A- A+
Cronache
Caso Petacci, a Destra vogliono la testa di Floris: "Violata la Deontologia"

Il caso Claretta Petacci-Gene Gnocchi fa ancora discutere ed è pronto un esposto all'ordine dei giornalisti contro Giovanni Floris che ha ospitato il monologo del comico a DiMartedì. Un buon numero di esponenti e personaggi storici della Destra italiana e della Fiamma Tricolore, fra i quali Isabella Rauti e Bruno Esposito, si apprestano infatti a segnalare Floris per "violazione del codice deontologico".

Leggiamo nella bozza dell'esposto pubblicata su facebook:

"Gentile Presidente Verna, nel corso della trasmissione ‘Di Martedì’, condotta da Giovanni Floris su la7, andata in onda il 16 gennaio 2018, il comico Gene Gnocchi ha gravemente offeso la memoria e la dignità della signora Claretta Petacci, seviziata, presumibilmente violentata, e uccisa il 28 aprile 1945, a causa del suo legame sentimentale con Benito Mussolini. Una donna innocente che come riferì il presidente della Repubblica, medaglia d’oro al valore militare per la Resistenza, Sandro Pertini, “ebbe l’unica colpa di amare un uomo”. Il comico, attribuendo la proprietà del maiale alla presidente Giorgia Meloni, afferma: “Si chiama Claretta Petacci”. In quel preciso istante, il conduttore Giovanni Floris è esploso in una risata rilanciando la battuta “Un nome familiare” facendo intendere che ci fosse familiarità politica tra la leader chiamata in causa da Gnocchi e la signora Petacci. L’affermazione del conduttore ha trascinato il pubblico in una corale risata accompagnata da scroscianti applausi. Posto che il conduttore di un programma televisivo svolge a tutti gli effetti il ruolo di direttore responsabile dei contenuti, Giovanni Floris avrebbe dovuto esercitare il controllo in capo al direttore responsabile previsto dalla legge 47/48 . Non lo ha fatto. Avrebbe- estrema ratio- potuto dissociarsi dalle parole del comico. Non lo ha fatto. Anzi Floris ha rilanciato contestualizzando l’offesa al dibattito politico attuale. In questo modo ha semplicemente avallato l’oltraggio nei confronti della signora Petacci offendendo la dignità di una donna e il rispetto che si deve ai defunti. Pertanto, chiedo l’intervento dell’Ordine dei Giornalisti per accertare l’esistenza della violazione degli articoli previsti dalla legge sulla stampa, tra i quali omissione di controllo, pubblicazioni a contenuto impressionante o raccapricciante; per la violazione del codice deontologico della professione giornalistica laddove parla di tutela della dignità dell’essere umano. Una tutela – non Le sfugge gentile Presidente - che dovrebbe, in questo caso, essere esercitata con maggiore garanzia in quanto si stava oltraggiando una donna morta da innocente, presumibilmente violentata, brutalmente uccisa, il cui corpo fu esposto al pubblico ludibrio a Piazzale Loreto a Milano."

Interpellato da Affaritaliani.it, Bruno Esposito, storico dirigente della Destra napoletana e già consigliere regionale di AN in Campania, ha così dichiarato: "Si tratta di ristabilire un minimo di rispetto e di civiltà , Floris ha consentito ed avallato una battuta davvero ignobile. Quella non è satira ma vera e propria barbarie che a distanza di oltre 70 anni riapre le ferite della guerra civile, mai rimarginate, grazie proprio alla genia di odiatori seriali che in nome dell’antifascismo compie ogni genere di nefandezze".

Durissimo anche Simone Di Stefano, segretario nazionale di CasaPound e candidato premier, che su twitter ha commentato: «Claretta Petacci, donna innocente, innamorata, uccisa, stuprata, appesa e maciullata dai partigiani. Goditi il frutto del tuo odio. Ne sarai orgoglioso, vigliacco».

Tags:
ascolti tvauditeldimartedìgiovanni florisgiorgia meloniclaretta petaccimaialegene gnocchiisabella rautidestrabruno espositomsialleanza nazionalesimone di stefanocasapound
in vetrina
Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO

Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO

i più visti
in evidenza
"Vita in Diretta, misura colma" L'Ad Salini sul piede di guerra

MediaTech

"Vita in Diretta, misura colma"
L'Ad Salini sul piede di guerra


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Opel Corsa-e: l’elettrica che si carica in modo veloce e semplice

Opel Corsa-e: l’elettrica che si carica in modo veloce e semplice


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.