A- A+
Costume
Macedonia, il viaggio: la capitale Skopje e le cinque perle della sua collana
Ohrid

Quando si parla di "macedonia" viene subito in mente la succosa coppa ricolma di pezzi di frutta di stagione, con o senza zucchero,  innaffiata con il limone o con un liquore. Il termine  potrebbe derivare dal francese macédoine, appunto “miscuglio di cose diverse”; oppure da  macedonia balcanica che, dopo le conquiste orientali di Alessandro Magno, fu popolata da genti diverse. La Macedonia, quale perla dei Balcani, può riservare piacevoli sorprese poiché solo da poco sta scoprendo la sua vocazione turistica e, come destinazione meno turistica,  può consentire una vacanza di tutto riposo. Non vi sono molte informazioni circa le città  fuori della capitale, pertanto come uno scrigno che mostra pian piano i suoi tesori, occorre andare alla scoperta delle bellezze celate che racchiude. Questa caratteristica ha consentito di mantenere la particolarità  di un paese vero e non costruito ad uso dei turisti, come spesso avviene in Europa. Geograficamente la regione Macedone comprende l’attuale Repubblica di Macedonia (38%), la provincia greca di Macedonia (51%), dove è nato Alessandro Magno, e un angolo di Bulgaria (11%). I confini attuali sono piuttosto recenti: dopo il referendum dell’8 Settembre 1991, nel gennaio 1992 la Macedonia si è staccata ufficialmente dalla ex Jugoslavia.

Fare un viaggio in Macedonia significa visitare un paese al di fuori dei soli giri turistici. Non per questo non vi sono cose che meritano di essere viste. E' vero non vi è il mare, ma dopo tante vacanze sulle nostre spiagge questo è un fattore secondario, tanti sono i luoghi nascosti  nelle  vallate, sulle  montagne, lungo i fiumi e i laghi.

Un itinerario in questo paese deve includere prioritariamente: i bellissimi monasteri con gli affreschi autentici, le moschee, le chiese e ... i vini macedoni. La zona vinicola più famosa della Macedonia è quella intorno a Tikves nei pressi della capitale  Skopje, dove si possono provare  nelle cantine i famosi vini, accompagnando i calici con  degustazione dei prodotti tipici locali. Per poter iniziare il tour bisogna giungere a Skopje, magari con un volo Wizz Air da Treviso, davvero low cost (anche per meno di 50 euro).

Questo un esempio di viaggio per conoscere questo piccolo, ma così affascinante  Paese, poco più piccolo della Sicilia che, grazie al suo passato millenario, offre innumerevoli tesori culturali, artistici e storici.

La capitale macedone è nota per i suoi contrasti: la città vecchia mussulmana, la charshija, con la sua rete di vicoli stretti e tortuosi che sboccano in piccole piazze, i suoi negozi e i bar  dove sembra che il tempo si sia fermato e dall'altro lato la piazza Makedonija dominata dalla statua di Alessandro Magno, la nazione  tende a cancellare i segni del passato recente per rifarsi al suo passato lontanissimo e controverso. La Moschea Mustafa Pasha, la Fortezza del Museo Nazionale, la Chiesa San Spas, con l’ iconostasi alta sei e lunga dieci metri, stanno a ricordare le diverse fasi della storia della Macedonia. Prima di lasciare Skopje non può mancare una visita al  Vecchio Bazar, il più grande mercato dei Balcani al di fuori d'Istanbul,  l'unica parte vecchia della città ad essere in gran parte sopravvissuta al terremoto del 1963.

Si parte per Tetovo per visitare la Moschea Dipinta costruita nel XVII secolo e conosciuta come Moschea Aladzha o Pasha Djamija. Autentico gioiello dell’arte islamica, costruita nel 1459 con le donazioni di due nobildonne musulmane, Hurshida e Mensure, la cui tomba si trova all’interno del giardino. La moschea si presenta a forma di cubo, interamente decorata sia all’esterno che all’interno con motivi floreali e geometrici che riprendono elementi in stile sia barocco sia neoclassico. Gli affreschi e i decori in legno, tutti in ottime condizioni, risalgono al 1833 quando l’edificio fu ricostruito ed ampliato da Abdurahman Pasha.

