A- A+
Cronache
Antonio Ingroia difensore dell'ex presidente Ecuador, Rafael Correa Delgado

La giustizia dovrebbe essere uguale per tutti e soprattutto gli stessi criteri di eguaglianza dovrebbero essere gli stessi in tutti i Paesi del mondo.

 

Talvolta, purtroppo, non sempre è così.

Molto spesso gli avvocati di peso e valore non hanno il tempo né le occasioni di confrontarsi e mettersi in gioco su casi e legislazioni internazionali.

 

Qualche eccezione però esiste ed uno dei casi più interessanti e, pure inquietanti, è portato avanti in prima persona da Antonio Ingroia, avvocato, giornalista, ex magistrato e politico e figura di spicco nel panorama giudiziario italiano.

Antonio Ingroia in Ecuador. Nel passato a fianco di Falcone e Borsellino.

Come dimenticare il suo lavoro, a fianco di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, nei più delicati processi di mafia italiani.

 

Ora, aldilà della sua attività professionale negli studi italiani ( a Milano, Roma e Palermo) Ingroia ha assunto l’importante difesa in un caso che interessa molto l’America Latina, quello che coinvolge in prima persona dell’expresidente dell’Ecuador, Rafael Correa Delgado.

 

‘ Imputato dalla magistratura ecuadoregna- secondo Ingroia-con un’accusa di sequestro di persona, palesemente infondata e costruita per finalità politiche’.

 

Da domani a Quito, capitale dell’Ecuador, l’avvocato italiano farà parte di un gruppo di avvocati e giuristi internazionali invitati in qualità di ‘osservatori’ per seguire le vicende giudiziarie che stanno accadendo nel Paese.

Antonio Ingroia in Ecuador. Una 'torsione' del diritto penale

In un quadro più ampio del processo in atto ‘ sembra esserci infatti-conferma Ingroia- una torsione delle regole del diritto penale e dello stato di diritto che riguarda non solo il mio assistito Correa,ma pure l’ex vicepresidente dell’Ecuador, Jorge Glas, detenuto ingiustamente’.

 

‘ Credo si voglia far pagare a Correa-sostiene l’avvocato -la guerra fatta a gruppi e lobbies multinazionali ed americane che, per decenni, hanno sfruttato l’Ecuador e gli altri Paesi dell’America Latina. Come pure si intende far pagare l’asilo politico dato, nell’ambasciata ecuadoregna a Londra al fondatore di Wikileaks, Julian Assange, la cui vita potrebbe essere in pericolo’.

 

Insomma una battaglia giuridica dai riflessi più ampi di quelli che riguarda l’Ecuador. Una battaglia dai contorni quasi da ‘spy story’ che potrebbe riservare sorprese e portare alla luce nomi e gruppi importanti internazionali insospettabili.

 

E nei Paesi sudamericani e caraibici non sarebbe certo una novità assoluta.

 

 

 

 

 

Commenti
    Tags:
    antonio ingroiarafael correa delgadoassange
    in evidenza
    Stalker perseguitava la Ferilli Ora ha il divieto d'avvicinamento

    Cronache

    Stalker perseguitava la Ferilli
    Ora ha il divieto d'avvicinamento

    i più visti
    in vetrina
    Zaniolo pace con le Iene. De Devitiis si scusa. Rose rosse per mamma Francesca

    Zaniolo pace con le Iene. De Devitiis si scusa. Rose rosse per mamma Francesca


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel, da 120 anni pioniere nell’offerta di innovazioni tecnologiche

    Opel, da 120 anni pioniere nell’offerta di innovazioni tecnologiche


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.