A- A+
Cronache
Compra 225 "grattini" e non vince Il giudice di pace: "Va risarcito"

Giocatori compulsivi di Gratta e Vinci, scommettitori delusi di lotterie istantanee, amanti dell’azzardo a cui la Dea Bendata ha voltato le spalle, ecco la sentenza che può riparare i torti subiti. Il giudice di pace di Vallo della Lucania (Salerno) ha ordinato alla società Lotteria Italia di risarcire un acquirente assiduo di tagliandi che in un anno non aveva totalizzato nemmeno un euro di vincita. Il motivo? I biglietti della Lotteria non riportavano la probabilità di vincita e non mettevano in guarda sui rischi da dipendenza indotto dal gioco.

La sentenza, riportata dall’edizione salernitana del Mattino è la prima di questo genere in Italia e, certo, si tratta del pronunciamento di un giudice di pace, in primo grado; dunque è un precedente al momento fragile per poter fare scuola e costituire un verdetto «apripista» per migliaia di altri aficionados di botteghini e tabaccherie. La base del verdetto è il caso di un acquirente che, pur avendo tentato la sorte per ben 225 volte con il Gratta e Vinci, non è stato mai baciato dalla sorte: zero euro incassati. Un episodio da Oscar della jella. In questi casi o rinunci all’azzardo o al contrario ti accanisci e cadi nella spirale della ludopatia. Esiste come sempre una terza strada ed è quella scelta dal giocatore, che si è rivolto a un avvocato sentendosi vittima di un torto.

L’appiglio di legge individuato dall’avvocato Paolo Siniscalco e fatto proprio dal giudice di Vallo sta in un articolo del decreto Balduzzi con il quale il ministero della Salute alcuni anni fa aveva cercato di porre argine ai danni provocati dal dilagante fenomeno del gioco compulsivo. L’articolo 7 del decreto stabilisce che «debbano figurare sui tagliandi formule di avvertimento sul rischio di dipendenza dalla pratica dei giochi con vincite in denaro con le relative probabilità di vincita». Ma questa dicitura a tutela del consumatore è assente sui «grattini» e da questo il giudice ha fatto discendere la nullità del contratto di vendita degli stessi tra Lotteria Italia e l’acquirente. Da qui l’ordine, che la sentenza stabilisce «immediatamente esecutivo» di rimborsare lo scommettitore. A conti fatti, una rischiosa scommessa per ora vinta.

Tags:
gratta e vinci
in vetrina
LADY GAGA E BRADLEY COOPER: LA VENDETTA DI IRINA SHAYK! LADY GAGA NEWS

LADY GAGA E BRADLEY COOPER: LA VENDETTA DI IRINA SHAYK! LADY GAGA NEWS

i più visti
in evidenza
Heidi Klum, Taylor Mega e poi... Tutti i topless da urlo (e non solo)

Belen, Diletta Leotta e... GALLERY

Heidi Klum, Taylor Mega e poi...
Tutti i topless da urlo (e non solo)


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Francoforte 2019: Volkswagen presenta la nuova immagine del brand

Francoforte 2019: Volkswagen presenta la nuova immagine del brand


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.