A- A+
Costume
Il delivery food diventa social. Pasti a domicilio per chi è in diffcoltà

Il problema degli sprechi alimentari ha dimensioni enormi: secondo la Fao, un terzo del cibo prodotto viene sprecato. Nel nostro paese il 43% di questo spreco avviene tra le mura domestiche. Ma i ristoranti non sono da meno. Anzi l'80% sente fortemente il problema. Ecco perche' Just Eat, azienda attiva nel mercato dei servizi per ordinare pranzo e cena a domicilio, ha pensato a un progetto che li coinvolga: il Ristorante Solidale. L'iniziativa patrocinata dal Comune di Milano, nata grazie alla collaborazione tra Just Eat, Caritas Ambrosiana e Pony Zero, presentata oggi a palazzo Marino, prevede la consegna di pasti caldi a domicilio a persone in difficolta'. La partenza e' immediata: verranno distribuiti oggi i primi 38 pasti consegnati a tre comunita' milanesi di Caritas oltre a 100 pizze donate al Refettorio Ambrosiano. Per adesso la 'consegna' dei pasti avverra' una volta al mese, ma non si esclude che si possa incrementare l'offerta e allargare l'iniziativa ad altre citta', come Roma e Torino. Tutto questo sara' facilitato dalla legge 166 la cosiddetta anti-spreco, che prevede agevolazioni fiscali per chi recupera e dona cibo, per la quale si attendono i decreti attuativi. Lo ha fatto notare l'assessore alle Politiche per il Lavoro, Attivita' produttive e Commercio Cristina Tajani, ricordando anche l'attenzione di Milano per i temi dell'alimentazione, a cui sara' dedicata una intera settimana, la Food city, in programma a maggio. Al progetto di oggi si e' arrivati anche dopo aver condotto un'indagine su un campione di 500 ristoranti affilati a Just eat. "Emerge come per l'83% dei ristoranti la problematica dello spreco sia un tema importante su cui il 77% ritiene di poter contribuire attivamente - ha spiegato Daniele Contini, Country Manager di Just eat in Italia - . Significativo notare come i ristoranti buttino via il cibo, il 24% ogni giorno, il 26% piu' di una volta alla settimana e il 50% una volta alla settimana".



'Ristorante solidale' al via a Milano, pasti caldi a domicilio



Partner ideale di questo progetto non poteva non essere la Caritas ambrosiana, che questa strada l'ha gia' intrapresa e la porta avanti da anni. "Siamo ben lieti di accogliere questa iniziativa che ci consente di implementare ulteriormente la filiera per il recupero del cibo a fini di solidarieta' che abbiamo cominciato a realizzare in occasione di Expo Milano 2015. Da quell'evento abbiamo iniziato a recuperare le eccedenze - ha ricordato Luciano Gualzetti, direttore della Caritas Ambrosiana -. E nel 2016 abbiamo recuperato 3 mila tonnellate di eccedenze alimentari". Queste vengono distribuite attraverso la rete formata dal Refettorio Ambrosiano, nato, da un'idea di Massimo Bottura e Davide Rampello, la mensa solidale dove ogni giorno mangiano 90 persone, decine di comunita' di accoglienza, e i 330 Centri di ascolto che distribuiscono anche pacchi alimentari. Le 3 comunita' di accoglienza che oggi riceveranno il 'pasto caldo' del Ristorante solidale sono "Pani e Peschi", una casa per gli adolescenti milanesi che soffrono di disagi psichici - "Casa alloggio Centro Teresa Gabrieli", casa accoglienza per pazienti affetti da HIV - "La Locomotiva", comunita' a dimensione familiare per minori. Tra i piatti che saranno serviti: pasta, riso e fagioli neri, piadine, hamburger, verdure, panini e porzioni di polenta calda. Per effettuare le effettuare le consegne entra in scena un altro partner logistico: Pony Zero. Il fondatore, Marco Actis, ha messo a disposizione di Ristorante Solidale la squadra di 30 persone che lavorano per lui in citta'. L'iniziativa Ristorante Solidale e' stata gia' positivamente accolta dai ristoranti, il 55% avrebbe infatti piacere ad aderire per contribuire a limitare gli sprechi e beneficiare delle agevolazioni previste dalla nuova normativa antispreco. Ma secondo l'indagine l'87% dichiara di non sapere dell'esistenza di agevolazioni fiscali per chi e' attivo nel limitare gli sprechi alimentari, infine il 35% degli intervistati si dichiara disponibile a ricevere maggiori informazioni sull'argomento, segno di una nuova sensibilita' alla lotta agli sprechi.

Tags:
ristorante solidale milanojust eat pasti caldi domicilio

in vetrina
Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

i più visti
in evidenza
Tre stelle a Mauro Uliassi E' il decimo chef in Italia

Siamo il secondo paese al mondo

Tre stelle a Mauro Uliassi
E' il decimo chef in Italia

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.