Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

RePanettone premia i lievitati di Caserta, Pisa e Foggia

Gli ingredienti: qualità, freschezza dei prodotti, creatività e soprattutto artigianalità

RePanettone premia i lievitati di Caserta, Pisa e Foggia
Advertisement

Il miglior Panettone Innovativo di RePanettone Napoli 2017 è di Caserta. Vince il lievitato della giovanissima Angela Padovano, 24 anni, pasticciera di Tenerità: mela annurca Igp, noci caramellate e cannella. Secondo classificato Giovanni Saviozzi della Farina del mio Sacco di Cascina (Pisa) che, da pizzaiolo, ha presentato un panettone cotto nel forno a legna con noci e fichi di Carmignano al Vinsanto. Terzo classificato Antonio Cera di Forno Sammarco da San Marco in Lamis (Foggia) che si è distinto per un Panettone con barbabietola rossa, timo selvatico e pepe bianco. Grandi nomi della pasticceria italiana come Cesare Cucchi, Attilio Servi, Mauro Morandin, Alfonso Pepe, Sal de Riso, Pasquale Marigliano, Vincenzo Tiri, Roberto Cantolacqua e nomi meno noti e comunque interpreti di lievitati di alta qualità come Carmen Vecchione, Roberto e Francesco Rigacci, Raffaele Vignola, Antonio Cera, De Vivo, Angelo Grippa, Anna Chiavazzo, Giovanni Imera, Lombardi, Grazia Mazzali, Vincenzo Mennella, Gabriele Ciacci, Stella Ricci, Salvatore Varriale, Salvatore Gabbiano sono stati i protagonisti della kermesse organizzata da Amphibia di Milano e dalla napoletana Dipunto Studio. Oltre alla ricetta tradizionale milanese, i pasticcieri in gara hanno presentato circa cento varianti del lievitato delle feste giocando con abbinamenti originali, ingredienti insoliti e più tradizionali accostamenti. Tra le novità in vetrina il panettone salato al tartufo bianco della Pasticceria Mazzali, quello alla birra di Mauro Morandin, il Pan sfogliatella di De Vivo di Pompei inedito incontro tra la sfogliatella napoletana e il lievitato meneghino, il panettone alle olive verdi e vermut di Gabriele Ciacci di Poggibonsi, il panettone al Caffellatte di Carmen Vecchione di Dolciarte di Avellino. La creatività campana ha dato il meglio di sé con le creazioni di Alfonso Pepe che ha presentato la Pastiera Lievitata e di Sal De Riso con il Millefiori, un panettone ricoperto di struffoli. La Pasticceria Gabbiano di Pompei ha portato in degustazione una rivisitazione della focaccia degli antichi Romani “settanta9 d.C.” impastata con farina integrale e profumata alla cannella, con mele e mandorle. Menzione d’onore, infine, con il Premio Pangiuso alla pasticceria Mennella che da sempre abbina genuinità, tradizione e materie prime 100% naturali con una produzione artigianale che non supera i cinquemila pezzi. Rigorosamente artigianali tutti i panettoni presentati, realizzati senza ingredienti che ne prolunghino artificialmente la vita (i conservanti e i mono- e digliceridi utilizzati dall’industria), né semilavorati che ne facilitino la produzione artigianale, omogeneizzandone i sapori (lieviti disidratati e mix). L’obiettivo di Re Panettone era l’esaltazione della naturalità, la qualità, la freschezza dei prodotti da una parte e la capacità tecnica e l’originalità creativa dell’artigiano dall’altra. “Questa prima edizione -commenta Stanislao Porzio, ideatore e organizzatore all’ombra della Madonnina di Re Panettone® dal 2008- ha siglato il gemellaggio tra Milano e Napoli e questo ci sprona a ripetere l’evento anche il prossimo anno”.

Eduardo Cagnazzi


In Vetrina

Grande Fratello Vip 2, Luca Onestini e Ivana Mrazova coppia segreta. GF VIP 2 NEWS

In evidenza

Smartphone la “nuova tata” Distraggono i bimbi capricciosi
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

Debutto italiano per il nuovo SKODA KODIAQ SCOUT

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.