A- A+
Cronache
25 anni fa la Strage di Capaci. Bisi:“Onoriamo figure di Falcone e Borsellino"


Il 23 maggio 1992 nell’attentato di Capaci moriva Giovanni Falcone, magistrato  impegnato in prima linea nella lotta antimafia, insieme alla moglie Francesca Morvillo e agli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Pochi mesi dopo, il 19 luglio dello stesso anno,  perdeva la vita nella strage di via Amelio l'amico e collega Paolo Borsellino. Il Grande Oriente d’Italia ricorda queste due grandi figure, che si batterono per la verità e la giustizia fino al sacrificio, “eroi di tutti gli italiani”, “esempi di professionalità e coraggio”, che con “la massima fedeltà allo stato e all’immenso equilibrio nel valutare i fatti hanno costituito la costante bussola di magistrati a cui tutti noi dobbiamo tanto”.

“Noi liberi muratori – ha sottolineato il Gran Maestro Stefano Bisi -  vogliamo ottenere quella stessa Libertà che auspicavano Falcone e Borsellino e che  pensiamo che bisogna trasmettere senza sosta ai cittadini del nostro Paese. A partire dalle scuole, palestre di tolleranza, e luoghi dove fare crescere il grande albero della cultura. Ma anche nei posti di lavoro dove l'uomo svolge la propria attività quotidiana e dove bisogna sensibilizzare le coscienze”.

Il Gran Maestro, che nei giorni scorsi si è recato nella Locride, terra martoriata dalla criminalità organizzata e  dove insieme a 18 sindaci ha reso omaggio ai Cinque martiri di Gerace fucilati per essersi ribellati alla tirannide borbonica,  ha aggiunto: “ Da un territorio della Calabria spesso alla ribalta delle cronache ed anche ingiustamente emarginato del nostro Paese è partito un fortissimo messaggio di Liberta' e di Legalità che non ha bisogno di slogan ma di azioni concrete e di fatti. La Libera Muratoria è sempre pronta  battersi per l'affermazione della legalità ed è contro ogni mafia o consorteria del malaffare. Così come intende stare al fianco delle Istituzioni che hanno rispetto della Costituzione e dei principi che essa promana per tutti i cittadini senza operare discriminazioni e distinzioni antigiuridiche”.

“Falcone  - ha tenuto a ricordare anche il Gran Maestro- un giorno pronunciò una frase che mi ha colpito: "il sospetto non è l'anticamera della verità ma quella della calunnia". Parole che tutti dovrebbero sempre tenere presente prima di montare teoremi ed operare magari atti che possono incidere gravemente sulla vita delle persone e delle libere associazioni. “Vorrei che il 23 maggio tutti i fratelli ne onorassero la figura con un pensiero in occasione delle tornate di Loggia in tutti gli Orienti dell'Ordine. Credo che sia un doveroso, necessario e costante atto da fare con il cuore per uomini che hanno pagato duramente la loro aspirazione alla Libertà”.

Tags:
capacigiovanni falconepaolo borsellino
Loading...
in vetrina
Asteroide verso la Terra. Rischio gelo perenne e choc climatico

Asteroide verso la Terra. Rischio gelo perenne e choc climatico

i più visti
in evidenza
Vegano, arancione, alla cannabis Vino mania : dieci tendenze

Costume

Vegano, arancione, alla cannabis
Vino mania: dieci tendenze


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Ferrari Dolcevita, il ritorno nel mondo delle coupè 2+2

Ferrari Dolcevita, il ritorno nel mondo delle coupè 2+2


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.