A- A+
Costume
Caldo? Boom di stress, conflitti, malessere. Sos Summertime Blues: i consigli

LAVORO: ALLARME SUMMERTIME BLUES, CALDO CAUSA TENSIONI E MALESSERE

C'è un motivo se artisti di livello mondiale come gli Who, Bruce Springsteen, i Rush e i Beach Boys hanno reinterpretato magistralmente l'immortale brano Summertime Blues di Eddie Cochran, il cui ritornello recita: "Perché non c'è cura per la tristezza dell'estate'', definita anche Summertime Sadness dalla cantante pop Lana Del Rey? Secondo gli scienziati sì, ed è una ragione legata a un fatto indissolubilmente collegato al protrarsi dell'estate: non le zanzare, non la nostalgia, ma il sensibile aumento delle temperature. La spiegazione risiede in fattori di carattere biologico e psicologico sottovalutate fino a pochi anni fa.

Uno studio riportato dal The Sun e presentato all'American Physological Society di San Diego dai ricercatori dell'Università di Poznan, ha infatti svelato che gli ormoni dello stress aumentano inesorabilmente con l'innalzamento delle temperature, un fenomeno definito proprio ''Summertime Blues''. Ma non è tutto: sulle colonne del The Telegraph il neuroscienziato dell'Università di Cardiff Dean Burnett ha spiegato come la prova della correlazione tra calore e nervosismo provenga direttamente dalle statistiche sul crimine: gli episodi violenti aumentano notevolmente in estate, specialmente se è più caldo della media. Una media che secondo i dati dell'Fbi, riportati dall'emittente tv statunitense ABC, cresce addirittura del 10%. Anche secondo l'Istat i mesi caldi sono i più critici dal punto di vista del malessere personale: maggio, giugno e luglio sono infatti il periodo più a rischio per il fenomeno legato ai suicidi.

È quanto emerge da uno studio condotto da Espresso Communication su oltre 50 testate internazionali in occasione dell'arrivo del gran caldo sull'Italia, per scoprire quali sono gli effetti negativi che l'aumento repentino delle temperature determina sul benessere delle persone e come affrontarli con l'aiuto dei consigli dell'esperti di performance sul lavoro.

Ma cosa fa scatenare liti e divergenze nella vita quotidiana e sul luogo di lavoro? ''Logorio, stress e nervi a fior di pelle peggiorano di molto all'arrivo della 'coppia fatale', un binomio formato da stanchezza accumulata e dall'aumento delle temperature caratteristico dell'estate -spiega la coach Marina Osnaghi, che affianca imprenditori e professionisti nel raggiungimento dei propri obiettivi-. Aumento che diventa sempre più repentino e che trova il corpo impreparato. Molti arrivano all'estate senza avere fatto un vero stacco dal lavoro e per alcuni la prospettiva è che non ci sarà alcuna pausa estiva. La situazione, quindi, si aggrava con il caldo che debilita un fisico già affaticato dallo sforzo di resistere allo stress del continuo dover fare". "La 'coppia fatale', caldo e stanchezza accumulata, si presenta quindi in un momento dell'anno in cui le riserve a cui attingiamo sono ridotte al lumicino a causa della pressione costante, più o meno forte emotivamente, a cui le persone sono sottoposte oggigiorno'', afferma la coach.

Studi scientifici hanno dimostrato che l'aumento delle temperature causi un aumento della frequenza cardiaca, del livello di testosterone e l'attivazione di altre reazioni metaboliche che attivano il sistema nervoso simpatico, responsabile della risposta alla reazione a uno stimolo. Tutto questo si tramuta in un cambiamento dello stato d'animo: il caldo può rendere quindi più arrabbiati, stupidi e violenti. Le persone accaldate diventano insofferenti e le conseguenze per i rapporti sociali possono essere nefaste. Un'esplosione di astio che può scaturire anche per futili motivi, come l'accensione o meno del climatizzatore: uno studio portato avanti da Boris Kingma, biofisico del Maastricht University Medical Center e riportato dal The New York Times svela infatti che i condizionatori sono tarati su standard e parametri fissati sulla base del metabolismo maschile, fattore determinante nei numerosi battibecchi che si susseguono in ufficio a causa della diversa percezione del freddo tra uomini e donne.

