Culture

Doppio, rappresentazione, realtà: chi (non) è Stefania Fersini

 

Torino (askanews) - Per le strade di Venezia, tempo fa, abbiamo provato a seguire le sue tracce, cercando di avvicinarci al lavoro di una artista interessante come Stefania Fersini, per provare a dare una forma più compiuta alla sua ricerca sull'assenza. E' stato intrigante, ma poi quello che conta davvero è il lavoro e il modo in cui arriva al pubblico. Anche quello che non corre per le calle.Nel Convitto dei Santi Martiri di via Barbaroux a Torino, a inizio marzo, Stefania Fersini ha partecipato alla mostra collettiva "Presenza/Assenza", con una serie di dipinti di donne da rotocalco e una stanza nella quale ha dato un'apparenza concreta a molti dei suoi luoghi classici e illusori, spesso in duplice copia."Il doppio è il mio specchio e il mio ego, oppure mia madre e mia figlia. Il doppio è una matrioska, il doppio è la mia rappresentazione. Il doppio è sempre una copia, perché la donna dovrebbe essere un esemplare unico. La rappresentazione è l'unico modo per riuscire a sapere che siamo nella realtà".Ma, e noi lo sappiamo bene, la realtà - che per Stefania assume talvolta la forma di pezzetti di puzzle che a loro volta ricompongono una copia di un inesistente originale - non esiste, o meglio esiste solo in quanto finzione di altre finzioni, e comunque, anche nell'arte, ha un destino segnato. "Beh - ha concluso l'artista - la realtà alla fine va a finire sempre nel cesso".Magari sarà anche il wc d'oro di Maurizio Cattelan, ma chi può dirlo.

Advertisement
Advertisement