A- A+
Cronache
Consip, pm Roma: Scafarto voleva inchiodare Renzi senior

Che l'ex capitano del Noe Gianpaolo Scafarto, titolare dell'informativa sul caso Consip, abbia agito con dolo, e' dimostrato dal fatto che puntava a "inchiodare Renzi (Tiziano, il padre dell'ex premier, ndr) alle sue responsabilita'" o, nella sua prospettazione, "ad arrestarlo". E' quanto scrive la Procura di Roma nel provvedimento con cui ha impugnato l'ordinanza del tribunale del Riesame che ha revocato la sospensione dal servizio per un anno nei confronti dell'attuale maggiore dei carabinieri. "Tale assunto - si legge nel ricorso che i pm di piazzale Clodio hanno trasmesso alla Cassazione -, oltre che essere assolutamente aderente alla realta' del quadro probatorio all'epoca esistente, era esattamente cio' che l'indagato si rappresentava, cosi' come si deduce non solo dai messaggi whatsapp e dalle conclusioni cui si giunge nell'informativa del 9 gennaio 2017, ma anche dall'informativa del 3 febbraio successivo, laddove e' declinato con solare evidenza a commento delle dichiarazioni di Alfredo Mazzei (il commercialista napoletano di area Pd che parlo' di un incontro tra Alfredo Romeo e Tiziano Renzi in una bettola, ndr): '...le dichiarazioni di Mazzei sono di straordinaria valenza - cosi' scrisse l'ufficiale dell'Arma - in quanto consentono di chiudere il cerchio su Renzi e su Carlo Russo (imprenditore di Scandicci, amico del padre dell'ex premier, ndr), nel senso che consentono di affermare che Russo non sia un millantatore ma al contrario egli avesse la possibilita' di affrontare ed influire nell'assegnazione dei lotti Consip e soprattutto che egli agisca in nome di Tiziano Renzi, la cui compartecipazione in tutte le dinamiche prospettate da Romeo, a questo punto, appare oltre che scontata imprescindibile...'". Se per il Riesame Scafarto nella sua attivita' di investigatore ha commesso errori "involontari che l'esperienza giudiziaria permette di riscontrare quotidianamente nelle informative di pg", per la Procura "la prova nei confronti di Renzi senior (indagato per traffico di influenze illecite, ndr) aveva e ha natura indiziaria, si' che e' del tutto evidente che moltiplicare gli indizi sarebbe stato un ulteriore elemento a sostegno dell'accusa". "Nell'ordinanza del Riesame - spiegano infine i pm - si afferma anche che non e' dimostrato il presupposto da cui muove l'accusa per reggere l'elemento soggettivo del reato: la volonta' dell'indagato di coinvolgere Matteo Renzi nella vicenda Consip. L'assunto - precisano i magistrati della Procura di Roma - e' privo di fondamento storico: in nessun atto di indagine e' declinato tale postulato, in nessuna memoria, in nessuna richiesta, in nessuna espressione di pensiero, verbale o scritta".

Tags:
consip scafartoconsip renzi padre
in vetrina
Icardi, rinnovo con l'Inter? Bomba Wanda Nara: "Volevano darlo alla Juventus"

Icardi, rinnovo con l'Inter? Bomba Wanda Nara: "Volevano darlo alla Juventus"

i più visti
in evidenza
Lebron James, Serena Williams... Youtube, gli spot 2018 più visti

Costume

Lebron James, Serena Williams...
Youtube, gli spot 2018 più visti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Debutta a Milano la nuova Mazda 3

Debutta a Milano la nuova Mazda 3

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.