Il dato emerso dall'indagine pubblicata sulla rivista scientifica Nature Climate Change è chiaro: se la temperatura preferita dagli uomini in ufficio è attorno ai 22° C, per le donne invece è 25° C: solo tre gradi centigradi di differenza che con il caldo soffocante e i conseguenti effetti sulla mente umana possono far scattare l'ira di qualche persona calorosa o sensibile al freddo. ''Con l'avvento della canicola si cerca di non affogare fra obblighi e doveri, che dal lunedì al venerdì impattano tutti i lavoratori senza distinzione di genere, con picchi notevoli sulla donna, che in molti casi gestisce ancora le incombenze di figli e famiglia; e su quelle persone che stanno vivendo crisi lavorative o addirittura perdita del lavoro conclude Osnaghi-. Nel corpo s'accumula lo stress residuo e, senza una piena coscienza, ci si ritrova con tutti i muscoli irrigiditi o cervicali, artrosi, blocchi a spalle e schiena, patologie che impattano anche sulla psiche. Di conseguenza l'atmosfera in ufficio si surriscalda. La sensazione è di non farcela più, e infatti si esplode attraverso aggressività e rabbia, spesso seguita da un gran mal di stomaco o dalla sensazione di amaro in bocca e di solitudine, a volte anche dal sentirsi in colpa una volta passata la rabbia. Quel che resta spesso è amarezza ed una grande stanchezza''.

Ma cosa fa scatenare liti e divergenze nella vita quotidiana e sul luogo di lavoro? ''Logorio, stress e nervi a fior di pelle peggiorano di molto all'arrivo della 'coppia fatale', un binomio formato da stanchezza accumulata e dall'aumento delle temperature caratteristico dell'estate -spiega la coach Marina Osnaghi, che affianca imprenditori e professionisti nel raggiungimento dei propri obiettivi-. Aumento che diventa sempre più repentino e che trova il corpo impreparato. Molti arrivano all'estate senza avere fatto un vero stacco dal lavoro e per alcuni la prospettiva è che non ci sarà alcuna pausa estiva. La situazione, quindi, si aggrava con il caldo che debilita un fisico già affaticato dallo sforzo di resistere allo stress del continuo dover fare". "La 'coppia fatale', caldo e stanchezza accumulata, si presenta quindi in un momento dell'anno in cui le riserve a cui attingiamo sono ridotte al lumicino a causa della pressione costante, più o meno forte emotivamente, a cui le persone sono sottoposte oggigiorno'', afferma la coach.

Studi scientifici hanno dimostrato che l'aumento delle temperature causi un aumento della frequenza cardiaca, del livello di testosterone e l'attivazione di altre reazioni metaboliche che attivano il sistema nervoso simpatico, responsabile della risposta alla reazione a uno stimolo. Tutto questo si tramuta in un cambiamento dello stato d'animo: il caldo può rendere quindi più arrabbiati, stupidi e violenti. Le persone accaldate diventano insofferenti e le conseguenze per i rapporti sociali possono essere nefaste. Un'esplosione di astio che può scaturire anche per futili motivi, come l'accensione o meno del climatizzatore: uno studio portato avanti da Boris Kingma, biofisico del Maastricht University Medical Center e riportato dal The New York Times svela infatti che i condizionatori sono tarati su standard e parametri fissati sulla base del metabolismo maschile, fattore determinante nei numerosi battibecchi che si susseguono in ufficio a causa della diversa percezione del freddo tra uomini e donne.

Il dato emerso dall'indagine pubblicata sulla rivista scientifica Nature Climate Change è chiaro: se la temperatura preferita dagli uomini in ufficio è attorno ai 22° C, per le donne invece è 25° C: solo tre gradi centigradi di differenza che con il caldo soffocante e i conseguenti effetti sulla mente umana possono far scattare l'ira di qualche persona calorosa o sensibile al freddo. ''Con l'avvento della canicola si cerca di non affogare fra obblighi e doveri, che dal lunedì al venerdì impattano tutti i lavoratori senza distinzione di genere, con picchi notevoli sulla donna, che in molti casi gestisce ancora le incombenze di figli e famiglia; e su quelle persone che stanno vivendo crisi lavorative o addirittura perdita del lavoro conclude Osnaghi-. Nel corpo s'accumula lo stress residuo e, senza una piena coscienza, ci si ritrova con tutti i muscoli irrigiditi o cervicali, artrosi, blocchi a spalle e schiena, patologie che impattano anche sulla psiche. Di conseguenza l'atmosfera in ufficio si surriscalda. La sensazione è di non farcela più, e infatti si esplode attraverso aggressività e rabbia, spesso seguita da un gran mal di stomaco o dalla sensazione di amaro in bocca e di solitudine, a volte anche dal sentirsi in colpa una volta passata la rabbia. Quel che resta spesso è amarezza ed una grande stanchezza''.

Tags:
caldo stress aumentacaldo aumenta stresscaldo conseguenze

in evidenza
Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Tria e Di Maio visti dall'artista

i più visti
in vetrina
Federica Pellegrini super star alla Milano Fashion Week. E' lei la "Divina"

Federica Pellegrini super star alla Milano Fashion Week. E' lei la "Divina"

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.