A- A+
Costume
Consumi, crollo per le bibite gassate: in 10 anni -20%
Advertisement

Gli italiani bevono sempre meno aranciate, gassose, chinotti, Cole, tè freddi e più in generale bibite gassate. Sarà per le diete e anche per ragioni economiche il fatto è che in dieci anni, dal 2006 al 2016, le vendite, riferisce l'Adnkronos, sono letteralmente crollate, il 20% in meno (-19,43%). E' un vero e proprio grido d'allarme quello che arriva da Assobibe-Confindustria, l'associazione italiana degli industriali delle bevande analcoliche. Si tratta di una crisi profonda per il settore che fattura 1,9 miliardi di euro e che in termini di Pil vale 0,8%. "Il calo forte è dovuto da una parte alla crisi congiunturale, poi si registrano anche cambiamenti nelle abitudini dei consumatori", afferma all'Adnkronos David Dabiankov, direttore generale di Assobibe. Una curva discendente delle vendite, sempre più accentuata, che ha toccato il picco più basso nel 2016 con -4,63% rispetto all'anno precedente. Mentre nel 2017 si scorge una lieve ripresa nel secondo semestre, complice l'estate torrida. Questo segmento, delle cosiddette 'soft drinks', perde quote di mercato tanto che l'Italia risulta agli ultimi posti in Europa per consumi, con 38,8 litri di bevande analcoliche pro capite, molto al di sotto della media Ue di 67,1 litri. In vetta alla classifica, stilata da Canadean, si pongono Danimarca con oltre 106 litri e Germania con oltre 105 litri.

"Siamo lontani anni luce dai volumi pro capite di altri paesi Ue o degli Usa" prosegue Dabiankov. E i consumi contribuiscono soltanto all'1% dell'apporto calorico medio complessivo giornaliero pari a 11 Kcal. "C'è un mercato che evolve anche - spiega il direttore generale di Assobibe - rispetto alla sensibilità sui prodotti zuccherati e calorici e le aziende hanno fatto molto per aumentare l'offerta di bevande con meno calorie o senza zuccheri. Si è lavorato molto sull'innovazione". Uniche bevande in controtendenza le Energy Drink, sconsigliate dai nutrizionisti per l'elevato contenuto di caffeina. Infatti, la classica lattina da 250 ml contiene una quantità di caffeina equivalente a una tazzina di caffè. Le Energy sembrano essere, tuttavia, molto gradite ai teenager e alla fascia d'età fra i 30 e i 40 anni. Rappresentano comunque l'1% del totale dei volumi in Italia e in Europa delle bevande analcoliche. Il Ministero della Salute ha comunque fissato limiti rigorosi in relazione al quantitativo di caffeina (320 mg/l) di glucoronolattone (2400 mg/l) e di taurina (4000 mg/l) e con una circolare ha previsto per finalità di monitoraggio la notifica, prima della commercializzazione, delle etichette e delle caratteristiche della bevanda ai propri uffici.

Oltre al calo delle vendite il settore delle bibite soffre di una tassazione elevata, lamentano inoltre gli industriali. In Italia il costo delle bevande analcoliche è gravato da una aliquota Iva tra le più elevate in Ue, 22% rispetto ad una media del 10%, diversamente da altri alimenti che godono in Italia di aliquote al 4% o 10%. E la recente "battaglia" condotta contro le 'aranciate senza arance', gli agricoltori, gli stessi che hanno bisogno di vendere il succo di arancia all'industria di trasformazione, ha dato un'ulteriore colpo al comparto. La scelta 'autolesionista' di applicare i nuovi divieti alla sola produzione italiana, approvata alla Camera, favorisce i competitor degli altri Paesi, secondo la denuncia di Assobibe.

Tags:
consumi bibite gassate crollo

in vetrina
Royal Family News: Harry sul ponte di Sidney, Meghan Markle non c'è. FOTO

Royal Family News: Harry sul ponte di Sidney, Meghan Markle non c'è. FOTO

i più visti
in evidenza
Dalla Nigeria a stella dell'Italia Egonu super: 45 punti con la Cina

Mondiali di Volley, Italia in finale

Dalla Nigeria a stella dell'Italia
Egonu super: 45 punti con la Cina

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
F1 Texas, Hamilton anche nelle libere 2

F1 Texas, Hamilton anche nelle libere 2

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.