A- A+
Cronache
Dopo le rivelazioni di Ingroia, Ezio Mauro e Napolitano devono chiarire

Inquietanti rivelazioni emergono dal libro Le Trattative scritto dall’ex PM Antonio Ingroia insieme a Pietro Orsatti e presentato ieri a Roma alla presenza, tra gli altri, del procuratore della DNA Nino Di Matteo. Il libro riguarda la vicenda dello scontro tra la Procura della Repubblica di Palermo e il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano e le sue casuali intercettazioni con Nicola Mancino (peraltro unico assolto nel processo di primo grado che ha visto pesanti condanne) nella cosiddetta trattativa Stato - Mafia.

Napolitano voleva la distruzione delle intercettazioni e la Procura le voleva utilizzare, dopo averle depositate, come da prassi.

La vicenda è stata narrata in questo articolo di Affari:

http://www.affaritaliani.it/cronache/stato-mafia-l-ex-pm-ingroia-il-quirinale-invio-ezio-mauro-per-mediare-549097.html

L’allora (siamo nell’ottobre 2012) direttore de La Repubblica Ezio Mauro è stato inviato -dice Ingroia- dal Quirinale per trattare. Prudentemente Ingroia precisa di non sapere se il Capo dello Stato fosse a conoscenza della missione. A dar credito a quanto scritto nel libro appena uscito, Mauro era relatore di una terna di nomi indicata dal Quirinale: Anna Finocchiaro, Luca Palamara e Paola Severino e Ingroia scelse la Finocchiaro, ma la trattativa si arenò subito e il Colle si rivolse alla Corte Costituzionale (che gli diede ragione) aprendo un pericoloso conflitto tra le istituzioni repubblicane.

Alcune considerazioni sono d’obbligo. Come è possibile che il Quirinale, anche se non direttamente il Capo dello Stato, mandi un giornalista, di fatto un privato cittadino, a cercare di comporre una delicatissima questione di conflitto tra poteri dello Stato, risolte peraltro dalla Consulta?

Quale ruolo preciso aveva Mauro nella vicenda e quali le sue eventuali deleghe a trattare dal Colle? Perché il Colle si rivolse proprio al direttore de La Repubblica?

Perché la trattativa con la Finocchiaro si arenò subito?

Ingroia nel libro risponde all’ultima domanda, ma restano i dubbi. Secondo l’ex PM la trattativa fallì subito perché “qualcuno fece il doppio gioco e nel frattempo il Colle procedette come un bulldozer rivolgendosi alla Corte istituzionale". Chi fece il doppio gioco e in che senso?

Una serie di domande che meritano sicuramente una risposta da parte di chi allora era implicato nella vicenda. Ingroia, coraggiosamente, la sua versione dei fatti l’ha già data, ora l’ex Capo dello Stato Giorgio Napolitano ha la possibilità e la serenità (da senatore a vita) di chiarire. Se lo aspetta il popolo italiano se lo aspettano le istituzioni repubblicane.

Tags:
ezio mauroantonio ingroianino di matteogiorgio napolitanola repubblicapietro orsatti

in evidenza
Tre stelle a Mauro Uliassi E' il decimo chef in Italia

Siamo il secondo paese al mondo

Tre stelle a Mauro Uliassi
E' il decimo chef in Italia

i più visti
in vetrina
Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.