A- A+
Cronache
Aci Catena, tangente 15 mila euro: arrestati sindaco, assessore e imprenditore

Aci Catena, corruzione: 15 mila euro di tangente, arrestati il sindaco di Aci Catena Ascenzio Maesano, l'assessore Orazio Barbagallo e  l'imprenditore Giovanni Cerami

 

Il sindaco di Aci Catena, Ascenzio Maesano (centrodestra), un assessore della sua giunta e un imprenditore sono stati arrestatati dalla Direzione investigativa antimafia di Catania per episodi corruttivi su disposizione del pool anticorruzione della procura di Catania. 

Al centro dell'inchiesta due appalti per la fornitura di materiale hardwere e software al Comune di Aci Catena.

 

Ultimissime corruzione: sindaco di Aci Catena arrestato per tangente


Gli episodi di corruzione che hanno portato la Procura di Catania a emettere un decreto di fermo per pericolo di fuga hanno riguardato il rinnovo del contratto di fornitura in favore del Comune di Aci Catena del servizio di assistenza e manutenzione dei sistemi software e hardware e l'aggiudicazione del progetto esecutivo, denominato "Home car" finanziato dalla Comunita' europea per un importo di 252 mila euro alla societa' Halley consulting Spa, di cui Giovanni Cerami e' direttore generale.

 

Catania, Aci Catena: tangente di 15 mila euro per aggiudicarsi il progetto Home car

 

La Procura nel corso di due intercettazioni avvenute il 4 giugno e' riuscita a scoprire che la Halley consulting ha pagato una tangente di 15 mila euro che Giovanni Cerami avrebbe consegnato a Orazio Barbagallo che a sua volta l'ha divisa "in parti uguali" con il sindaco Maesano.

La somma, secondo gli inquirenti costituiva l'ennesimo pagamento efettuato da Cerami in favore dei pubblici funzionari in quanto l'imprenditore operava con il comune di Aci Catena da 20 anni.

La mattina del 4 giugno Maesano e Barbagallo si sentivano telefonicamente concordando di vedersi da li' a poco e utilizzando un linguaggio criptico.

Sono stati gli investigatori della Dia a intercettarli proprio mentre si dividevano la tangente incontrandosi in una localita' di campagna e adottando delle precauzioni per non essere intercettati.

 
Aci Catena, sindaco e assessore arrestati per corruzione. Chi sono Ascenzio Maesano e Orazio Barbagallo

 

Maesano e' sindaco di Aci Catena dal maggio 2012,eletto per la terza volta per il Popolo delle liberta'. Dal 2008 al 2012 e' stato assessore alla politica finanziaria della Provincia di Catania sempre nel Popolo delle Liberta'. E' stato sindaco per due mandati sempre ad Aci Catena dal 1999 al 2008. Precedentemente dal 1994 al 1999 presidente del Consiglio comunale e dal 1990 al 1993 consigliere comunale sempre ad Aci Catena.

Orazio Barbagallo e' stato funzionario al comune di Aci Catena e dirigente dell'area economica e finanziaria fino al 2010, in precedenza vice ragioniere capo e poi ragioniere capo. Nel 2012 e' stato eletto al consiglio comunale in una lista civica. 

Tags:
corruzione sindaco assessore aci
in vetrina
BELEN IN LINGERIE, CECILIA RODRIGUEZ 'FUORI DI SENO'. E POI... Foto delle Vip

BELEN IN LINGERIE, CECILIA RODRIGUEZ 'FUORI DI SENO'. E POI... Foto delle Vip

i più visti
in evidenza
Lady Gaga cade giù dal palco Germanotta tonfo! FOTO-VIDEO

Incidente allo show di Las Vegas

Lady Gaga cade giù dal palco
Germanotta tonfo! FOTO-VIDEO


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
On Air la nuova campagna a 360 gradi di Opel Grandland X Hybrid4

On Air la nuova campagna a 360 gradi di Opel Grandland X Hybrid4


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.