A- A+
Cronache
Condannato giornalista friulano. Diede la parola a imitatore di Mussolini

La lotta al fascismo immaginario miete un'altra vittima: il giornalista Gianluca Versace è colpevole per l'Ordine dei giornalisti del Friuli Venezia Giulia di “violazione dei doveri professionali per non aver preso chiaramente le distanze dall’affermazione di un ospite, che tra l'altro indossava un'uniforme chiaramente ispirata al periodo fascista, con camicia nera, fez e fascio ben in evidenza”. Il fatto è accaduto in una trasmissione tvNotizie oggi,condotta da Versace, andata in onda alle 6 del mattino del 28 novembre 2017 sul network nazionale Canale Italia. 

L'ospite, Ferdinando Polegato, un ristoratore di Pordenone che fa la caricatura di Benito Mussolini aveva, tra il serio e la macchietta attaccato la classe politica e tra questi il capo dello Stato. Polegato: “Ma certamente, questa classe politica ci ha rovinato... corrotta. Siamo governati da mafiosi, massoni, marionette”... “i politici che abbiamo adesso sono tutti delinquenti, a cominciare dal capo dello Stato”.

Affermazione demenziale per grossolanità che potrebbe fare un ubriaco e che se presa sul serio risulterebbe offensiva. Ma come si fa a prendere sul serio uno come Polegato? Che “più del Duce ricorda Corrado Guzzanti in Fascisti su Marte”?, spiega l'editorialista Marcello Veneziani. 

Polegato è un personaggio a metà strada tra la goliardia e il reducismo da bevitori di spritz, è un ristoratore che mentre imita Mussolini dietro al bancone del suo ristorante, serve l’aperitivo a base di olio di ricino o il “tiramidux”. Sarà sicuramente fascista ma non puoi prenderlo sul serio neanche se batti la testa. 

Le sue esegerazioni a Notizie oggi sono simili a quelle sentite alla trasmissione di Radio 24 La Zanzara di Giuseppe Cruciani e David Parenzo o in lungo e in largo sui giornali. Versace lo ridicolizza, come abbiamo visto fare ad ogni conduttore quando mette sul palcoscenico un ospite inattendibile ma che con le sue esternazioni strampalate raccoglie un certo interesse di pubblico. Ma l'Ordine scrive che “l'espediente” di Versace, cioè “ridicolizzare il personaggio”, trattarlo reiteratamente con “atteggiamento di scherno e dileggio” e il “tenore evidentemente canzonatorio” “mal si concilierebbero” “con il ruolo professionale giornalistico”. Non basta o non è appropriato il modo di fare. Qui c'è di mezzo il fascismo. Sono cose serie. Quella dell'imitatore non può essere considerata satira, come si è sempre fatto a sinistra in questi casi. E tanto meno gli attacchi al presidente della Repubblica. E visto che a distanza di 73 anni dalla caduta del regime abbiamo paura anche delle sue macchiette non si può che condannare il giornalista con la “censura”.

 

Le parole di Polegato, che resta illeso (ora non vi sarebbero neanche i tempi tecnici per una denuncia penale nei confronti dell'imitatore visto che è passato più di un anno dalla trasmissione), ricadono solo su Versace.

Sono 4, per ordine di gravità, le sanzioni disciplinari inflitte dall'Ordine ai giornalisti in Italia: l’avvertimento; la censura; la sospensione dall’esercizio della professione per un periodo non inferiore a due mesi e non superiore ad un anno; la radiazione dall’Albo.

L'atto è stato depositato alla Corte d'Appello di Trieste e Versace si potrà opporre così come il Procuratore generale presso la Corte d'Appello.

Ma per adesso a nulla è servita la sua stenue difesa. “Quello che mi è accaduto è un fatto gravissimo. Ho solo la colpa di dare la parola a tutti”, racconta ad Affari

 

Mai iscritto ad un partito di destra? 

“No e la mia famiglia era di dorotei democristiani, quindi della parte sinistra della Dc. Solo una volta, nel 1984, per delle elezioni locali mi hanno candidato da indipendente in una lista del partito socialdemocratico, ma non sono mai stato iscritto a nessun partito.

 

Ma questo suo modo di fare non potrebbe sembrare un ammiccamento o...

“Ma scherza! L'ho ridicolizzato durante tutta la trasmissione. E poi è un imitatore. Ed io sono tutto fuorché fascista. E' una vicenda surreale”.

 

Come la spiega?

“Non sono allineato dalla parte giusta. Sono un liberale e un libertario e questa è una colpa”.

 

Versace ha deciso di opporsi al provvedimento e presto la vicenda finirà in parlamento con un'interpellanza. Ma la lotta al fascismo immaginario, tra eterni ritorni dell'identico, continuerà, mietendo vittime in lungo e in largo. Ve la ricordate “l’onda nera” fascista che per mesi ha ossessionato i media italiani prima delle elezioni?

 

 

 

Commenti
    Tags:
    mussolinigiornalista condannato fascismoversace giornalistapolegatoimitatore mussolini
    in evidenza
    Prada, addio a pellicce animali Via dalle passerelle dal 2020

    Costume

    Prada, addio a pellicce animali
    Via dalle passerelle dal 2020

    i più visti
    in vetrina
    GRANDE FRATELLO 2019, FRANCESCA DE ANDRE' E GENNARO: LITE. Gf 2019 news

    GRANDE FRATELLO 2019, FRANCESCA DE ANDRE' E GENNARO: LITE. Gf 2019 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Jeep Wrangler è "4x4 de l’Année 2019"

    Jeep Wrangler è "4x4 de l’Année 2019"


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.