A- A+
Cronache
Scoppia il dibattito su Charlie Hebdo. Secondo te questa è satira? Sondaggio

All'indomani dell'uscita del nuovo numero di Charlie Hebdo, distribuito in diversi Paesi in 5 milioni di copie e andato subito a ruba, scoppia il dibattito sulla satira. Il settimanale parigino si autodefinisce "Journel irresponsable". E' davvero così? Su questo tema è intervenuto anche Papa Francesco da Manila: "Non si uccide in nome di Dio, ma non si può deridere la fede altrui". Immediata la risposta del governo francese. La Francia è il Paese "di Voltaire e dell'irriverenza, abbiamo il diritto di ironizzare su tutte le religioni", ha detto la ministra della Giustizia, Christiane Taubira, a Parigi per la cerimonia d'addio a uno dei vignettisti di Charlie Hebdo. "Possiamo disegnare tutto, incluso il Profeta", ha aggiunto.

Da giorni si discute sulla satira e sui suoi limiti, sui diritti d'opinione e di critica. Sul diritto-dovere di pubblicare le vignette da parte dei giornali. Vignette che da tempo circolano su internet e che inevitabilemente mostriamo al fine di comprendere i fatti e i giudizi espressi e da esprimere. Le risposte hanno evidenziato un amplissimo ventaglio di punti di vista. New York Times, Cnn e Bbc hanno censurato la copertina di Charlie Hebdo mentre altri giornali come Il Fatto non si sono fatti scrupolo e hanno dato visibilità senza alcun vincolo alla produzione artistico vignettistica delle matite d'Oltralpe.

E proprio stamattina è nato un dibattito molto acceso tra il direttore di Affaritaliani.it, Angelo Maria Perrino e Vincino nella trasmissione 24 Mattino di Alino Milan. "Io non avrei mai pubblicato quelle vignette. Va bene la satira ma non se diventa 'pecoreccia'", afferma Perrino che spiega "Noi di Affari crediamo nella satira tant'è che abbiamo inserito tra i nostri collaboratori il grande Giorgio Forattini uomo vittima della censura a cui diamo spazio tutti i giorni sul giornale. Ma ci piace la satira intelligente, allusiva, elegante, fatta di allitterazioni e giochi di parole. Ci piace la satira che attraverso un tratto di matita è capace di dire più cose di un lungo  e pensoso editoriale. Ci piace la satira sulle linee di un Altan o Giannelli e non gli sbracamenti solipsistici".

Secondo te, la vignetta di Charlie Hebdo sulla Trinità è satira? PARTECIPA AL SONDAGGIO

ASCOLTA L'AUDIO DELLA PUNTATA DEL 'BARLAMENTO' DI ALINO MILAN SU RADIO 24 CON VINCINO E ANGELO MARIA PERRINO 

Ecco il dibattito su Twitter (Il direttore di Affari ha due profili: @omarsivori e @amperrino):

 

twitter 1
 
twitter 2
 
twitter 3
 
twitter 4
 

 

 

 

 

Tags:
radio 24charliedibattitoreligione
Loading...
in vetrina
BELEN, LA FARFALLINA TORNA PIU' BELLA CHE MAI... Le foto delle Vip

BELEN, LA FARFALLINA TORNA PIU' BELLA CHE MAI... Le foto delle Vip

i più visti
in evidenza
Sanremo Young va in pensione Cancellato il talent della Clerici

Rai

Sanremo Young va in pensione
Cancellato il talent della Clerici


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Transit connect, il leggero di casa Ford è un concentrato di tecnologia

Transit connect, il leggero di casa Ford è un concentrato di tecnologia


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.