A- A+
Cronache
Cinque Terre: fra i boschi in infradito? Ti becchi la multa
Foto: LaPresse

Il Parco delle Cinque Terre prende provvedimenti in vista della buona stagione perché rischia di essere molto più difficile da gestire rispetto alle precedenti, visto che aumenteranno i visitatori come dicono le previsioni e soprattutto le prenotazioni. L’emergenza numero 1 è rappresentata da chi percorre i sentieri scoscesi e le ardue salite fra i boschi, improvvisandosi escursionista, senza avere però un’adeguata attrezzatura. Al punto che il Parco ha deciso di introdurre, progressivamente, le multe a chi si incamminerà nei sentieri in infradito.

“Il problema fondamentale è che troppi pensano di essere al mare e quindi di poter girare in infradito come fossero a Riccione – racconta Patrizio Scarpellini direttore del Parco - Ma questa, anche se affacciata sul blu è vera montagna, con tutte le sue insidie. Negli ultimi anni abbiamo riscontrato un aumento degli interventi dell’elicottero dei vigili del fuoco dovuti a infortuni in buona parte riconducibili a una sottovalutazione del percorso e all’assenza di un equipaggiamento, sostanzialmente le scarpe, minimamente adatto”.

Per questo motivo, in questa nuova stagione turistica che sta per aprirsi, saranno introdotte vere e proprie sanzioni per chi non rispetterà criteri minimi di sicurezza. “Le multe – continua Scarpellini – sono quelle previste dalla legge del Parco e oscillano fra 50 e 2500 euro. È evidente che prima della fase repressiva ce ne sarà una informativa. Attraverso opuscoli, manifesti, ma anche, ad esempio, obbligando il turista che acquisterà on line la nostra card a validare una nota in cui lo si informa del divieto di accesso senza le scarpe adeguate”.

Contemporaneamente scatteranno i primi filtri nell’accesso al “sentiero azzurro” e i vari organi di polizia e addetti del Parco verificheranno il tipo delle calzature e sconsiglieranno il turista dall’intraprendere la camminata con ciabatte, ballerine o scarpe comunque non adatte. Dopo questa fase “collaborativa” arriverà quella dell’intransigenza.  “Sono i numeri del porto di Spezia che ci obbligano a prepararci - dice Scarpellini - Dai 450 mila croceristi dello scorso anno si passerà, fra aprile e ottobre di quest’anno, a 750 mila e questo vuol dire il raddoppio del numero di visitatori che si riverseranno alle Cinque Terre. Proprio per questo motivo abbiamo già avviato una serie di incontri per cercare di attutire l’impatto di questa massa specie nel momento in cui si deve concentrare nelle stazioni ferroviarie. Stiamo studiando percorsi di accesso o rientro che comprendano visite a musei, luoghi storici o monumenti in grado di rallentare e frazionare il flusso continuo”.

 

Commenti
    Tags:
    cinque terremultemontagnamarescalata
    in evidenza
    Ufo, l'ammissione della US Navy Video veri, oggetti non identificati

    Cronache

    Ufo, l'ammissione della US Navy
    Video veri, oggetti non identificati

    i più visti
    in vetrina
    Eurogames: su Canale 5 tornano i Giochi senza frontiere. Ilary Blasi: "La tv anni '80-'90 era stupenda"

    Eurogames: su Canale 5 tornano i Giochi senza frontiere. Ilary Blasi: "La tv anni '80-'90 era stupenda"


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Iniziano le prevendite della nuova Audi A1 citycarver

    Iniziano le prevendite della nuova Audi A1 citycarver


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.