A- A+
Cronache

Razionale: Il trattamento del diabete si pone come obiettivo il controllo dei valori glicemici per o ritardare la progressione delle complicanze vascolari e il mantenimento di una buona qualità di vita. Le linee guida nazionali e internazionali raccomandano l’autocontrollo strutturato in pazienti con diabete di prevenire tipo 1 e di tipo 2 trattati con insulina, mentre l’utilità di tale pratica nei soggetti con diabete di tipo 2 non insulino trattati è ancora controversa.

Obiettivo: Lo scopo di questo studio è stato valutare, in questa tipologia di pazienti, l’efficacia dell’autocontrollo strutturato della glicemia nel migliorare i valori di HbA1c attraverso l’ottimizzazione della gestione del diabete, rispetto ad un automonitoraggio glicemico non strutturato lasciato alla discrezione del paziente. Materiali e metodi: PRISMA (acronimo di Prospective, Randomized trial on Intensive SMBG Management Added value in non-insulin-treated T2DM patients) è uno studio prospettico multicentrico randomizzato in aperto a gruppi paralleli della durata di 12 mesi che aveva lo scopo di valutare il valore aggiunto dell’autocontrollo strutturato in pazienti con diabete di tipo 2 non trattati con insulina.

Tutti i pazienti hanno partecipato ad un programma educazionale standard (Accu-Chek® EduCare) e quindi sono stati randomizzati in due gruppi:

• ISM (intensive structured monitorng) che ha eseguito 4 misurazioni glicemiche per 3 giorni/settimana: prima di colazione (digiuno), prima di pranzo (pre-prandiale), 2 ore dopo pranzo (post-prandiale) e 5 ore dopo pranzo ma prima di cena (periodo post-assorbitivo)

• AC (active control) aveva a disposizione 50 strisce reattive per tutta la durata dello studio e ha utilizzato parte di queste per eseguire 4 misurazioni glicemiche per 3 giorni ogni settimana antecedente le due visite di controllo a 6 mesi e a 12 mesi, in modo da avere dei valori da confrontare con l’altro gruppo. I pazienti randomizzati nel gruppo ISM sono stati anche istruiti a correggere i valori glicemici fuori target modificando lo stile di vita.

Durante ciascuna visita veniva valutata l’adeguatezza della terapia prescritta: nel gruppo AC si effettuavano cambiamenti unicamente sulla base dei valori di HbA1c e sulla frequenza degli eventi iperglicemici, mentre nel gruppo ISM venivano utilizzati i dati glicemici raccolti con l’autocontrollo strutturato, scaricati tramite l’uso di Accu-Chek® Smart-Pix, visualizzati graficamente e analizzati in modo da prendere decisioni terapeutiche adeguate. Per valutare l’efficacia dell’autocontrollo strutturato è stata analizzata la variazione fine-inizio dello studio dei seguenti parametri: 1) valore di HbA1c 2) percentuale di pazienti che hanno raggiunto o mantenuto il target di rischio, inteso come rischio di ipoglicemia (Low Blood Glucose Index - LBGI) ≤2,5 e di iperglicemia (High Blood Glucose Index - HBGI) ≤5.

A tutti i partecipanti è stato richiesto di compilare un questionario validato per valutare la qualità di vita e il locus of control. Risultati: Hanno partecipato allo studio 39 centri diabetologici italiani, in cui sono stati arruolati 1024 pazienti (40% di sesso femminile) con età media 60 anni, affetti da diabete di tipo 2 non insulino trattato mediamente da 6 anni, con Indice di Massa Corporea (IMC o BMI) medio di 30,5 e con livelli basali medi di HbA1c 7,4%; 501sono stati randomizzati nel gruppo ISM e 523 nel gruppo AC. Entrambi i gruppi di studio hanno ottenuto una riduzione dei valori di HbA1c nei 12 mesi, ma tale risultato è stato significativamente maggiore nel gruppo ISM rispetto a quello AC (popolazione ITT: -0,39% vs -0,27%; differenza media=0,12%), soprattutto se i partecipanti erano aderenti ai consigli del medico (popolazione PP: -0,45% vs -0,24%; differenza media=0,21%).

Inoltre la percentuale di pazienti che hanno raggiunto o mantenuto il target di rischio a 12 mesi dall’inizio dello studio era 74,6% nel gruppo ISM e 70,1% (popolazione ITT) e, anche in questo caso, il risultato è stato migliore se i partecipanti erano aderenti (popolazione PP: 90% vs 82,5%). In particolare i valori di HBGI sono progressivamente diminuiti nel corso dello studio e in modo maggiore nel gruppo ISM, mentre i valori di LBGI non sono differenti tra i due gruppi. I cambiamenti terapeutici sono stati più frequenti nel gruppo ISM rispetto al gruppo AC per ciascuna visita.

Il BMI è diminuito in entrambi i gruppi, ma in modo maggiore nel gruppo ISM rispetto al gruppo AC (popolazione ITT: -0,44 vs -0,28; differenza media=0,16) e tale risultato è stato migliore se i partecipanti erano aderenti (popolazione PP: -0,58 vs -0,28; differenza media=0,29) . Durante lo studio si sono verificati due episodi di ipoglicemia grave, ma entrambe in un paziente arruolato nel gruppo AC e trattato con sulfanuiluree. I risultati relativi ai questionari dimostrano un miglioramento della qualità di vita durante tutto il periodo di studio in entrambi i gruppi, mentre il locus of control è migliorato notevolmente nel gruppo ISM, dimostrando una maggiore consapevolezza e gestione della malattia.

Conclusioni: Lo studio PRISMA, grazie all’elevato numero di pazienti valutati, ha dimostrato l’efficacia dell’autocontrollo strutturato in soggetti affetti da diabete di tipo 2 non insulino trattato, confermando ulteriormente l’utilità e la sicurezza dell’uso di questa pratica clinica nel controllare i valori glicemici e nel supportare le decisioni terapeutiche.

Tags:
glicemiaautocontrollo
in vetrina
BELEN IN LINGERIE, CECILIA RODRIGUEZ 'FUORI DI SENO'. E POI... Foto delle Vip

BELEN IN LINGERIE, CECILIA RODRIGUEZ 'FUORI DI SENO'. E POI... Foto delle Vip

i più visti
in evidenza
Italia Viva, l'ironia del web "Sembra la pubblicità del Vagisil"

Politica

Italia Viva, l'ironia del web
"Sembra la pubblicità del Vagisil"


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Al Salone Auto e Moto d’epoca 2019, Peugeot festeggia i 50 anni della 304

Al Salone Auto e Moto d’epoca 2019, Peugeot festeggia i 50 anni della 304


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.