A- A+
Cronache
LastragediCapaci

La Direzione investigativa antimafia (Dia) sta eseguendo otto provvedimenti di custodia cautelare, emessi dal gip di Caltanissetta su richiesta della Direzione distrettuale antimafia (Dda) diretta dal procuratore Sergio Lari, nell'ambito delle indagini sulla strage di Capaci. Sono in corso anche numerose perquisizioni. Nell'attentato furono uccisi il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta.

L'inchiesta della Dda, che si è basata anche sulle dichiarazioni dei pentiti Gaspare Spatuzza e Fabio Tranchina, ricostruisce i tasselli mancanti relativi alle fasi deliberativa, preparatoria ed esecutiva della strage di Capaci. In particolare gli inquirenti affermano di avere ''squarciato il velo d'ombra nel quale erano rimasti alcuni personaggi, mai prima d'ora sfiorati dalle inchieste sull'eccidio di Capaci''.

Tra i destinati delle otto misure cautelari c'e' il capomafia Salvo Madonia, gia' detenuto al carcere duro e sotto processo attualmente nell'ambito del processo "Borsellino quater". Poi Cosimo D'Amato, un pescatore di Santa Flavia, finito in manette nel novembre scorso su ordine dei pm di Firenze che indagano sulle stragi mafiose del '93: secondo gli inquirenti, avrebbe fornito l'esplosivo utilizzato per gli attentati di Roma, Firenze e Milano. I pm nisseni gli contestano di avere procurato alle cosche anche il tritolo usato per l'eccidio di Capaci. D'Amato avrebbe recuperato l'esplosivo da residuati bellici che erano in mare. Gli altri arrestati sono Giuseppe Barranca, Cristoforo Cannella, Cosimo Lo Nigro, Giorgio Pizzo, Vittorio Tutino e Lorenzo Tinnirello, tutti in carcere da tempo, con condanne pesanti per reati di mafia e omicidio. La nuova inchiesta, si basa sulle dichiarazioni dei pentiti Gaspare Spatuzza e Fabio Tranchina. Rilevante il ruolo della famiglia mafiosa di Brancaccio nella preparazione e nell'esecuzione dell'attentato.

I particolari dell'operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa, che si terra' alle ore 10,30 presso gli uffici della Procura della Repubblica di Caltanissetta, alla presenza del Procuratore Nazionale Antimafia Giusto Sciacchitano, del procuratore capo Sergio Lari, dell'aggiunto Domenico Gozzo e del direttore della Direzione investigativa antimafia Arturo De Felice.

Tags:
capacifalconearresti
in vetrina
Donne infedeli? A Milano la mostra curata da Sgarbi "Così fan tutte"

Donne infedeli? A Milano la mostra curata da Sgarbi "Così fan tutte"

i più visti
in evidenza
Emma Marrone: "Mi devo fermare Ho un problema di salute"

Spettacoli

Emma Marrone: "Mi devo fermare
Ho un problema di salute"


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Iniziano le prevendite della nuova Audi A1 citycarver

Iniziano le prevendite della nuova Audi A1 citycarver


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.