A- A+
Costume
Meno stimolazione, più creatività e affetto per i piccoli geni

"Stimolazione": è questa la parola che ricorre ormai da anni quando si pensa alla crescita e all'educazione dei bambini. E per Natale è corsa a chi regala il giocattolo più innovativo e più tecnologico, che possa stimolare il cervello dei più piccoli. Ma qual è la scelta giusta da fare? Non si rischia di creare troppo stress e ansia da prestazione, volendo a tutti costi allevare dei piccoli geni? Non sarebbe forse meglio lasciare più libertà creativa ed espressiva ai bambini, come avveniva in passato con giocattoli più semplici e improvvisati?

Affaritaliani.it ne ha parlato con Gian Piero Turchi, docente di Psicologia Clinica all'università di Padova. Innanzitutto una premessa: "Il dilemma non si gioca sulla specificità tecnologica, non serve esprimere opinioni valoriali, spesso legate a pregiudizi, mentre si confrontano i moderni giochi da smartphone con i gessetti con cui si giocava in strada qualche decennio fa".

La domanda che un genitore o un educatore dovrebbero porsi, secondo Turchi, è un'altra: qual è la massa di interazione che un gioco riesce a generare nel bambino? "Se il gioco favorisce l'interazione ed incrementa la massa dialogica ben venga, che sia tradizionale oppure super-tecnologico. In questo caso si stimola la creatività dei bambini e si crescono dei piccoli uomini inseriti nella loro comunità di appartenenza, capaci di instaurare relazioni interpersonali e di avere una visione sociale più nitida". Ci possono essere diversi tipi di interazioni: da quelle 'orizzontali' con la comunità 'dei pari', ovvero gli altri bambini, a quelle 'verticali' con il mondo degli adulti. E' importante anche che il bambino possa aggiungere nuovi elementi al gioco, sfruttando la sua fantasia e la sua intuizione, senza relegare tutto a una sorta di apprendimento passivo.

"Il rischio è quello di crescere membri della società che si considerano monadi a sé stanti e che non sono capaci di interagire con gli altri. Nei casi più gravi i figli perdono il contatto con la realtà e anche la famiglia non riesce più a instaurare un rapporto con loro. Da qui alcuni gravi casi di cronaca degli ultimi tempi, con i genitori che arrivano a gesti di violenza estrema non riuscendo più a gestire la situazione".

Un consiglio, questo, che vale anche quando si pensa alla cara, vecchia tv: "Non va demonizzata a tutti i costi. Anche in questo caso bisogna scegliere. Ci sono cartoni animati per i più piccoli, come Peppa Pig o Pimpa, che sono fortemente educativi perché rappresentano le interazioni sociali all'interno della famiglia o all'interno di un gruppo. Il bambino viene spinto ad appropriarsi di quelle modalità d'azione e a riprodurle nella realtà". 

Maria Carla Rota
@MariaCarlaRota

Tags:
giocattolibambinieducazione
in vetrina
Royal baby ma non solo. Meghan Markle e Harry: il video per l'anniversario. ROYAL BABY NEWS

Royal baby ma non solo. Meghan Markle e Harry: il video per l'anniversario. ROYAL BABY NEWS

i più visti
in evidenza
E' morto a 70 anni Niki Lauda Fu una leggenda della Formula 1

Sport

E' morto a 70 anni Niki Lauda
Fu una leggenda della Formula 1


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nissan X-Trail: gamma motori rinnovata

Nissan X-Trail: gamma motori rinnovata


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.