna e Lombardia e oggi si trova davanti a diverse sfide, come spiega il direttore Riccardo Deserti: "Il confronto con i mercati è veramente difficile. Siamo sottoposti ad attacchi di tutti i tipi: dalle contraffazioni alimentari alla ricerca di prezzi sempre più bassi, che sviliscono la qualità. La grande forza del parmigiano reggiano è che si tratta di un prodotto che non è mai cambiato, è un prodotto fatto ancora come mille anni fa. La nostra sfida è farlo sapere ai consumatori".Nel corso della presentazione della guida Piero Sardo, presidente della Fondazione Slow Food per la Biodiversità, ha annunciato che questa edizione del Salone del Gusto farà da spartiacque per quanto riguarda i formaggi: "D'ora in poi Slow Food non accetterà più formaggi con i fermenti".