A- A+
Cronache
Camorra, medici complici dei clan: 6 arresti

Camorra: medici complici del clan, 6 misure cautelari  

Avevano rilevato i ristoranti di camorristi in carcere per proteggere i loro interessi economici e facevano investimenti e affari per conto della cosca: con questa accusa due medici napoletani, professionisti insospettabili, sono stati destinatari di una misura cautelare emessa del gip di Napoli ed eseguita dalla Dia partenopea, insieme alla sorella e al cognato di un boss e a due affiliati. I medici sono due fratelli, un anestesista e un chirurgo estetico, in servizio presso due cliniche private napoletane dei quartieri di Chiaia e Vomero; la misura restrittiva riguarda anche Domenico Mollica, cognato del capoclan pentito Carlo Lo Russo e titolare di un'agenzia d'affari con sede nel centro direzionale di Napoli, insieme alla moglie Adriana Lo Russo, sorella di Carlo. I due medici, dicono le indagini degli uomini del capocentro partenopeo Giuseppe Linares, insospettabili professionisti, sono stati disponibili a proteggere gli interessi dei titolari di note attivita' di ristorazione di Napoli, in quel momento detenuti e sotto processo, acquisendone i ristoranti e divenendo vittime di estorsione da parte dei Lo Russo, per poi passare a fare affari e investimenti con i fiduciari per conto della cosca che ha la roccaforte nel quartiere di Miano. Hanno dunque reimpiegato nei ristoranti cospicue somme di denaro proveniente da attivita' illecite della camorra, insieme a Mollica e a Mariano Torre, gia' componente del 'gruppo di fuoco' del clan e oggi collaboratore di giustizia.

I due medici devono anche rispondere di favoreggiamento nei confronti dei titolari delle attivita' detenuti e sotto processo, per aver sottoscritto con l'amministrazione giudiziaria, negli anni 2013-2014, contratti di affitto di vari ristoranti all'epoca sequestrati, assicurandone la gestione di fatto e il conseguimento del profitto economico agli arrestati. Mollica con Torre deve rispondere di estorsione nei confronti dei medici, costringendoli a versare una somma di denaro mensile, gia' pattuita con il precedente titolare di uno dei ristoranti. Adriana Lo Russo e' agli arresti per ricettazione aggravata per aver consegnato somme provenienti da attivita' illecite del clan ad esponenti della cosca.

Tags:
camorramedici

in vetrina
Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

i più visti
in evidenza
Bonaventura rischia 5 mesi di stop Socio di Elliot: ecco due offerte

Milan News

Bonaventura rischia 5 mesi di stop
Socio di Elliot: ecco due offerte

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Dal 15 novembre scatta l’obbligo del montaggio di pneumatici invernali

Dal 15 novembre scatta l’obbligo del montaggio di pneumatici invernali

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.