A- A+
Cronache

Due episodi rabbuiano il rito gioioso del 25 aprile milanese, quest'anno anche corteo nazionale per celebrare la liberazione dal nazifascismo. Uno, che di questo rito fa parte perche' si ripete da decenni, e' la contestazione a suon di invettive ("Assassini" e "Fuori i fascisti dal corteo") di un gruppo di filo-palestinesi contro la Brigata Ebraica che, con il suo striscione, ricorda il sacrificio di 5000 sionisti per strappare l'Italia dalla dittatura. Coinvolto il deputato del Pd, Emanuele Fiano, invitato anche lui con toni bruschi ad abbandonare il corteo.

L'altro, inedito, riguarda un approccio molto aggressivo di alcuni militanti dei centri sociali contro un gruppo di attivisti M5s, costretti ad arrotolare le bandiere e ad allontanarsi verso un altro settore del corteo. Testimone oculare l'eurodeputato del Pd Brando Benifei che ha condannato "l'aggressione dei sedicenti antifascisti". Per il resto del pomeriggio, il 'popolo' del 25 aprile (70mila, secondo le stime dell'Anpi) ha reso omaggio al 74esimo anniversario tra bandiere, slogan, applausi e canzoni con l'immancabile 'Bella Ciao'.

Acclamato in partenza e in piazza Duomo, dove e' tra gli oratori sul palco, il sindaco Giuseppe Sala. "Milano fa e fara' sempre la sua parte - scandisce - oggi piu' che mai tutti ci guardano e noi siamo sempre chiamati a essere la citta' piu' antifascista d'Italia". E aggiunge, in una visione piu' d'insieme proiettata alla prossima scadenza elettorale: "E' importante rilanciare l'impegno per far tornare a crescere la comune patria europea. Dobbiamo farne innamorare i giovani e far riprendere slancio all'Europa".

Dal palco, il segretario della Cgil, Maurizio Landini, e' intervenuto sullo striscione ("Onore a Mussolini") esposto ieri a Milano dagli ultras laziali in piazzale Loreto, dove il Duce venne appeso a testa in giu': "Credo che sia assolutamente necessario che lo Stato e il governo reagiscano, queste cose non vanno permesse. Anzi bisogna sciogliere quelle forze che si rifanno al fascismo e che sono nate in questo periodo". Per l'esecutivo era presente il sottosegretario dei 5 Stelle Stefano Buffagni che, nei giorni scorsi, aveva precisato di voler partecipare a titolo personale.

"Io sono qui e quindi il governo e' presente - sembra rettificare oggi - Mi sembra un segnale abbastanza chiaro, poi la festa e' di tutti e non vogliamo che qualcuno se ne appropri perche' sarebbe una strumentalizzazione che in questo momento non e' utile". L'immagine piu' 'fresca' che lascia il corteo e' quella di un gruppo di giovani migranti che cantano e ballano dietro allo striscione 'Nuovi italiani, nuovi partigiani'.

Commenti
    Tags:
    25 aprile: "70mila" a milanoinsulti a brigata ebraica
    in evidenza
    La mossa di Renzi scatena i social 'Ora c'è un partito di sinistra'

    Ironia web: 'Assist a Salvini'

    La mossa di Renzi scatena i social
    'Ora c'è un partito di sinistra'

    i più visti
    in vetrina
    Mattone, scelto da 17,9% come investimento. Case indipendenti? Come prima casa

    Mattone, scelto da 17,9% come investimento. Case indipendenti? Come prima casa


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Fiat Panda Trussardi: il lusso diventa democratico

    Nuova Fiat Panda Trussardi: il lusso diventa democratico


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.