A- A+
Cronache
Chicco, bufera social per lo spot pro natalità

"Non sarà il 1982 o il 2006 ma anche quest'anno le notti possono ancora diventare magiche". Con queste parole Chicco ha postato sui social e su Youtube Il video del nuovo spot in onda in tv che sta sollevando un vespaio di polemiche.

L'azienda di prodotti per l'infanzia si riferisce ai due anni in cui la Nazionale italiana. E infatti la voce fuori campo dello spot recita: "Per la prima volta dopo 60 anni l’Italia non gioca il Mondiale. Una tragedia”. Perché? Perché “ogni urlo di allegria, ogni gesto di esultanza, ogni Mondiale vinto finisce sempre con il baby boom. Un’esplosione dell’indice naturale di natalità, una pioggia di neonati che ci ha allagato di ottimismo facendo dell’Italia una nazione straordinaria”.

Poi l'invito: “Facciamo un altro baby boom! Abbiamo bisogno di migliaia, milioni, trilioni di bambini che ci aiuteranno a crescere portando l’Italia dove è giusto che stia”.

E a questo proposito lo storico slogan dell'azienda viene attualizzato: da "Dove c'è un bambino" a "Dove ci sarà un bambino".

Insomma, a tutti gli effetti uno spot pro natalità da parte di un'azienda (privata) che produce prodotti per bambini. Non una pubblicità di qualche ente pubblico o di un ministero. Eppure il pubblico social, in larga parte, non ha gradito.

Tweet meloni
 

"Si dice che se ascolti l'audio di questo spot al contrario, senti un discorso di Mussolini", commenta una utente di Facebook. "Per me è davvero OSCENO. Ma si, facciamolo dovunque e con chiunque, in qualunque modo..accoppiamoci come conigli, tanto poi ci pensa il Signor Chicco. Ma siete seri?", commenta un'altra.

"Dite, facciamo crescere l'Italia ma la produzione abbigliamento Chicco dov'è? All'estero!!!”, attacca un altro. Mentre qualcuno commenta amaro: “Se potessi, farei 2, 3, 10 figli, ma non credo che l'azienda me li crescerebbe o mi darebbe una mano a livello economico. È facile, troppo facile dire "fate figli", poi come li mantengo?”.

tweet alemanno
 

In molti utenti però difendono lo spot e la Chicco che, in quanto azienda privata, può dire, fare e schierarsi come vuole. Plauso anche da parte di alcuni politici. Giorgia Meloni esulta su Twitter:  "Questo simpatico spot pro natalità sta scatenando indignazione, insulti e inviti al boicottaggio verso l’azienda Chicco. Reputo tutto ciò surreale, perciò lo ripropongo condividendo pienamente il suo messaggio. Io sto con #Chicco!"

Sulla Stessa linea Gianni Alemanno: "Ed ecco il TERRIBILE spot della #Chicco in cui un’azienda che vende prodotti per l’infanzia si permette nientepopodimeno che, di invitare a fare bambini. Davvero inaccettabile direi..."

 

 

Tags:
spot chiccochiccovideogiorgia melonifigli

in evidenza
Da Picasso all'arte islamica in Iran Jaca Book, ecco i libri in uscita

Novità editoriali

Da Picasso all'arte islamica in Iran
Jaca Book, ecco i libri in uscita

i più visti
in vetrina
Elisa Isoardi, spacco inguinale. E spunta una nuova foto con Matteo Salvini...

Elisa Isoardi, spacco inguinale. E spunta una nuova foto con Matteo Salvini...

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.