(Roma, 30 agosto 2018) - I ricercatori di Kaspersky Lab hanno pubblicato un report sull'attività delle botnet nella prima metà del 2018, analizzando oltre 150 famiglie di malware e le loro varianti in circolazione in tutto il mondo, attraverso 60.000 botnet. Uno degli aspetti più importanti evidenziati dalla ricerca è la crescita della richiesta, a livello internazionale, di malware multifunzione ovvero malware non progettati per scopi specifici, ma abbastanza flessibili da eseguire quasi qualsiasi task.

Le botnet - reti di dispositivi compromessi utilizzati in attività cybercriminali - sono sfruttate per diffondere malware e attivare attacchi DDoS e spam. Utilizzando la tecnologia Botnet Tracking di Kaspersky Lab, i ricercatori dell'azienda monitorano continuamente l'attività delle botnet per prevenire attacchi imminenti o per stroncare, sul nascere, nuovi tipi di trojan bancari. La tecnologia emula dispositivi compromessi e registra i comandi inviati dagli attaccanti che gestiscono le botnet. Tutto ciò fornisce ai ricercatori dati preziosi, ulteriori campioni malware e statistiche.

Sulla base dei risultati di una recente ricerca, nella prima metà del 2018 la quota di malware single-purpose distribuita tramite botnet è diminuita significativamente rispetto alla seconda metà del 2017. Ad esempio nella seconda metà del 2017, il 22,46% di tutti i file unici dannosi distribuiti attraverso le botnet monitorate da Kaspersky Lab erano trojan bancari, mentre nella prima metà del 2018, la quota è scesa di 9,21 punti percentuali arrivando al 13,25% di tutti i file dannosi rilevati dal servizio Botnet Tracking.

Anche la quota di spamming bot - un altro tipo di software single-purpose distribuito tramite botnet - è diminuita in modo significativo: dal 18,93% della seconda metà del 2017 al 12,23% nella prima metà del 2018. I bot DDoS, un altro tipico malware single-purpose, sono aumentati del 2,66% nella seconda metà del 2017 per poi diminuire dell’1,99% nella prima metà del 2018.

Allo stesso tempo, la crescita più rilevante è stata registrata da parte di malware “versatili”, in particolare, i malware RAT (Remote Access Tools) che permettono di sfruttare il PC infetto in un’infinità di modalità diverse. Dal primo semestre del 2017, la quota di file RAT rilevata tra i malware distribuiti dalle botnet è quasi raddoppiata, passando dal 6,55% al 12,22%. Njrat, DarkComet e Nanocore sono in cima alla lista dei RAT più diffusi. Per via della loro struttura relativamente semplice, le tre backdoor possono essere modificate anche da un autore non particolarmente esperto di minacce, permettendo di adattare il malware per la distribuzione in una regione specifica.

I trojan, utilizzati anche per diversi scopi, non hanno dimostrato una crescita come i RAT, ma, a differenza di molti malware single-purpose, la loro quota di file rilevati è aumentata, passando dal 32,89% nella seconda metà del 2017 al 34,25% nella prima metà del 2018. Proprio come le backdoor, una famiglia di trojan può essere modificata e controllata da più server di comando e controllo (C&C), ognuno con scopi diversi, ad esempio, cyberspionaggio o furto di credenziali.

"La ragione per cui i RAT e altri malware multipurpose stanno prendendo il sopravvento quando si parla di botnet è ovvia: le botnet costano molto denaro e per ottenere un profitto, i cybercriminali devono saper sfruttare ogni opportunità per ricavare denaro dal malware. Una botnet costruita con malware multipurpose può cambiare le sue funzioni in tempi relativamente brevi e passare dall'invio di spam ad attacchi DDoS o alla distribuzione di trojan bancari. Questa capacità di consentire al proprietario della botnet di passare da un diverso modello di business malevolo "attivo" ad un altro, apre anche un'opportunità per un reddito passivo: il proprietario può semplicemente affittare la propria botnet ad altri criminali", ha commentato Alexander Eremin, security expert di di Kaspersky Lab.

Gli unici programmi dannosi single-purpose che hanno dimostrato una crescita impressionante all'interno delle reti botnet sono stati i miner. Anche se la loro percentuale di file registrati non è paragonabile a quella dei malware multifunzione, molto più popolare, la loro quota è aumentata di due volte, inserendosi in un boom di miner maligni, come osservato in precedenza dagli esperti di Kaspersky Lab.

Per ridurre il rischio di trasformare i propri dispositivi in una botnet, gli esperti di Kaspersky Lab consigliano agli utenti di:

- Installare sul PC patch per il software non appena siano disponibili gli aggiornamenti di sicurezza per gli ultimi bug scoperti. I dispositivi privi di patch possono essere sfruttati dai criminali informatici e collegati ad una botnet.

- Non scaricare software pirata e altri contenuti illegali, poiché questi sono spesso usati per distribuire bot dannosi.

- Utilizzare Kaspersky Internet Security per impedire che il computer venga infettato da qualsiasi tipo di malware, incluso quello utilizzato per la creazione di botnet.

Per saperne di più è disponibile il blogpost su Securelist.com.

Informazioni su Kaspersky LabKaspersky Lab è un’azienda di sicurezza informatica a livello globale che opera nel mercato da oltre 20 anni. La profonda intelligence sulle minacce e l’expertise di Kaspersky Lab si trasformano costantemente in soluzioni di sicurezza e servizi di nuova generazione per la protezione di aziende, infrastrutture critiche, enti governativi e utenti privati di tutto il mondo. Il portfolio completo di sicurezza dell’azienda include la miglior protezione degli endpoint e numerosi servizi e soluzioni di sicurezza specializzati per combattere le sofisticate minacce digitali in continua evoluzione. Più di 400 milioni di utenti sono protetti dalle tecnologie di Kaspersky Lab e aiutiamo 270.000 clienti aziendali a proteggere ciò che è per loro più importante. Per ulteriori informazioni: www.kaspersky.com/it

Seguici su:

https://twitter.com/KasperskyLabIT

http://www.facebook.com/kasperskylabitalia

https://plus.google.com/+KasperskyItKL

https://www.linkedin.com/kasperskylabitalia

https://t.me/KasperskyLabIT


in evidenza
Grande Fratello Vip 3 terremoto 10 in nomination: TUTTI I NOMI

Grande Fratello Vip News

Grande Fratello Vip 3 terremoto
10 in nomination: TUTTI I NOMI

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.