A- A+
Cronache
Dl Genova, Di Maio: ok della ragioneria dello Stato. Ora testo al Quirinale

Nel caso in cui Autostrade non pagasse o ritardasse le spese di ricostruzione del ponte Morandi sarà lo Stato ad anticiparle, attingendo al Fondo per il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale. Lo prevede il decreto Genova. La spesa autorizzata per il meccanismo di anticipazione ammonta a 30 milioni annui per il periodo dal 2018 al 2019.

 

La ricostruzione del ponte sarà affidata dal commissario straordinario ad "uno o più operatori", escludendo Autostrade per l'Italia, si specifica nella bozza finale. Gli operatori non dovranno avere "alcuna partecipazione diretta o indiretta in società concessionarie di strade a pedaggio, o siano da quest'ultime controllate o ad esse collegate". A questo punto viene inserita un'aggiunta: "Anche al fine di evitare un indebito vantaggio competitivo nel sistema delle concessioni autostradali".

Il governo stanzia altri 20 milioni di risorse che verranno trasferite alla contabilità speciale intestata al Commissario delegato. "La contabilità speciale intestata al Commissario delegato per l'emergenza", che in base all'ordinanza del 20 agosto disponeva di 33,5 milioni, "è integrata di 9 milioni di euro per l'anno 2018 e 11 milioni di euro per l'anno 2019", si legge nel testo. Le risorse sono coperte con l'uso del Fondo per le emergenze nazionali.

Il decreto Genova reintroduce, in deroga agli art. 4 e 22 del Jobs Act, la Cigs (cassa integrazione guadagni straordinaria) per cessazione di attività. La misura potrà essere autorizzata "sino ad un massimo di 12 mesi complessivi per gli anni 2019 e 2020". Il decreto specifica: la "sostenibilita'" dell'onere finanziario per la copertura sarà "verificata in sede di accordo governativo". "Qualora dal monitoraggio emerga che è stato raggiunto o sarà raggiunto il limite di spesa, non possono essere stipulati altri accordi.

Nella bozza del dl non compaiono più i fondi per il Terzo Valico dei Giovi. Nel testo non c'è il comma 3 dell'articolo 16, che prevedeva di assegnare al sesto lotto del Terzo Valico 791 milioni di euro ad integrazione del finanziamento già disponibile. In una precedente bozza su questo comma era indicata la contrarietà del ministero delle infrastrutture e trasporti.

Per le spese della squadra commissario straordinario che si occuperà della ricostruzione vengono messi a disposizione per il prossimo triennio 4,5 milioni di euro complessivi (suddivisi in 1,5mln per il 2018, 1,5mln per il 2019 e 1,5mln per il 2020). Il commissario avrà a disposizione un contingente massimo di personale pari a venti unità, di cui 19 unità di personale non dirigenziale e una unità di personale dirigenziale di livello non generale.

Il decreto Genova, dopo aver avuto la bollinatura, è al vaglio del Quirinale. Era stato lo stesso vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, a darne notizia. Si tratta, aveva spiegato Di Maio anticipando la bozza diffusa poi giovedì sera, "di un decreto più ampio", in cui "ci sono le misure per il Centro-Italia e la cassa integrazione per cessazione di attività per i lavoratori di Bekaert".

Commenti
    Tags:
    decreto genovadi maiogenova decreto ragioneria statogenova
    in evidenza
    "Vita in Diretta, misura colma" L'Ad Salini sul piede di guerra

    MediaTech

    "Vita in Diretta, misura colma"
    L'Ad Salini sul piede di guerra

    i più visti
    in vetrina
    Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO

    Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ford presenta l’app FordPass Pro dedicata ai clienti business delle piccole

    Ford presenta l’app FordPass Pro dedicata ai clienti business delle piccole


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.