Crea il tuo espresso, in Giappone il caffè è un'esperienza - Il video su Affaritaliani.it -

Food

Crea il tuo espresso, in Giappone il caffè è un'esperienza

 

Roma, (askanews) - Anche preparare un caffè può essere un'arte. Soprattutto se a farlo sono i giapponesi, attenti ai più piccoli particolari e amanti dei rituali. E poco importa se il vero espresso per noi è un'altra cosa. A Tokyo i baristi si sfidano a colpi di caffè aromatizzati e strane creazioni.Al gusto di litchi con gelsomino, o perché no, un espresso "Chardonnay" servito in un calice da vino, ce n'è per tutti i gusti, la pausa caffè può diventare un'autentica esperienza, in barba a chi pensa che in Giappone si ami solo il tè.Negli ultimi tempi stanno nascendo tante caffetterie hipster pronte a soddisfare anche le richieste dei "caffeinomani" più intransigenti. Miki Suzuki, incoronata come miglior barista sostiene che i giapponesi hanno un palato fino e possono apprezzare anche le più piccole differenze. Lei ha impressionato la giuria con un caffè schiumoso preparato con una tecnica simile a quella per fare la birra alla spina, e con un retrogusto agli agrumi, e per aggiungere un tocco di classe lo ha servito nei flute da champagne.Anche per il cappuccino vale lo stesso discorso: "Dipende da quanto latte si mette nel caffè - spiega Takayuki Ishitani, uno dei concorrenti - è vero parliamo di sottigliezze, ma è lì che sta la differenza".Sottigliezze che la giuria deve valutare per incoronare il miglior barista.2.33"Non so se è una cosa tipica del Giappone, ma ho notato questo grande interesse per i piccoli dettagli, per l'idea che ogni caffè può essere diverso. Non c'è solo un'esperienza caffè, ci possono essere tante esperienze e questo intriga i giapponesi" dice Scott Conary, membro della giuria.Il Giappone importa oltre 430mila tonnellate di caffè all'anno, è terzo solo a Stati Uniti e Germania, e i suoi baristi si vantano di essere tra i migliori al mondo.