A- A+
Costume
Moda: il made in Italy vale 63,4 miliardi. Vola l'export 2018: + 2,6%
Foto: LaPresse

La moda Made in Italy vale 63,4 miliardi: questo il valore dell’export italiano delsettore nel 2018 tra abbigliamento, accessori e calzature, + 2,6% rispetto all’anno precedente.
DHL GlobalForwarding, che ha un’esperienza decennale di collaborazione con il settore della moda, ha commissionatoun sondaggio su un campione di 6 mila persone per dare un'occhiata più da vicino alle attuali tendenzedella moda. Alcuni servizi di DHL Global Forwarding, come la piattaforma Freight Chain Management,garantiscono ai grandi marchi del Made in Italy di gestire la propria rete logistica in tempo reale,migliorando qualità e performance nelle esportazioni globali, mentre il programma GoGreen garantiscemigliori performance in termini di sostenibilità.

Un sondaggio sulle abitudini di acquisto

Il sondaggio sui consumatori di DHL Global Forwarding offre una panoramica sulle tendenze attuali e sulleaspettative dei consumatori. Al sondaggio hanno partecipato utenti provenienti da Regno Unito, Stati Uniti,Italia, Australia e Giappone, rispondendo alle domande sulle loro abitudini di acquisto e sulle ragioni deiloro acquisti. In qualità di partner logistico di lunga data per stilisti, eventi e marchi, DHL Global Forwardingha commissionato il sondaggio per sottolineare l'importanza di una rete globale operativa, di precisione,affidabilità e velocità nel settore della moda.

Tra le altre informazioni, il sondaggio mostra che i consumatori nel Regno Unito apprezzano particolarmente la produzione etica, mentre le donne in Giappone danno priorità alla qualità dei prodotti. Il 15% dei partecipanti al sondaggio ha letto l'etichetta per vedere dove è stato prodotto un capo diabbigliamento; in Italia la cifra raggiunge il 41%. Inoltre, gli acquirenti vogliono sapere se e in che modo lacatena di spedizione del prodotto potrebbe influire sull'ambiente. E un quarto degli intervistati afferma che la produzione in condizioni di lavoro eque è importante per loro. Esperti come la giornalista britannica dellamoda Karen Kay sottolineano anche che esiste una tendenza verso una maggiore consapevolezza verso l'impatto ambientale e gli aspetti sociali, soprattutto tra le giovani generazioni.

Il programma GoGreen

Nel 2008, Deutsche Post-Gruppo DHL è stato il primo fornitore di logistica che ha introdotto un proprio obiettivo di protezione del clima. Questo obiettivo - migliorare l’efficienza di carbonio del 30% entro il 2020- è stato raggiunto nel 2016, quattro anni prima del previsto. Guardando al futuro, DHL si è posta un altroobiettivo ambizioso: entro il 2050 tutte le emissioni legate ai trasporti saranno ridotte allo zero netto, per contribuire a raggiungere l'obiettivo stabilito nel 2015 alla Conferenza Onu sul clima di Parigi (COP 21).

Il programma di protezione ambientale del Gruppo Deutsche Post DHL GoGreen si basa su due principi fondamentali: “Burn Less” e “Burn Clean”. La prima soluzione si propone di ridurre il consumo energetico senza cambiarne la fonte (per esempio, apportando miglioramenti alla capacità di carico per ridurne iconsumi); la seconda soluzione, “Burn Clean” si concentra invece sull’utilizzo di fonti di energia e carburanti ecosostenibili, come può essere il ricorso a veicoli elettrici per i servizi di ritiro e consegna. Grazie a questi due principi e all’offerta di soluzioni GoGreen su misura per i propri clienti, ad oggi DHL ha già effettuato più di 2 miliardi di spedizioni compensando circa 253 mila tonnellate di gas serra.

Decenni di esperienza nella logistica della moda

In qualità di partner logistico tra i più importanti nel settore della moda, dei gioielli e del lifestyle, DHLGlobal Forwarding ha alle spalle decenni di esperienza e competenza nel campo della logistica della moda. L'azienda offre una vasta gamma di soluzioni logistiche personalizzate che includono una varietà di serviziper l'e-commerce, la consegna a boutique e centri commerciali, o magazzini completi e servizi a valore aggiunto in centri di distribuzione della moda speciali.

Inoltre, DHL Global Forwarding offre ad alcuni dei più importanti nomi della moda il servizio Freight ChainManagement, una piattaforma globale che offre soluzioni flessibili per la gestione degli ordini, la spedizione e la visibilità doganale globale. Il tool elabora il flusso dati elettronico inoltrato dall’utente attraverso la lettura dei codici a barre posti sui colli, garantendo piena visibilità di ogni milestone di spedizione persingolo collo. Questo garantisce un monitoraggio in tempo reale di ogni passaggio, dall’ordine alla delivery finale.

Commenti
    Tags:
    moda logisticamoda made in italymade in italy tendenze consumatorimade in italy trend
    in evidenza
    Matteo e Francesca al mare Non c'è crisi per la coppia. FOTO

    Baci, abbracci e giochi in acqua

    Matteo e Francesca al mare
    Non c'è crisi per la coppia. FOTO

    i più visti
    in vetrina
    Ribery alla Fiorentina, ma gli occhi dei tifosi sono per la traduttrice. FOTO

    Ribery alla Fiorentina, ma gli occhi dei tifosi sono per la traduttrice. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Francoforte 2019 : Opel svela la prima un’auto da rally elettrica

    Francoforte 2019 : Opel svela la prima un’auto da rally elettrica


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.