Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Firenze, la sostenibilità del vino passa dalla Stazione Leopolda

Assoenologi organizza a Firenze, dal 17 al 20 novembre, il suo 72° Congresso nazionale. Tema affrontato la sostenibilità ambientale del vino

Firenze, la sostenibilità del vino passa dalla Stazione Leopolda

Di Andrea Cianferoni

Sarà la relazione del ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Maurizio Martina ad aprire i lavori del 72° Congresso nazionale dell’Associazione enologi enotecnici italiani (Assoenologi), in programma dal 17 al 20 novembre alla Stazione Leopolda di Firenze. Ad accogliere i numerosi delegati, provenienti da ogni regione d’Italia, e dall’estero, ci penserà il presidente nazionale di Assoenologi, Riccardo Cotarella, ma anche il sindaco di Firenze, Dario Nardella, l’assessore regionale all’Agricoltura Marco Remaschi, il presidente della Camera di Commercio di Firenze Leonardo Bassilichi, il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti, il presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo, e il presidente di Federvini Sandro Boscaini. Tra le relazioni previste anche quelle di Claudio Marenzi, presidente di Pitti Immagine, Ivangiorgio Tarzariol, presidente di Assoenologi Toscana,  Alessandra Ricci, amministratore delegato della Simest e Donatella Carmi Bartolozzi, vicepresidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, quali partner istituzionali del congresso, insieme a Banca Cr Firenze e Federvini. Il tema del congresso, "La scienza della sostenibilità del vino", vuole affrontare la sostenibilità nel vigneto, in cantina, dal punto di vista del consumatore, nella cooperazione, in azienda, in cucina. Ma soprattutto una sostenibilità supportata dal metodo scientifico. “Il tema della sostenibilità, fra carbon footprint, riduzione degli input e tutela del paesaggio e della biodiversità alimenta pareri discordi – sostiene Riccardo Cotarella - per cui è un argomento sul quale si avverte la necessità di fare chiarezza. Essere ‘sostenibili’ significa lavorare per sottrazione, riducendo l’emissione del gas serra e, unitamente, razionalizzare il consumo d’acqua e di agro farmaci”. Tra i relatori, ad affrontare questo delicato tema, sono stati chiamati  a parlarne da Ruggero Mazzilli (fondatore di Sopevis) al francese Nicolas Joly, considerato il guru della biodinamica, a Steve Matthiasson dalla California. Poi Oscar Farinetti, che discuterà della sostenibilità vista dal consumatore, Ruenza Santandrea della sostenibilità nella cooperazione e Renzo Cotarella, amministratore delegato della Marchesi Antinori, della sostenibilità aziendale. Non mancherà la parte dedicata alla cucina sostenibile, con una tavola rotonda tra chef e ristoratori. Attilio Scienza affronterà il tema della genetica, parlando dei nuovi porta innesti resistenti alle malattie e alla siccità, in particolare l’M4, che si è rivelato nettamente superiore ai porta innesti, confermando le sperimentazioni fatte negli anni precedenti. I lavori inizieranno già venerdì pomeriggio, con la relazione di Riccardo Ricci Curbastro, presidente di Equitalia, che presenterà il progetto di Certificazione della filiera vitivinicola quali soggetti sostenibili. Non mancheranno le degustazioni dei vini più rappresentativi del territorio, con un focus particolare su Sassicaia e Tignanello, alla presenza dei marchesi Piero Antinori e Nicolò Incisa della Rocchetta, che riceveranno l’attestato di Soci Onorari di Assoenologi. Paese ospite di questa edizione congressuale il Portogallo, a cui sarà dedicata una specifica sessione, con analisi sensoriali di alcuni dei vini più blasonati. Presenti due gradi enologi portoghesi: Jose Maria Soares Franco, di Portugal Ramos, e David Guimaraens, della Taylor’s Fladgate. In anteprima assoluta al 72° Congresso di Assoenologi, Stefano Vaccari, capo Dipartimento dell’Icqrf del Mipaaf, presenterà i primi dati della Cantina Italia forniti dai registri telematici, con lo scopo di offrire agli operatori una prima, sommaria serie di dati da valutare più nella prospettiva delle potenzialità del registro in termini conoscitivi. A chiudere i lavori sarà Bruno Vespa, in doppia veste di conduttore e produttore di vini, che condurrà un dibattito con i presidenti dei consorzi di tutela di Montalcino, Chianti, Chianti Classico, Vino Nobile di Montepulciano, Bolgheri e San Gimignano, prima della serata di gala alla presenza di Carlo Conti e Peppino di Capri. 


In Vetrina

Isola dei famosi 2018, naufraghi vip esclusi: chi sono. ISOLA FAMOSI 2018 NEWS

In evidenza

"Ho fotografato un fantasma E sull'Isola di Bali…". Intervista
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

Dakar 2018, Peugeot lanciata verso il trionfo

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.