Successivamente si visita il bellissimo monastero dell’XI secolo di Giovanni Battista nel parco nazionale Mavrovo. Il monastero è arroccato su rocce calcaree al di sopra della gola del fiume Radika, circondato dal  bosco del monte Bistra. Fu distrutto completamente, tranne  l’icona di San Giovanni: la leggenda narra che durante i tumulti spariva per poi tornare al suo posto dopo le baraonde. Da visitare  l’iconostasi, opera maestosa  realizzata  dal 1830 al 1835 con  scene del Vecchio e del Nuovo Testamento.

Si prosegue  verso Struga,  una delle principali località di villeggiatura del Paese, affacciata sul  lago Ohrid e attraversata dal  fiume  Black Drim, che dal lago  prosegue fino all’Adriatico. Conosciuta come la città della poesia  per il festival internazionale che si tiene dal ’62, nel parco una targa ricorda i premiati, come Eugenio Montale e Edoardo Sanguineti.

La visita della cittadina di Ohrid, sulla riva orientale dell’omonimo lago,  lascia stupiti per la sua bellezza, con le sue graziose case bianche e le sue stradine tortuose, è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Situata a 690 metri di altezza è dominata dalle imponenti mura merlate medievali  del  X secolo.  Essa può vantare  diecimila anni di presenza  umana; in età medievale fu uno dei maggiori centri culturali, artistici e religiosi della penisola balcanica e delle terre slave; sede di una delle più antiche università,  fondata nell’ 893,  in cui nacque l’alfabeto cirillico.  Per un periodo fu capitale della Macedonia di Filippo II,  che da qui partì nel 338 a.C. per conquistare la Grecia e poi il mondo. Si narra che nel medioevo vi erano in città 365 chiese, una per ogni giorno dell’anno. La Cattedrale di Santa Sofia, edificata fra il  1037 e il 1056, presenta affreschi del XIV secolo; la  chiesa di San Bogorodica Perivlepta, del 1259,  con forme bizantine,  meritano di essere visitate.

Ecco che il viaggio continua verso il  Monastero San Naum, a soli  cinque chilometri  dall’Albania,  gode di una posizione incantevole e solitaria. La  chiesa del X secolo è dedicata agli Arcangeli Gabriele e Michele, in essa si conserva una bellissima iconostasi in legno intarsiato e alcune tra le icone più preziose delle penisola balcanica. Il silenzio dei chiostri viene rotto dalla vita che circola a Bitola, la seconda grande città della Macedonia dopo la capitale Skopje. I principali negozi, i  ristoranti, il teatro dell'opera, le gallerie e molti caffè e club si trovano su Shirok Sokak, una strada pedonale che è il vero cuore della città, su questa strada vi sono le tipiche case turche e le belle ville. Gli abitanti sono conosciuti per il loro strano senso dell'umorismo e per la loro creatività.

La Macedonia, una terra antica e misteriosa che fu capitale nel medioevo di ben due imperi, quello bulgaro e quello serbo, da sempre quindi è al centro della storia.

 

Per maggiori informazioni:

Lovely Trips Travel Solutions  -  www.medium.com/lovelytripsblog

 

Commenti
    Tags:
    macedoniamacedonia viaggioskopjemacedonia turismomacedonia cosa vedere

    in evidenza
    Il fatto della settimana Toninelli visto dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Toninelli visto dall'artista

    i più visti
    in vetrina
    Milan, Alessio Romagnoli infortunio più grave del previsto. E ora Gattuso...

    Milan, Alessio Romagnoli infortunio più grave del previsto. E ora Gattuso...

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

    Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.