A- A+
Cronache
Diciotti, svaniti 40 migranti sbarcati. Salvini: Ma non li avevo sequestrati?

Quaranta immigrati sbarcati dalla Diciotti e trasferiti nel centro Cei di Rocca di Papa, sono fuggiti facendo perdere le loro tracce e svanendo nel nulla. L'annuncio proviene da fonti del Quirinale. I sottosegretari all'Interno Stefano Candiani e Nicola Molteni hanno commentato durissimi: "Si sono già dileguati 40 dei 144 immigrati maggiorenni sbarcati dalla Diciotti e affidati alla Cei o al centro di Messina. Ricordiamo che, per la legge, queste persone hanno libertà di movimento e quindi non sono sottoposte alla sorveglianza dello stato. Erano così disperate che hanno preferito rinunciare a vitto e alloggio garantiti per andare chissà dove. È L'ennesima prova che chi sbarca in italia non sempre scappa dalla fame e dalla guerra, nonostante le bugie della sinistra e di chi usa gli immigrati per fare business".

Riassumendo la situazione nel dettaglio, sono sei gli immigrati che avrebbero fatto perdere tracce di sé il primo giorno di trasferimento, ovvero venerdì 31 agosto. A costoro si sono poi aggiunti due eritrei destinati alla diocesi di Firenze e che invece sono scomparsi il 2 settembre. Infine, altri diciannove dei quaranta irreperibili sono scomparsi il 3 settembre e tredici che dovevano essere accompagnati in altre diocesi si sono allontanati ieri, martedì 4 settembre.

Alla notizia della scomparsa dei quaranta migranti sbarcati, si è ovviamente espresso Matteo Salvini, non mandandole a dire: "Più di 50 degli immigrati sbarcati dalla Diciotti erano così bisognosi di avere protezione, vitto e alloggio, che hanno deciso di allontanarsi e sparire! Ma come, non li avevo sequestrati? È l’ennesima conferma che non tutti quelli che arrivano in Italia sono scheletrini che scappano dalla guerra e dalla fame. Lavorerò ancora di più per cambiare leggi sbagliate e azzerare gli arrivi".

La Caritas ha invece precisato che non si tratta di fuga, bensì di "allontanamento volontario", e secondo Don Francesco Soddu: "Si fugge da uno stato di detenzione e non è questo il caso, nessuno vuole rimanere in Italia, si sa [...] Queste persone davanti ad una situazione di affidamento o prima o dopo avrebbero potuto scegliere di allontanarsi volontariamente poiché la struttura che li accoglie non ha il compito di trattenerli".

Commenti
    Tags:
    diciottimigrantimatteo salvinimigranti diciotti scomparsi

    in evidenza
    Nuovo testo per il "Padre Nostro" Cambia il passo sulla tentazione

    Chiesa

    Nuovo testo per il "Padre Nostro"
    Cambia il passo sulla tentazione

    i più visti
    in vetrina
    Cristiano Ronaldo, proposta di matrimonio a Georgina Rodriguez: ecco l'anello

    Cristiano Ronaldo, proposta di matrimonio a Georgina Rodriguez: ecco l'anello

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

    Nuova BMW X5, sempre due passi avanti

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.