A- A+
Costume
Bullismo? No. Picchiare un professore è pre-mafia. Perché Serra ha ragione

Di Salvatore Passaro

L’intelligenza è il nemico pubblico numero uno in questo paese, la verità la sua vittima preferita. E se è ancora vero dire che siamo un grande paese dobbiamo aggiungere una precisazione. Siamo un grande paese ii mediocri. E di ipocriti Siamo alla prese con la ribalta del bullismo trattato come se fosse un prodotto dei tempi e non per quello che è, la naturale legge dei rapporti umani sin dalla preistoria.

Quello che vediamo però nelle cronache non è bullismo. E’ più violenza spontanea da una parte e dall’altra alveo di una vita criminale. Non è bullismo picchiare un professore. E’ pre-mafia, pre-camorra, pre-gangtism o chiamatela come volete E non servono analisi sociologiche (finto)marxiste, socializzare il problema qui vuol dire subirlo. La violenza come disegno e sbocco di una vita o come progetto di vita è una categoria delle classi più povere, delle periferie mostruose delle città, di una vita periferica in cui il denaro e tutto ciò che lo significa lo si conquista con la violenza . Chiunque ha avuto a che fare con queste realtà sa di cosa parlo. Le scuole che accolgono gran parte di questi episodi non sono licei ma gli istituti tecnici e commerciali , scuole che non servono più a nulla nell’attuale crisi del lavoro e sono viste come parcheggi fino a 16 anni più che chance per un futuro. Ammortizzatori sociali e urbani: danno lavoro a schiere di professori e tolgono dalla strada le adolescenze di periferia pagando lo scotto di trasformarsi nella ‘strada’.

Michele Serra ha ragione, da vendere. Il suo peccato è di essere intelligente in un paese di mediocri. E di aver visto il vero in un fenomeno che ha un nome sbagliato. Non solo, l’ha fatto richiamando a se stesso la responsabilità di essere di sinistra e cioè di capire i problemi della gente e non di strumentalizzarla per farsi bella l’anima.

Le analisi addotte come contrarie sono superficiali e in mala fede. L’italia di oggi non è quella degli anni 70 e 80, dove ancora istituti tecnici e commerciali davano chance di lavoro e quindi funzionavano nel chiedere disciplina e selezione. Le mura, le aule, i bagni che le contengono sono espressione di degrado e decadenza. Come le nostre periferie. Facciamocene una ragione. E soprattutto affidiamo alle intelligenze vere e non alle insopportabili e desuete proposte dei politici o alla squallida banalità dei culi caldi del giornalismo nostrano il mandato di emendare la colpa di non aver distribuito a sufficienza soldi e progetti per trasformare le città e le periferie partendo dalle scuole. Perchè tutto parte da lì.

Tags:
bullismomichele serra bullismobullismo michele serra
in vetrina
Juventus, Cristiano Ronaldo clamoroso: fuori dal podio del Pallone d'Oro 2018

Juventus, Cristiano Ronaldo clamoroso: fuori dal podio del Pallone d'Oro 2018

i più visti
in evidenza
Pif, ecco il suo primo romanzo "...che Dio perdona a tutti"

Novità editoriali

Pif, ecco il suo primo romanzo
"...che Dio perdona a tutti"

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Citroen Berlingo vent'anni di successi

Citroen Berlingo vent'anni di successi

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.