A- A+
Costume
Gay, Sgarbi ad Affari: "Hanno ragione D&G. I figli non sono cani"

"Hanno mille volte ragione Dolce e Gabbana. Ragione da vendere. Loro sono stati un grande sostegno per il mondo gay perché sono stati una coppia che si è dichiarata in tempi in cui era molto più difficile convivere. Punto. Oltre il loro rapporto, ogni altro è abusivo". Vittorio Sgarbi, intervistato da Affaritaliani.it, scende in campo al fianco degli stilisti nella polemica che li vede contrapposti a Elton John in tema di famiglia e omosessualità. "Il matrimonio gay è una specie di suicidio autolesionistico - continua Sgarbi -. Se tu hai la possibilità di avere un rapporto con qualcuno senza sposarlo, lo sposi? Il matrimonio è una delle peggiori cose dell'umanità. Il mondo eterossessuale dovrebbe prendere il modello da quello omosessuale. Quella del matrimonio è una pretesa piccolo-borghese per andare in Prefettura con la consorte alla festa del 2 giugno. Una cosa orribile, prefettizia. La cosa più criminale concepita al mondo... E questi che ne sono privi la vogliono? Sono dei pazzi".

E l'avere figli? "In questa logica pensare che il matrimonio è un diritto comporta la successiva ipotesi che anche la maternità è un diritto. Invece, questi non sono diritti. Il matrimonio è un contratto e la maternità è un destino. Se hai rapporti omosessuali per dieci anni, è logico che non nascano bambini. Ma come può venire in mente che sia un diritto avere un figlio? E' una follia come volere un cagnolino scegliendolo nero con gli occhi azzurri. L'idea che una coppia gay debba avere un figlio è come prendere un cane invece che un bambino. E' un'umiliazione per il figlio che è costretto ad avere i genitori che vogliono loro invece di avere quelli che dovrebbero capitare a lui. Dolce e Gabbana hanno finalmente avuto i coglioni per dirlo. Non si possono scambiare i contratti con i diritti e il destino nella vita anche quello con un diritto. Non c'è un diritto alla maternità e alla paternità. Sono gli abusi di un mondo che non ha più regole e quindi ritiene che anche i figli possano essere presi come si fa con i cioccolatini, i cagnolini, i gattini".

"E chi vuole sposarsi - conclude Sgarbi - pensi che la famiglia è il peggior abuso della società: porta omicidi, uxoridici... Se uno può evitarla, la eviti. Invece non solo ci si vuole sposare, ma si vuole anche fare anche il modellino della mammina col bambino". Quando fare figli allora? "I figli si fanno quando vengono e li si riconosce. Non capisco perché uno deve avere un figlio per diritto di Stato". 

Tags:
dolce e gabbanagayelton johnsgarbiomosessualifigli
in vetrina
Isola dei famosi 2019 finale: Marina La Rosa, Maddaloni e.. I VERDETTI. Isola dei famosi 2019 news

Isola dei famosi 2019 finale: Marina La Rosa, Maddaloni e.. I VERDETTI. Isola dei famosi 2019 news

i più visti
in evidenza
Io nero voto la Lega di Salvini L'auting del padre di Moise Kean

Politica

Io nero voto la Lega di Salvini
L'auting del padre di Moise Kean


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Ferrari P80/C one-off progettata per rimanere unica

Ferrari P80/C one-off progettata per rimanere unica


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.