Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Altalena per disabili chiusa per protesta delle mamme di bambini "normodotati"

L'amaro sfogo di mamma Michela: "Andiamo a rinchiuderci in casa"

Di Marco Zonetti
Altalena per disabili chiusa per protesta delle mamme di bambini "normodotati"

Imperia. Michela Aloigi, madre di Matteo, ragazzino disabile, si sfoga affranta su facebook: “Io e Matteo ringraziamo tutti quei cittadini che hanno fatto chiudere l’altalena così che i propri figli ‘normodotati’ possano rimanere incolumi mentre loro chiacchierano e giocano con il cellulare. O sono tranquilli tranquilli al mare poiché non hanno bisogno di aiuto o accessibilità. Noi, non vi preoccupate, andiamo a rinchiuderci a casa. Grazie. W la civiltà”.

Michela, che è anche presidentessa dell’associazione La giraffa a rotelle, allude alla chiusura di un’altalena studiata appositamente per i bambini disabili e installata a fine 2016 nel parco urbano di Imperia. Il problema è che l'altalena veniva utilizzata soprattutto dai bambini "normodotati" che, per via della peculiare struttura dello strumento, correvano rischi  nel totale disinteresse dei genitori. Genitori che, invece di richiamare i pargoli invitandoli a fare uso dei giochi riservati a loro, hanno preferito protestare con il risultato di far chiudere l'altalena per disabili... l'unica su cui Matteo e i ragazzini come lui potevano giocare. Insomma, come trasformare un bell'esempio di civiltà nella solita farsa tutta italiana a favore dei privilegiati a svantaggio dei più bisognosi di tutela.

Il post di Michela Aloigi ha tuttavia avuto un grande riscontro mediatico raccogliendo moltissimi attestati di solidarietà, e arrivando anche all'orecchio del sindaco di Imperia Carlo Capacci che, su Twitter, ha risposto al riguardo: "Occorre più sensibilità e rispetto per i disabili da parte di tutti. L’altalena è stata chiusa perché gli elastici di sicurezza si rompono quando viene usata dai normodotati. Stiamo per realizzare una protezione”.

Raggiunto dalla testata ImperiaPost, Capacci ha poi aggiunto: “Non c’è stata nessuna protesta, nessuno ha chiesto di chiuderla. Semplicemente, l’uso eccessivo da parte dei normodotati ha rotto gli elastici di sicurezza e quindi è stata necessaria la chiusura. Purtroppo c’è un divieto, ma non viene fatto rispettare”.

Proteste o meno, ci uniamo alle manifestazioni di solidarietà per Michela e Matteo Aloigi, auspicando che quest'ultimo possa tornare al più presto a divertirsi sull'altalena, com'è giusto che sia.

In Vetrina

Adriana Volpe milf regina dell'estate: i 44 anni più sexy della TV - LE FOTO

In evidenza

Angelina Jolie rompe il silenzio: "Ecco la verità su me e Brad"
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

BMW Serie 7 “40 Years Edition”: per essere esclusivi

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.