A- A+
Costume
Meno stimolazione, più creatività e affetto per i piccoli geni

"Stimolazione": è questa la parola che ricorre ormai da anni quando si pensa alla crescita e all'educazione dei bambini. E per Natale è corsa a chi regala il giocattolo più innovativo e più tecnologico, che possa stimolare il cervello dei più piccoli. Ma qual è la scelta giusta da fare? Non si rischia di creare troppo stress e ansia da prestazione, volendo a tutti costi allevare dei piccoli geni? Non sarebbe forse meglio lasciare più libertà creativa ed espressiva ai bambini, come avveniva in passato con giocattoli più semplici e improvvisati?

Affaritaliani.it ne ha parlato con Gian Piero Turchi, docente di Psicologia Clinica all'università di Padova. Innanzitutto una premessa: "Il dilemma non si gioca sulla specificità tecnologica, non serve esprimere opinioni valoriali, spesso legate a pregiudizi, mentre si confrontano i moderni giochi da smartphone con i gessetti con cui si giocava in strada qualche decennio fa".

La domanda che un genitore o un educatore dovrebbero porsi, secondo Turchi, è un'altra: qual è la massa di interazione che un gioco riesce a generare nel bambino? "Se il gioco favorisce l'interazione ed incrementa la massa dialogica ben venga, che sia tradizionale oppure super-tecnologico. In questo caso si stimola la creatività dei bambini e si crescono dei piccoli uomini inseriti nella loro comunità di appartenenza, capaci di instaurare relazioni interpersonali e di avere una visione sociale più nitida". Ci possono essere diversi tipi di interazioni: da quelle 'orizzontali' con la comunità 'dei pari', ovvero gli altri bambini, a quelle 'verticali' con il mondo degli adulti. E' importante anche che il bambino possa aggiungere nuovi elementi al gioco, sfruttando la sua fantasia e la sua intuizione, senza relegare tutto a una sorta di apprendimento passivo.

"Il rischio è quello di crescere membri della società che si considerano monadi a sé stanti e che non sono capaci di interagire con gli altri. Nei casi più gravi i figli perdono il contatto con la realtà e anche la famiglia non riesce più a instaurare un rapporto con loro. Da qui alcuni gravi casi di cronaca degli ultimi tempi, con i genitori che arrivano a gesti di violenza estrema non riuscendo più a gestire la situazione".

Un consiglio, questo, che vale anche quando si pensa alla cara, vecchia tv: "Non va demonizzata a tutti i costi. Anche in questo caso bisogna scegliere. Ci sono cartoni animati per i più piccoli, come Peppa Pig o Pimpa, che sono fortemente educativi perché rappresentano le interazioni sociali all'interno della famiglia o all'interno di un gruppo. Il bambino viene spinto ad appropriarsi di quelle modalità d'azione e a riprodurle nella realtà". 

Maria Carla Rota
@MariaCarlaRota

Tags:
giocattolibambinieducazione

in vetrina
Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

i più visti
in evidenza
La moglie rompe il silenzio "Michael è un combattente e..."

Schumi, parla Corinna

La moglie rompe il silenzio
"Michael è un combattente e..."

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Dal 15 novembre scatta l’obbligo del montaggio di pneumatici invernali

Dal 15 novembre scatta l’obbligo del montaggio di pneumatici invernali

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.