Adozione, a scuola non se ne parla

Il tema è poco affrontato nelle classi del nord. Lo denuncia l'Aibi. Ma i minori adottati in Italia crescono ogni anno sempre di più

Lunedì, 24 agosto 2009 - 10:50:00

"L'inserimento scolastico del figlio di un immigrato viene considerato un problema da affrontare mentre l'accoglienza di un figlio adottivo o di un minore fuori famiglia, 'out of family children', è totalmente ignorata non solo dal sistema scolastico ma anche dal nostro governo. Perché?" E' questa la provocazione che lancia il presidente di Aibi, l'associazione Amici dei bambini, Marco Griffini, al convegno internazionale "Emergenza educativa. Adozione, affido e leaving care tra scuola e famiglia", in programma oggi e domani a Cervia. Si tratta del primo incontro a livello nazionale che affronta il legame tra scuola e accoglienza dei minori fuori famiglia o dei figli adottivi.

Un momento importante per passare sotto la lente tutte le difficoltà del sistema scolastico nell'accoglienza dei minori con un passato o un presente di fuori famiglia e proporre così una serie di strumenti per creare una scuola a misura di figlio adottivo. Un tema però che "non interessa alle istituzioni", sottolinea Griffini, vista "l'inspiegabile l'assenza di rappresentanti del ministero dell'Istruzione a un tavolo di confronto con esperti del settore, docenti, policy maker, famiglie adottive".

Bambini scuola

Oggi, denuncia l'Aibi, gli studenti con un passato o un presente di fuori famiglia non riescono a trovare un ambiente scolastico adeguato alla loro accoglienza. E il problema è particolarmente avvertito nelle scuole del Nord Italia. I numeri delle adozioni internazionali crescono sempre di più (4mila nel 2008, 1.859 nel primo semestre del 2009), sarebbero circa 35mila gli 'out of family children' e ogni anno che passa pare che se ne aggiungano circa mille.

Da una serie di indagini condotte a livello nazionale dal movimento di famiglie di Aibi, risulta che il rapporto tra adozione e scuola è ancora difficile, complesso, se non addirittura un tabù. In Piemonte emerge che "non esistono servizi preposti all'inserimento e all'integrazione degli alunni adottati all'interno delle istituzioni educativi. Arrivano addirittura segnalazioni di errori grossolani commessi dagli insegnanti come quello di affrontare la storia personale del bambino fin dai primi giorni di vita, con il supporto di ecografie e di immagini riportanti la nascita. L'esperienza adottiva non viene affrontata mai dai docenti come un valore aggiunto, ma piuttosto come una "situazione difficile" da affrontare con la classe".

Anche in Lombardia si è registrato un sostanziale disinteresse rispetto al tema. I gruppi locali di genitori adottivi denunciano infatti che "i numeri dei figli adottivi sono talmente irrisori rispetto a quelli degli studenti figli di extra-comunitari e ai figli di genitori separati che passano in secondo piano". Secondo le ricerche "gli insegnanti lombardi nella maggior parte dei casi ritengono che non sia necessario conoscere le tematiche del bambino adottato, perché essendo stato accolto da una famiglia, ha già risolto il problema dell'abbandono".

In Veneto poi non si parla di adozione a scuola per evitare le difficoltà di dovere spiegare un argomento che non si conosce. "Il tema viene generalmente considerato non prioritario o importante dai docenti, che dimostrano così di non capire che parlare di adozione significa in realtà parlare di accoglienza", sottolineano i genitori adottivi.

In Friuli Venezia Giulia non si è mai affrontato l'argomento adozione mentre si parla del paese d'origine dei bambini stranieri o adottati, non si parla mai del valore dell'adozione. "E' un argomento tabù", denuncia l'associazione Amici dei bambini.  

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA