Clinton contro Trump, si avvicina il primo scontro in tv - Il video su Affaritaliani.it -

Politica

Clinton contro Trump, si avvicina il primo scontro in tv

 

Roma, (askanews) - Si avvicina il primo dibattito presidenziale tra Hillary Clinton e Donald Trump. Il 26 settembre nel primo dei tre confronti tv prima del voto, alla Hofstra University, nello Stato di New York, i due candidati si affronteranno partendo quasi dallo stesso punto.Riapparsa in forma dopo la polmonite, incurante degli ultimi attacchi da parte del suo avversario, Hillary Clinton si presenta davanti al pubblico con all'attivo un sondaggio in suo favore. Secondo quello elaborato da Nbc News/Wall Street Journal, la candidata democratica alla Casa Bianca ha 6 punti percentuali di vantaggio contro il rivale repubblicano, raccogliendo il 43% delle preferenze contro il 37% del miliardario di New York. Il sondaggio è stato effettuato su un campione non della popolazione in generale ma di elettori che si dichiarano intenzionati a votare. Tiene conto anche del candidato libertario Gary Johnson e di Jill Stein, dei Verdi, ma se la corsa fosse solo a due, la differenza fra Clinton e Trump salirebbe al 7%.Una performance stabile, quindi, quella di Hillary, rispetto ad agosto, a fronte di un lieve peggioramento per Trump. Anche se, nelle ultime settimane, la preoccupazione per lo stato di salute della democratica sembrava poter sparigliare le carte, e anche i sondaggi li davano fianco a fianco, qualcuno addirittura parlava di un sorpasso del miliardario.Sul tavolo lunedì, la gestione della politica in Siria, Libia e Iraq, l'immigrazione, l'economia, l'uso delle armi, e il riaccendersi delle tensioni per l'uccisione di afroamericani da parte della polizia. Saranno questi gli argomenti principali su cui probabilmente si giocheranno la partita.Secondo il Financial Times, che ha analizzato i fondi a disposizione dei due candidati, Hillary Clinton sarebbe già stata costretta a dar fondo alla maggior parte dei finanziamenti raccolti per la sua campagna elettorale, sborsando milioni di dollari, per mantenersi davanti a Trump.