A- A+
Cronache
Daisy: esclusa l'aggravante razziale, spuntano arresti e condanna per il padre

Il caso Daisy Osakue si rivela sempre più ricco di colpi di scena. Si è scoperto che uno dei lanciatori dell'uovo, l'autista del Doblò della "gang", è figlio del consigliere Pd di Vinovo Roberto de Pascali, ed è stasta esclusa l'aggravante razziale.

Ma poi in rete è spuntato un articolo di Repubblica del 2002 con tale Iredia Osakue arrestato in una retata per prostiuzione ed è caduto giù il mondo. Anticipato dal Primato Nazionale che ieri aveva dato la notizia dei due arresti per tentato omicidio, arriva l'articolo del Giornale a firma Laura Tecce, che rivela: "Ciò che invece emerge da una sentenza di primo grado del 9 ottobre 2007, emessa dal gup Cristina Palmesino al termine di un processo con il rito abbreviato, è che Iredia Osakue è stato condannato a 5 anni e 4 mesi per associazione a delinquere di stampo mafioso, tentata rapina e spaccio di droga. L'uomo sarebbe stato a capo di un'organizzazione, chiamata «Eiye», che ha base in Nigeria ma molte ramificazioni in Europa".

E ancora: "Al centro del processo la lotta con l'organizzazione rivale «Black Axe» con cui si contendeva il controllo del Torinese. Al gruppo venivano attribuiti diversi reati: truffa, intimidazioni, tentati omicidi, lesioni, estorsioni ed esercitava la violenza fisica «con armi bianche e da sparo», con «frustate attraverso lo strumento africano detto kobu-kobu al fine di costringere connazionali ad affiliarsi o di punire chi sgarrava».

Quanto all'articolo di Repubblica del 2002 riguardo a una retata contro la prostituzione e a sette arresti fra cui quello di tale "Iredia Osakue", Laura Tecce aggiunge: "I carabinieri di Moncalieri confermano che l'uomo arrestato per sfruttamento della prostituzione nel 2002 è lo stesso Iredia Osakue, padre della discobola azzurra Daisy, e Lovely Albert, altro non sarebbe che la madre della giovane, che oggi avrebbe cambiato nome in Magdeline. Oggi l'uomo è il titolare di un centro pratiche per immigrati, la Daad Agency di Moncalieri, che gestisce dai permessi di soggiorno ai ricongiungimenti familiari, nonché mediatore culturale in una cooperativa che gestisce l'accoglienza, la cooperativa sociale Sanitalia service che gestisce 15 strutture in Piemonte".

Sempre sull'articolo di Laura Tecce si legge che "i vigili urbani di Torino avrebbero riarrestato, nel 2006, un Iredia Osakue per una vicenda legata alla tratta delle ragazze nigeriane".

Ammesso e non concesso che l'ultimo dei casi sia un omonimo, ma gli elementi succitati, gli arresti, i reati, le condanne ci fanno domandare com'è possibile che Osakue oggi sia un mediatore culturale. Si attendono quindi sviluppi della vicenda, della quale prevediamo vi saranno strascichi e interrogazioni a livello istituzionale.

Tags:
migrantidaisy osakuerazzismomatteo salvinipadre di daisyarresticondannesfruttamento della prostituzionemafia nigerianaroberto de pascalifiglio del consigliere pd

in evidenza
Da Picasso all'arte islamica in Iran Jaca Book, ecco i libri in uscita

Novità editoriali

Da Picasso all'arte islamica in Iran
Jaca Book, ecco i libri in uscita

i più visti
in vetrina
Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Citroen Berlingo vent'anni di successi

Citroen Berlingo vent'anni di successi

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.